Personaggi di Ken il guerriero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

1leftarrow.pngVoce principale: Ken il guerriero.

Ecco l'elenco dei personaggi principali del manga e dell'anime di Ken il guerriero di Buronson e Tetsuo Hara. I nomi indicati sono quelli usati nel manga, mentre tra parentesi, in corsivo, è indicato il nome originale giapponese.

Divina Scuola di Hokuto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Divina Scuola di Hokuto.

La Divina Scuola di Hokuto (北斗神拳 Hokuto Shinken?, Colpo divino dell'Orsa maggiore) è una tecnica di arti marziali basata sulla conoscenza di punti segreti del corpo umano che se stimolati possono curare malattie ma anche causare la morte. Inoltre, essa prevede anche l'utilizzo completo delle capacità del corpo mediante concentrazione e la capacità di "copiare" le tecniche segrete degli avversari.

Kenshiro[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Kenshiro.

Kenshiro (ケンシロウ Kenshirō?) è il protagonista della saga, indicato anche come l' uomo dalle sette stelle ed il 64º successore della Divina scuola di Hokuto.

Il suo carattere e la sua forza vengono temprati dagli innumerevoli scontri che si trova a dover combattere nell'arco della serie, portandolo a padroneggiare anche le tecniche più segrete della sua scuola. È originario della Terra dei Demoni ed ha un fratello biologico, Hyo. Entrambi sono discendenti della linea dinastica del fondatore della Divina scuola di Hokuto.

Raoul[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Raoul.

Raoul (ラオウ Raō?), noto come Re di Hokuto (Ken-Oh), è il maggiore tra i bambini adottati da Ryuken, il più ambizioso e il più forte fisicamente. Fratello biologico di Kaio, Toki e Sayaka, proviene dalla Terra dei Demoni. A causa della sua ferocia e della sua sete di potere, è l'antagonista principale di Kenshiro nella prima serie della saga.

Toki[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Toki.

Toki (トキ? "Toky" nell'anime) è fratello biologico di Kaio, Raoul e Sayaka e come loro originario della Terra dei Demoni. Originariamente destinato ad essere il successore della Divina Scuola, è costretto a rinunciarvi a causa di una grave malattia tenuta inizialmente nascosta a tutti tranne che al maestro Ryuken. Toki, conoscendo l'indole di Kenshiro, temeva che lo stesso avrebbe rinunciato alla lotta per la successione sapendo della propria malattia. L'inizio della Terza Guerra Mondiale e la successiva esposizione alle radiazioni (per salvare Kenshiro, Julia ed un intero rifugio pieno di bambini) fa sì che i personaggi principali della storia credano che la malattia sia dovuta alle radiazioni. Questo permette a Toki di rinunciare al titolo di successore ed iniziare il proprio viaggio. Riscoperta allora la sua vocazione di guaritore, comincia a vagare per il mondo applicando a fini medici i principi della Divina scuola di Hokuto, restando comunque coinvolto nella guerra tra Kenshiro e Raoul.

Combatte utilizzando prevalentemente tecniche passive, che lasciano scorrere l'energia combattiva dell'avversario senza contrastarla, ed utilizza colpi che non provocano dolore, i cosiddetti Colpi della pietà di Hokuto (北斗有情拳 Hokuto Ujō Ken?).

Jagger[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Jagger.

Jagger (ジャギ Jagi?) è il più debole degli adepti di Ryuken e l'unico a non disdegnare l'uso delle armi, comprese quelle da fuoco. Perfido e vile, non esita a servirsi di qualunque mezzo pur di raggiungere i propri scopi.

Ritenendosi vanagloriosamente l'unico degno di diventare il successore della Divina scuola di Hokuto, diventa folle dall'ira quando viene a sapere che il designato è invece Kenshiro, il suo "fratello" più piccolo; lo affronta quindi in un combattimento dal quale esce sconfitto e col volto sfigurato.

Carico d'odio, ordisce allora una complessa e diabolica trama ai danni del successore della Divina scuola di Hokuto: prima irretisce Shin, amico di Kenshiro, convincendolo a rapire Julia, la sua amata, poi, quando la sua fama di liberatore comincia a diffondersi, si spaccia per lui commettendo ogni genere di nefandezza e di violenza pur di rovinarne la reputazione. Viene infine trovato da Kenshiro che lo sconfigge al termine di un duro combattimento.

Jagger è il primo adepto di Hokuto a mostrare la peculiarità della sua scuola di "copiare" le tecniche degli avversari, anche dopo averle viste una sola volta: nel combattimento contro Kenshiro, infatti, utilizza la Tecnica dell'aquila solitaria della Croce del sud (南斗孤鷲拳 Nanto Koshūken?) di cui era maestro Shin.

Ryuken[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Ryuken.

Ryuken (リュウケン Ryūken?), il cui vero nome è Ramon Kasumi, è il 63º maestro della Divina Scuola di Hokuto. Non avendo avuto figli propri, adotta quattro bambini riservandosi di scegliere a tempo debito chi di loro gli sarebbe succeduto: essi sono Raoul, Toki, Jagger e Kenshiro. La sua scelta ricade sul più giovane, Kenshiro, e questo innesca tutta la serie di eventi che fanno da prologo alla saga. Viene ucciso da Raoul, che approfitta di un suo attacco di cuore per infliggerli un colpo fatale.

È il fratello minore di Kenshiro Kasumi, 62º maestro della Divina scuola di Hokuto, detto il Re dell'Inferno e protagonista della serie Ken il guerriero: Le origini del mito (蒼天 の 拳, Sōten no Ken?), manga ambientato nella Shangai negli anni trenta.

Kenshiro Kasumi[modifica | modifica sorgente]

« Nǐ yǐ jīng sǐ le...Tu sei già morto! »
Kenshiro Kasumi
Nome orig. 霞拳志郎 (Kenshiro Kasumi)
Lingua orig. Giapponese
Alter ego

Re dell'Inferno

Autori
1ª app.
  • Manga: Capitolo 1
  • Anime: Episodio 1
1ª app. in Comic Bunch
Editore it. Panini Comics - Planet Manga
Voce orig. Kouichi Yamadera
Voce italiana Massimiliano Plinio
Sesso Maschio
Etnia giapponese
Abilità

Hokuto Shinken

Parenti
  • Tesshin Kasumi (padre)
  • Ryuken (fratello minore)

Kenshiro Kasumi (霞拳志郎 Kenshiro Kasumi?) è il 62º maestro della Divina scuola di Hokuto, detto il Re dell'Inferno "Yan Wang" (閻王) e protagonista della serie Ken il guerriero: Le origini del mito (蒼天 の 拳, Sōten no Ken?), ambientato nella Shangai negli anni trenta. È Lo zio di Kenshiro di Hokuto no Ken.

In Giappone, a Tokyo, è professore all'università femminile Yotsuya mentre a Shangai è conosciuto come il Re dell'Inferno. Ama fumare sigarette, leggere libri e possiede un olfatto prodigioso.

Koryu[modifica | modifica sorgente]

Koryu
Nome orig. コウリュウ (Koryu)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 98
  • Anime: Episodio 69
Voce orig. Hidekatsu Shibata
Voce italiana Vittorio Battarra
Sesso Maschio
Abilità

Divina scuola di Hokuto

Parenti
  • Zeus (figlio primogenito)
  • Aus (figlio secondogenito)

Koryu (コウリュウ Koryu?) era conosciuto anche come Dragone di Hokuto; è colui che ha combattuto con Ryuken per ottenere la successione della Divina Scuola di Hokuto. Resosi conto che le loro forze erano pari e che era insensato continuare a combattere fino alla morte, Koryu decide di lasciare il titolo di successore a Ryuken e ritirarsi in una grotta a fare vita ascetica, in modo da non essere tentato di utilizzare di nuovo la tecnica di Hokuto. Ha due figli, Zeus e Aus.

Molti anni dopo, con la caduta dell'impero di Souther, egli chiede al suo seguace Zengyo di tenere d'occhio Raoul, temendo che questi possa decidere di affrontarlo, comprendendo la sua rabbia siccome anch'egli avrebbe voluto diventare successore della Divina Scuola di Hokuto, ma, rispettoso di questa tradizione, egli sembra deciso ad affrontare il Re di Hokuto per impedirgli di continuare ad utilizzare la propria tecnica. Raoul, infatti, si dirige proprio nella sua direzione, desideroso di scoprire se la ferita infertagli da Kenshiro nel loro primo scontro è completamente guarita. Koryu spedisce dunque Zengyo ad avvisare Toki dell'arrivo di Raoul e dice ai suoi figli di lasciare il posto e non provare in nessun modo ad affrontare Raoul. Al sopraggiungere del Re di Hokuto, Koryu si prepara ad affrontarlo. Lo scontro inizia con i due che sferrano una serie di pugni parando i colpi dell'avversario a vicenda. Koryu scaglia un colpo di enorme potenza che Raoul evita e l'energia sprigionata manda in frantumi la roccia, tanto da lasciare stupito persino Raoul. Koryu, a sua volta sorpreso dalla bravura e dall'energia del suo avversario, si prepara per sferrare il colpo dell' Eliminazione delle Sette Stelle con il quale mette in gioco la propria vita per eliminare quella dell'avversario. Raoul, però, risponde con il suo pugno che strappa le mani di Koryu per poi infliggergli la tecnica dei Cento Pugni Distruttivi di Hokuto (北斗百裂拳 Hokuto Hyakuretsuken?), condannandolo quindi a morte. Prima di morire, Koryu comprende che con Raoul, Toki e Kenshiro la scuola di Hokuto ha raggiunto la massima potenza e si chiede come mai Dio abbia creato questi tre uomini tutti nella stessa epoca, poiché ognuno di loro sarebbe potuto diventare un successore.

Sacra Scuola di Nanto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Sacra Scuola di Nanto.

La Sacra Scuola di Nanto (南斗聖拳 Nanto Seiken?, Sacro colpo del Mestolo del Sud) è una tecnica di arti marziali che, diversamente dalla Divina scuola di Hokuto, non prevede un unico stile ma è suddivisa in 108 diverse scuole.

Per questo motivo essa prevede una grandissima varietà di colpi, alcuni dei quali prevedono anche l'uso di armi bianche. Infatti, alla base di questa tecnica vi è la distruzione del corpo dell'avversario "dall'esterno", ponendosi nuovamente in opposizione con la Divina Scuola di Hokuto che invece porta alla distruzione "dall'interno".

I 6 Sacri Guerrieri di Nanto[modifica | modifica sorgente]

I 108 rami della Sacra scuola di Nanto fanno capo a 6 stili principali (Nanto Rokuseiken - 南斗六聖拳, Sei Sacri Pugni del Mestolo del Sud), i cui maestri sono detti i Sei Sacri Guerrieri di Nanto. Il destino di ciascuno di essi è legato e influenzato da una delle Sei stelle della costellazione del Mestolo del Sud (南斗六星 Nanto Rokusei?) e le loro tecniche, ad eccezione del sesto, si ispirano ai movimenti di un uccello simbolico: l'aquila, il cigno, la gru, l'airone e la fenice.

Shin[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Shin.

Shin (シン?) è il guerriero di Nanto nato sotto la "Stella del sacrificio" (殉星 Jun-sei?). In combattimento utilizza il Pugno dell'Aquila Solitaria di Nanto (南斗孤鷲拳 Nanto Koshū Ken?), basato su colpi di punta portati sia con i calci che con le mani e dotati di un'elevata capacità di penetrazione nel corpo dell'avversario. Grande amico di gioventù di Kenshiro, aveva sempre tenuto segreto il profondo amore nutrito per Julia, fidanzata dell'amico, fino a quando, all'indomani dell'olocausto nucleare, viene indotto da Jagger a rapirla, sconfiggendo l'incredulo amico ed umiliandolo imprimendogli sul petto le 7 cicatrici che ricalcano la posizione delle stelle della costellazione dell'Orsa Maggiore.

Fermamente convinto che "la forza è l'unica legge", costituisce un vasto esercito allo scopo di conquistare quante più terre possibili e l'amore di Julia, arrivando addirittura a costruire un'intera città, la Croce del Sud. Tuttavia, tradito dai suoi soldati e pressato dall'incombente esercito di Raoul, si scontra con Kenshiro. Sconfitto dall'ex-amico, in un impeto d'orgoglio preferisce suicidarsi piuttosto che morire per i colpi dell'avversario.

Rei[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Rei.

Rei (レイ? "Rey" nell'anime) è il guerriero di Nanto nato sotto la "Stella del dovere o della giustizia" (義星 Gi-sei?). In combattimento utilizza il Pugno dell'Uccello d'Acqua di Nanto (南斗水鳥拳 Nanto Suichō Ken?), basato su una grande agilità e spettacolari salti e su colpi rapidissimi che "tagliano" l'avversario.

Vede la sua vita andare in pezzi quando i briganti capeggiati da Jagger uccidono i suoi genitori e rapiscono sua sorella Aily. In cerca di vendetta incontra Kenshiro, di cui diventa grande amico, e Mamiya, di cui si innamora. Proprio per difendere lei e il suo villaggio si scontra con Raoul, da cui viene sconfitto e condannato a tre giorni di dolore prima di morire. In questo lasso di tempo si scontra con Yuda, responsabile dell'assassinio della famiglia di Mamiya, sconfiggendolo.

Yuda[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Yuda.

Yuda (ユダ?) è il guerriero di Nanto nato sotto la "Stella dell'incantamento, tradimento o della bellezza" (妖星 Yō-sei?), nota anche come "Stella del tradimento" (裏切りの星 Uragiri no Hoshi?). In combattimento utilizza il Pugno della Gru Rossa di Nanto (南斗紅鶴拳 Nanto Kōkaku Ken?), basato su colpi taglienti portati verticalmente che, sfruttando la pressione dell'aria, creano lame di vento in grado di colpire l'avversario anche a distanza. L'appellativo "rossa" fa riferimento alla gran quantità di schizzi di sangue che i colpi di questa tecnica provocano.

In pieno rispetto del nome della stella che lo guida (l'ideogramma Yo ( ?) può essere tradotto come bellezza, ma anche come magia, tradimento o demone), Yuda presenta ambiguità caratteriali e sessuali, che si manifestano in un'ossessione morbosa per ogni tipo di bellezza e depravazione, nel tradimento della Sacra Scuola di Nanto, che abbandona per unirsi al Re di Hokuto (Raoul), e nel morboso rapporto di amore-odio per l'eleganza di Rei.

Infatti, affascinato dalla bellezza di Mamiya, non esita ad ucciderne i genitori pur di rapirla e farla entrare nel suo harem. Nonostante in seguito lei riesca a fuggire, ne rimarrà sempre segnata psicologicamente finché l'incontro con Rei non le ridarà la serenità. Venuto a sapere di questa relazione e del destino imposto da Raoul a Rei, per cui nutre un profondo rancore nato dall'invidia per il suo portamento, la bellezza e la tecnica, attacca il villaggio di Mamiya con l'intento di negare a Rei anche l'ultimo sostegno dei suoi ultimi tre giorni di vita. Ne segue un combattimento tra i due maestri di Nanto, che Yuda cerca di far volgere a proprio favore con un trucco volto a limitare le tecniche di Rei. Nonostante questo, Rei, facendo appello a tutta la propria forza di volontà, riesce ad avere il sopravvento sull'avversario, a cui non resta che spirare tra le sue braccia confessandogli di averlo sempre ammirato.

Shu[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Shu.

Shu (シュウ Shū?) è il guerriero di Nanto nato sotto la "Stella della benevolenza" (仁星 Jin-sei?). In combattimento utilizza la Pugno dell'Airone Bianco di Nanto (南斗白鷺拳 Nanto Hakurō Ken?), basato principalmente su colpi taglienti inflitti con le gambe, senza tuttavia escludere l'uso delle mani.

Rimasto cieco anni prima per essersi volontariamente tolto la vista per salvare la vita ad un giovanissimo Kenshiro, è nemico giurato di Souther, al cui esercito si oppone organizzando azioni di guerriglia. Nutre una profonda fiducia in Kenshiro, al punto di accettare il sacrificio della vita fatto dal suo stesso figlio, Shiba, pur di liberarlo dalle prigioni in cui era stato rinchiuso dopo la sconfitta subita nel primo scontro con Souther. Catturato anche lui, viene costretto ad un atroce martirio per salvare i suoi uomini ed i loro figli: viene caricato di una pesantissima pietra ed obbligato a scalare un'altissima piramide, simbolo del potere di Souther. Il suo sacrificio non solo risveglia lo spirito combattivo di Kenshiro, ma attira anche gli altri due discepoli della Divina Scuola di Hokuto, Raoul e Toki. Poco prima di morire schiacciato dalla pietra, all'apice della sofferenza, riacquista miracolosamente la vista riuscendo a vedere per la prima volta il volto adulto di Kenshiro e ritrovando la serenità nella consapevolezza che lo scontro finale volgerà a favore dell'uomo di Hokuto.

Souther[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Souther.

Souther (サウザー Sauzā?, "Sauzer" nell'anime) è il guerriero di Nanto nato sotto la "Stella del comando, della tirannia o del dominatore" (将星 Shō-sei?), nota anche come "Stella polare" (極星 Kyoku-sei?) e "Stella della Croce del Sud" (南十字星 Minami-jūji-sei?). Insieme a Shin e Raoul, è uno dei principali dittatori del primo periodo successivo all'olocausto, tanto da auto-dichiararsi Sacro imperatore (聖帝 Seitei?). In combattimento utilizza il Pugno della Fenice Mitologica di Nanto (南斗鳳凰拳 Nanto Hōō Ken?) che non prevede posizioni difensive e si basa su tagli a croce effettuati principalmente mediante la proiezione dello spirito combattivo.

A causa del tragico rito di successione alla sua scuola, che lo ha obbligato ad uccidere il suo maestro e padre adottivo Ogai, ha perso completamente fiducia nell'amore, divenendo crudele e spietato. Questo lo ha reso l'antagonista designato di Shu e Kenshiro, simboli di coloro che invece combattono per amore.

Sua caratteristica peculiare è la sua particolare condizione fisiologica (realmente esistente e chiamata Situs viscerum inversus) per cui tutti gli organi del suo corpo si trovano in posizione speculare rispetto alla norma, comportando un'inversione anche dei punti di pressione che lo rende inizialmente insensibile ai colpi della Divina Scuola di Hokuto.

Julia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Julia.

Yulia (ユリア Yuria?, "Julia" nell'anime) è l'unica donna che Kenshiro abbia mai amato ed il sesto dei sei Sacri Guerrieri di Nanto, anche chiamato "Sesto generale"; è nata sotto la "Misericordiosa stella dell'amore materno" (慈母星 Jibo-sei?).

È il motore degli eventi di tutta la prima serie, essendo l'oggetto dell'amore non solo del protagonista, a cui comunque resta sempre fedele, ma anche di Shin, Raoul, Juza (di cui però è sorella) e Toki, nonché dell'affetto di suo fratello Ryuga. Affetta da una grave malattia polmonare, muore nel periodo che intercorre tra la prima e la seconda serie.

I cinque Astri in cerchio di Nanto[modifica | modifica sorgente]

I Cinque Astri in Cerchio di Nanto (南斗 五車聖 Nanto Goshasei?), anche detti le cinque forze di Nanto (nell'anime), sono le guardie del corpo del sesto Sacro Guerriero della Croce del Sud, colui che è nato sotto la "Misericordiosa stella dell'amore materno". Essi non appartengono a nessuno dei 108 rami della Sacra scuola di Nanto ma fanno riferimento alle stelle della costellazione dell'Auriga (馭者座 Gyoshaza?) e ciascuno di essi è guidato da un elemento: aria ( Kaze?), fuoco ( Honō?), montagna ( Yama?), nuvola ( Kumo?), mare ( Umi?).

Hyui[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Hyui.

Hyui del Vento (風 の ヒューイ Kaze no Hyūi?, "Wein, figlio del Vento" nell'anime) è il primo dei cinque Astri a manifestarsi, scontrandosi, a capo della sua "Brigata del vento", con Raoul e il suo esercito per rallentarne l'avanzata. Muore nel tentativo di fermare personalmente Raoul. Nella serie TV, è fratello di Shuren delle Fiamme e di Chon.

La sua tecnica di combattimento, chiamata Colpo del vento (風の拳 Kaze no Ken?), si basa sul controllo delle correnti d'aria e gli permette di colpire gli avversari a distanza e di aumentare la sua velocità di movimento. Nella serie TV il suo colpo principale è chiamato Attacco delle cinque forze del vento (五車風裂拳 Gosha Fūrestuken?).

Shuren[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Shuren.

Shuren delle Fiamme (炎 の シュレン Honō no Shuren?, "Shuren, figlio del Fuoco" nell'anime) è il secondo a manifestarsi dei cinque Astri. Affranto ed in collera per la morte di Hyui del Vento, si pone alla testa della sua "Armata delle fiamme rosse" e si scontra con Raoul e il suo esercito, senza tuttavia riuscire a sconfiggerlo nonostante arrivi ad auto-immolarsi. Nella serie TV è fratello di Hyui e di Chon.

La sua tecnica di combattimento è basata sul controllo del fuoco e nella serie TV il suo colpo principale è chiamato Attacco delle cinque forze del fuoco (五車炎情拳 Gosha Enjōken?).

Fudo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Fudo.

Fudo della Montagna (山 の フドウ Yama no Fudō?) era in origine un terribile predone detto Fudo l'orco o Fudo il demonio (悪鬼 の フドウ Akki no Fudō?), talmente crudele e minaccioso da intimorire persino il giovane Raoul. Il suo modo di essere cambiò radicalmente dopo l'incontro con una Julia ancora bambina, che, nonostante fosse completamente indifesa, gli si parò davanti per difendere una cucciolata di cani. Da allora Fudo le giurò eterna fedeltà diventando difensore dei bambini ed uno dei cinque Astri.

Gigantesco come una montagna, incontra Kenshiro e gli rivela che il Sesto generale vuole incontrarlo e lo sta aspettando con ansia. Si unisce così a lui accompagnandolo fino alle porte della Capitale di Nanto, dove è costretto a lasciarlo per andare a salvare due dei suoi figli adottivi, rapiti da un seguace dell'esercito di Raoul.

Successivamente Fudo viene sfidato dallo stesso Raoul, che vuole affrontare l'orco che lo aveva terrorizzato in gioventù per superare la paura per Kenshiro, nata dopo il loro ultimo scontro. Prima del duello, Raoul traccia una linea per terra ordinando ai suoi soldati di colpirlo con una balestra gigantesca se dovesse indietreggiare oltre la linea. Fudo combatte a malincuore ed è facilmente messo alle strette, ma quando Raoul riconosce negli occhi del suo avversario ed in quelli dei suoi figli adottivi la stessa tristezza che ha visto negli occhi di Kenshiro, indietreggia. I suoi soldati, però, trasgredendo all'ordine colpiscono a morte Fudo invece di Raoul.

Il nome e il personaggio di "Fudō" fanno riferimento alla figura religiosa buddhista Acala (阿遮羅 Achara?) o Fudō myō-ō (不動明王?), detta "Colui che non si muove".

Juza[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Juza.

Juza delle Nuvole (雲 の ジュウザ Kumo no Jūza?) è il più abile combattente dei cinque Astri, ma è anche quello dal temperamento più mutevole. Il suo stile di combattimento è "senza forma", senza posizioni o movimenti prestabiliti e mutevole come una nuvola. Alla base della sua tecnica c'è il tentativo di infilarsi tra i colpi dell'avversario per portarsi quasi a contatto col suo corpo e colpirlo in un punto vitale con la propria energia combattiva. La sua tecnica più potente è il Colpo del muro infranto (撃壁背水掌 Gekiheki Haisuishō?).

Vive in una specie di comune insieme ai suoi uomini e ad un harem personale e, apparentemente, non ha interesse per nulla. Questa apatia nasce da una precoce delusione d'amore: da giovane avrebbe voluto sposare Julia, della quale era profondamente innamorato, ma ciò gli fu impedito dalla scoperta di essere suo fratello (fratellastro nella traduzione italiana). Quando gli viene rivelato che proprio Julia è il Sesto Generale, il suo amore mai sopito lo spinge finalmente a scontrarsi con Raoul, riuscendo a metterlo in seria difficoltà e persino a rubargli il cavallo, l'irascibile Re Nero. Nello scontro successivo, però, la forza di Raoul ha il sopravvento e Juza viene sconfitto.

Rihaku[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Rihaku.

Rihaku del Mare (海 の リハク Umi no Rihaku?) è l'ultimo dei cinque Astri posti a difesa del Sesto generale e, essendo il più anziano, ne è per certi versi anche il capo e lo stratega: resta infatti sempre all'interno del palazzo del Generale, da dove impartisce ordini agli altri quattro Astri.

È maestro di strategia e trappole ma, come Hyui e Shuren, non possiede doti combattive eccezionali, tanto che nel manga non tenta nemmeno di affrontare Raoul. Nell'anime invece utilizza una propria tecnica chiamata Colpo dell'onda delle Cinque forze Nanto (五車 波砕拳 Gosha Hasuiken?).

Nella seconda serie, Rihaku è lo stratega dell' Armata di Hokuto, il gruppo di rivoluzionari capeggiati da Bart e Lynn che si oppone all'Imperatore e ai Generali della Scuola di Gento.

"Rihaku" è anche il nome giapponese dell'importante poeta cinese Li Po.

Scuola Imperiale di Gento[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Scuola Imperiale di Gento.

La Scuola Imperiale di Gento (元斗皇拳 Gento Kō Ken?) nacque appositamente per proteggere la figura dell'Imperatore. I maestri delle sue tecniche sono per questo chiamati Generali e sono caratterizzati ciascuno dal colore della luce con cui si manifesta la loro aura combattiva. Nel manga i generali di Gento sono tre, mentre nell'anime sono cinque.

Soria[modifica | modifica sorgente]

Soria della Luce Purpurea
Nome orig. 紫光のソリア (Murasaki Hikari no Soria)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 146
  • Anime: Episodio 114
Voce orig. Michihiro Ikemizu
Voce italiana Marco Mete
Sesso Maschio
Abilità

Scuola Imperiale di Gento

Soria della Luce Purpurea (紫光のソリア Murasaki Hikari no Soria?) è il generale della Luce Purpurea di Gento e il primo esponente di questa scuola a comparire nella saga. Porta una benda sull'occhio sinistro.

Pur non essendo realmente malvagio, Soria è un uomo ambizioso e arrogante. In passato ebbe la presunzione di sfidare a duello il Generale Falco della Luce Dorata, ricavandone solo una dura sconfitta e la perdita accidentale dell'occhio sinistro. Da allora scese a più miti consigli e, sapendo di non poter battere il Generale della Luce d'Oro, è diventato uno dei più devoti generali di Cento. Ha ricevuto dal viceré Jako l'ordine di sradicare dal mondo gli ultimi resti delle scuole di Hokuto e di Nanto e lo persegue con grande zelo, felice di poter sfogare su qualcuno il rancore verso Falco.

Nell'anime, per raggiungere l'obiettivo ordinatogli, Soria attacca il villaggio di Mamiya, sicuro di attirare allo scoperto Kenshiro, uccidendo il decano e distruggendo le sculture da lui scolpite, dei più grandi guerrieri di Hokuto e di Nanto (nel manga questo ruolo è ricoperto da Falco). Il piano funziona: Kenshiro, già casualmente da quelle parti, accorre in aiuto dell'amica. Nel combattimento che ne segue il Generale di Cento ha inizialmente la meglio, forte del vantaggio che il suo avversario fronteggia le tecniche di una scuola sconosciuta. Infatti, con il Colpo della Spada di Luce Rotante di Cento provoca una serie di ferite verticali sul corpo di Kenshiro; nel manga schiva anche un calcio del suo avversario e lo colpisce ad una spalla, nell'anime i colpi riportati a Kenshiro sono diversi al punto da scaraventarlo a terra lontano da lui. Soria lo attacca nuovamente con il Colpo di Rotazione del Distruttore di Cento, ma il suo pugno viene squarciato da Kenshiro, perdendo l'uso di un braccio; nel manga Soria sostiene di voler sacrificare anche la propria vita per la luce di Falco. Nonostante tutto, Soria non perde la sua spavalderia, sostenendo di poter battere Ken anche con un braccio solo e provocando al suo avversario un'ulteriore ferita orizzontale sul corpo. Kenshiro, però, gli blocca il pugno seguente, per poi colpire Soria ripetutamente, fino ad avere la meglio. Prima di morire, nel manga, Soria, sostiene che Kenshiro gli ricorda Falco e che lui stesso ha consacrato la sua vita al generale dorato.

Mentre nell'anime lo scontro tra Ken e Soria si verifica nei primissimi episodi, nel fumetto avviene allorquando Falco assale l'Armata di Hokuto e si appresta a uccidere Lynn. Il generale dalla Luce Purpurea intercetta Ken mentre corre in soccorso dell'esercito di Hokuto, tenendolo impegnato a lungo. In assenza di Ken, Haz Harn interviene e muore nel tentativo di uccidere Falco. Nella sequenza del cartone animato, Soria è sostituito con Shoky della Luce Rossa, che viene battuto molto più velocemente.

Il suo stile di combattimento, nell'anime, si basa sulla proiezione a distanza dell'energia combattiva sotto forma di cerchi di luce purpurea, annientando le cellule dell'avversario, usando lo spirito combattivo come una lama, facendo evaporare le ferite o congelandole. Privo di un occhio e quindi di visione stereoscopica, Soria non può percepire le distanze e pertanto si trova in difficoltà nel combattimento ravvicinato.

Falco[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Falco.

Falco della Luce Dorata (金色のファルコ Kiniro Hikari no Faruko?) è il più forte dei Cinque Generali ed il successore della Scuola Imperiale di Gento. È estremamente devoto all'Imperatore, ma allo stesso tempo insofferente alle ingiustizie perpetrate dal viceré Jako. Si sottomette, tuttavia, ai suoi ordini per paura che uccida l'Imperatore e la sua compagna Myu, che tiene prigionieri in un luogo segreto. La sua gamba è artificiale, avendo sacrificato il proprio vero arto al Re di Hokuto Raoul affinché risparmiasse il suo villaggio dalla distruzione.

Durante lo scontro con Kenshiro, il Generale d'oro di Cento, sembra essere immune e schivo alle tecniche del successore della Divina Scuola di Hokuto. Il combattimento tra i due va avanti per molti minuti senza un vero vincitore. Solo il grande cuore di Ken e i suoi sacrifici riescono a riappagare i veri buoni sentimenti di Falco, che aiuta Ken a salvare l'Imperatrice Rui dalle grinfie di Jako. Successivamente partirà per l'isola dei demoni, per salvare Lynn, sorella gemella dell'imperatrice, ma verrà ucciso appena sbarcato sull'isola.

Shoky[modifica | modifica sorgente]

Shoky della Luce Rossa
Shoky della Luce Rossa.jpg
Nome orig. 赤光のショウキ (Aka Hikari no Shōki)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo 149
  • Anime: Episodio 114
Voce orig. Tessho Genda
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità

Scuola Imperiale di Gento

Shoky della Luce Rossa (赤光のショウキ Aka Hikari no Shōki?) è il più irrequieto dei Generali di Gento, si oppone alla politica spietata di Jako tanto da arrivare a tentare di ucciderlo venendo però fermato da Falco della Luce Dorata.

Nel periodo che intercorre tra la prima e la seconda serie, mentre lui è assente, il suo villaggio viene attaccato da un gruppo di banditi che però si trovano ad avere a che fare con Kenshiro che li stermina tutti salvando gli abitanti. Al suo arrivo, Shoky vuole ringraziare Ken per ciò che ha fatto e vedendo che è in viaggio insieme a Julia, ammalata, gli dà ospitalità nel suo villaggio dicendo loro che è un posto tranquillo e che lui stesso si rifugia in quel luogo quando deve stare lontano dai suoi nemici. Nonostante ciò, si rifiuta di conoscere il nome di Ken prevedendo che in futuro i due possano essere costretti ad affrontarsi in combattimento. Dopo aver detto a Julia di farsi trattare bene dal suo uomo, va via pensando che era da tempo che non si sentiva così buono. È infatti in quel villaggio che il successore della Divina Scuola di Hokuto si ritira a vivere insieme a Julia ed è il luogo dove ella muore e viene sepolta. Da allora, Shoky nutre un profondo senso di gratitudine nei confronti di Kenshiro, e quando nell'anime si trova ad affrontarlo con il viso protetto da un elmo, mandato da Jako per ucciderlo, nei suoi colpi non c'è rabbia. Quando Ken cerca di colpirlo, riesce a sdoppiare la propria immagine, ma nemmeno una volta riesce a colpire il corpo di Ken, il quale, dopo avergli fatto perdere l'equilibrio, con un calcio alle gambe, gli rompe l'elmo riconoscendolo. Allora Shoky, dopo un ultimo tentativo andato a vuoto di colpire Kenshiro, gli chiede di ucciderlo, ma quando quest'ultimo vi rinuncia, Shoky ordina al suo esercito di lasciarlo passare assumendosene tutta la responsabilità.

Ritornato alla capitale, quando Falco viene chiamato a rapporto da Jako, si mette sulla sua strada cercando di farlo desistere. Poi, non sopportando che Falco venga umiliato da Jako, fa irruzione nella stanza di quest'ultimo, accusandolo di essere la causa del male del mondo e cerca di ucciderlo con la roccia della parete che ha infranto. Falco, però, glielo impedisce e Shoky, sorpreso, gli chiede il motivo di tanta devozione, ritenendo Jako solo un bugiardo a nome dell'Imperatore. Non riuscendo più a sopportare oltre, tenta di uccidere Jako, ma viene fermato da Falco che lo colpisce in un punto segreto che lo fa apparire morto, per evitargli le sicure ritorsioni del viceré. Dopo il tentato omicidio di Jako, Falco, dichiarando di voler occuparsi di persona della sepoltura di uno dei migliori generali di Cento, cerca di far uscire Shoky dalla Cittadella insieme agli altri cadaveri, non prima di avergli spiegato che Jako ha l'Imperatore in suo potere e non piò permettere che venga ucciso. Poi, augurandogli di vivere da uomo libero, lo lascia andare nel canale. Lo stratagemma viene intuito da Borz della Luce Azzurra (nel manga da Shino, il figlio di Jako che ne fa le veci) che trafigge la bara che contiene Shoky con una delle sue lance. Giunto fuori dalla capitale, il suo corpo viene ritrovato dall'Armata di Hokuto e nel manga Shoky riconosce Kenshiro (che non lo aveva affrontato); nell'anime, invece, chiede a Ken di uccidere Jako, unica fonte del vizio, prima di morire tra le sue braccia.

Nell'anime, Shoky affronta Kenshiro con la sua armata nel ruolo che nel manga è invece ricoperto da Soria.

Tige[modifica | modifica sorgente]

Tige della Luce Verde
Nome orig. 緑光のタイガ (Midori Hikari no Taiga)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Anime: Episodio 114
Voce orig. Masaharu Sato
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità

Scuola Imperiale di Gento

Tige della Luce Verde (緑光のタイガ Midori Hikari no Taiga?), conosciuto anche come Tiga, è un personaggio che appare solo nella serie TV: infatti, nel manga, il suo ruolo è svolto da Jusk, il maggiore dei due figli di Jako.

È uno dei due Generali devoti a Jako. Fa la sua comparsa dopo che Jako li manda a chiamare per avere notizie su Falco della Luce Dorata e Shoky della Luce Rossa. Quando Falco viene chiamato a rapporto, e guarda Jako con ostilità, Tige insieme a Borz della Luce Azzurra recita la filastrocca dei poteri del quale Jako è stato investito dall'Imperatore stesso, compiacendosi dei colpi che Jako infligge al volto di Falco, ma rimane spaventato dall'ingresso di Shoky: ciò fa intendere che Tige tema un eventuale scontro con lui. Quando Jako intuisce che Falco non abbia ucciso Shoky e, dopo che Borz lo uccide con la sua lancia, gli viene ordinato di sorvegliare tutti i suoi movimenti. Una volta che Kenshiro giunge alle porte della capitale, cerca di calmare Jako, poi, nel momento in cui la luce va via per un guasto, Jako impazzisce dalla paura e pugnala Tige ad una gamba mentre quest'ultimo cerca di calmarlo ma invano. All'arrivo di Falco, Tige gli chiede di calmare il viceré che sembra aver perso completamente il lume della ragione, ma continua a restargli accanto. Infatti, quando quest'ultimo è minacciato da Bart e Ain, interviene in suo aiuto colpendo i due alle spalle. Poi utilizza il Cerchio Luminoso Distruttivo di Cento con il quale tenta di colpire Ain, riuscendoci al secondo tentativo. Infine, quando Jako fa cadere i suoi nemici in un profondo pozzo, ordina a Tige di restargli vicino a sua difesa. Tige, infatti, assiste in silenzio al lancio delle frecce contro Kenshiro e Falco, al successivo irrompere delle acque, al tentativo di Jako di uccidere i due con un blocco di pietra e quello degli ultimi soldati rimasti. Dopo la loro morte, Jako lo implora di affrontarli promettendogli il governo della capitale, ma Tige, ormai non più ai suoi ordini, lo tratta in malo modo per poi rifuggiarsi nei sotterranei. Dopo la sconfitta di Jako, infatti, rapisce Lynn che si trovava nei sotterranei per cercare Saiya e altri prigionieri, colpendo Saiya che si pone a sua difesa, per poi far saltare la capitale con il detonatore in suo possesso e scappare via promettendo di far affrontare a Ken e Falco altre battaglie. Tige porta Lynn ad una spiaggia dell'ultimo mare rimasto al mondo, al di là del quale si trova la Terra dei Demoni dove, al pari di Jusk nel manga, una volta raggiunta trova la morte per mano degli Shura. All'arrivo di Falco sull'isola, infatti, egli è stato trafitto da numerose frecce, ed è in procinto di morire. Ha giusto il tempo di ribadire la pericolosità di quel luogo e di rivelare a Falco che Lynn è stata rapita per essere la concubina di uno dei demoni dell'isola, poi, contento di aver portato la scuola di Hokuto e di Cento all'estinzione, muore sulla spiaggia dell'isola.

Il suo stile di combattimento è molto simile a quello di Soria e si basa sulla proiezione di Cerchi di Luce Verde, e colpi sferrati da lontano anche se risulta essere molto meno potente del Generale della Luce Purpurea.

Borz[modifica | modifica sorgente]

Borz della Luce Azzurra
Nome orig. 青光のボルツ (Aoi Hikari no Borutsu)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Anime: Episodio 114
Voce orig. Yōsuke Akimoto
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità

Scuola Imperiale di Gento

Borz della Luce Azzurra (青光のボルツ Aoi Hikari no Borutsu?) è un personaggio che appare solo nella serie TV: infatti nel manga il suo ruolo è svolto da Shino, il minore dei due figli di Jako.

È uno dei due Generali devoti a Jako. Fa la sua comparsa dopo che Jako li manda a chiamare per avere notizie su Falco della Luce Dorata e Shoky della Luce Rossa. Quando Falco viene chiamato a rapporto e guarda Jako con ostilità, recita insieme a Tige della Luce Verde la filastrocca sui poteri di cui Jako è stato investito dall'imperatore e sembra godere dei colpi che Falco riceve da Jako. Mostra di avere paura di Shoky quando questi cerca di uccidere Jako, non intervenendo in sua difesa. È il responsabile della morte del Generale della Luce Rossa (Shoky), trafiggendolo con una delle sue lance, avendo scoperto che non è veramente morto ma è stato ridotto in uno stato di catalessi da Falco per salvarlo dalla vendetta di Jako. Successivamente, scorge l'arrivo dell'Armata di Hokuto e, ritenendo che si tratti di un numero esiguo di uomini, fa innalzare spavaldamaente la loro bandiera per poi bruciarla. Kenshiro, colmo di rabbia, scaglia da lunga distanza la lancia con la quale ha ucciso Shoky, scaraventandolo vicino ad una parete. Stupito della forza del lancio, Borz si libera dalla sua lancia inveendo su Kenshiro, poi sulle mura della Cittadella sfida il successore della scuola di Hokuto. Scende davanti al primo cancello lanciando, durante il salto, la Freccia di Luce di Cento che colpisce il terreno nei pressi di Ken. Poi fronteggiando Kenshiro, sicuro della propria tecnica, scaglia diverse Frecce di Luce che colpiscono il suo avversario provocandogli diverse ferite. Giunto vicino a Ken, però, quest'ultimo afferra una delle sue frecce di luce bloccandola e tempestandolo di pugni fino a scaraventarlo sul cancello del primo anello della capitale, dove trova la sua morte. L'esplosione del suo corpo aprirà il primo cancello della capitale.

Il suo stile di combattimento si basa sulle Lance di Luce Azzurra, dardi di energia combattiva che scaglia con lo scopo di far esplodere il nemico.

Splendente Scuola di Hokuto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Splendente Scuola di Hokuto.

La Splendente Scuola di Hokuto (北斗琉拳 Hokuto Ryu Ken?, Gemma dell'Orsa Maggiore) si è sviluppata dalle stesse tecniche di base da cui è nata anche la Divina Scuola di Hokuto. È considerata l'arte "gemella" della Divina Scuola e viene definita "demoniaca" per via degli influssi puramente malefici che ha sui suoi adepti.

Orca[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Orca.

Orca (シャチ Shachi?, "Ork il rosso" nell'anime) è uno straniero approdato nella Terra dei Demoni e diventato una sorta di "vendicatore" che uccide gli Shura nella notte.

Han[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Han.

Han (Khan in alcune edizioni dei manga italiani) (ハン Han?, "Ronn" nell'anime) è il terzo in comando degli Shura della Terra dei Demoni. È incredibilmente veloce, tanto che i suoi nemici vedono solo lo spostamento d'aria e non i suoi colpi. Orca, sperando di scoprire il segreto della sua tecnica, gli "regala" Lynn, sicuro che Kenshiro presto sarebbe accorso per salvarla. Quando questo accade, tra i due ha luogo uno spettacolare combattimento che alla fine vede prevalere Kenshiro, anche se, per riuscirci, si vede obbligato ad utilizzare uno dei colpi segreti di Raoul, il Colpo Libera Energia.

Nota: il suo aspetto è ispirato al cantante dei Queen Freddie Mercury.

Hyo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Hyo.

Hyo (ヒョウ Hyō?) è il secondo in comando degli Shura della Terra dei Demoni ed è fratello biologico di Kenshiro anche se, a differenza del fratello, è rimasto nella sua terra di origine, pur rimanendo dominato dal dolore per aver dovuto abbandonare il fratello neonato. È il depositario della tecnica segreta in grado di battere Kaio che è incaricato di insegnare al successore della Divina Scuola di Hokuto.

A causa della sua indole gentile e premurosa nei confronti del fratello, è stato privato della memoria prima dal suo maestro Jukei, poi da Kaio (ne è la prova la cicatrice a forma di X che ha sulla fronte). Questi, inoltre, per renderlo suo alleato, non ha esitato ad uccidere sua sorella Sayaka, di cui Hyo era profondamente innamorato, per poi riversarne la colpa su Kenshiro. Per questi motivi, Hyo uccise il proprio maestro, Jukei, responsabile di aver tentato di fargli riacquistare la memoria del fratello che odia profondamente. Memoria che riacquista solo nel corso dell'aspro combattimento proprio contro Kenshiro. Kaio sapeva bene che la forza dei due fratelli fosse pressoché identica e lo scontro avrebbe portato entrambi alla morte. Durante il combattimento, Orca si rende conto di ciò e ferisce gravemente alle spalle Hyo. Dopo aver riacquistato la memoria, Hyo aiuta più volte il fratello, prima svelandogli il colpo segreto, poi proteggendo Lynn. Muore tra le braccia di Kaio alla fine del combattimento finale di quest'ultimo con Kenshiro.

Kaio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Kaio.

Kaio (カイオウ Kaiō?) è il più forte e malvagio degli Shura che dominano la Terra dei Demoni ed è fratello maggiore biologico di Raoul, Toki (ma a differenza loro, è rimasto nella sua terra di origine) e Sayaka. Arriva quasi ad uccidere Kenshiro, crocifiggendolo su una struttura a forma di Orsa Maggiore, rapisce Lynn, sulla quale effettua una tecnica che la obbligherà ad innamorarsi del primo uomo su cui poserà gli occhi. Viene ucciso da Kenshiro e, in punto di morte, scopre l'affetto fraterno per Hyo e l'amore a lungo sopito per la madre.

Il character design di Kaio è identico a quello di Raoul tranne per una grande cicatrice a forma di punta di freccia che gli deturpa il volto. Come Raoul, viaggia sempre in groppa ad un enorme cavallo nero ma, a differenza del fratello, indossa una pesante armatura ed una maschera metallica che hanno lo scopo di contenere la sua aura combattiva che, altrimenti, potrebbe inavvertitamente uccidere qualcuno vicino a lui.

Jukei[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Jukei.

Jukei (ジュウケイ Jūkei?, "Jukey" nell'anime), chiamato dai suoi allievi anche come il Grande vecchio (大老 Tāron?), è uno dei pochi depositari dell'Arcana Arte di Hokuto che ha insegnato a Kaio, Hyo, Han e Orca. È lui che, poco prima del conflitto atomico, aveva mandato Raoul, Toki e Kenshiro da Ryuken nella speranza di salvarli.

Quando era molto piccolo conobbe lo zio di Kenshiro, Kenshiro Kasumi (protagonista di Ken il guerriero: Le origini del mito), che gli impedì di suicidarsi per seguire la sorella, morta di fame. In seguito, appresa l'Arcana Arte, ne sperimentò suo malgrado il potere malefico: in preda alla sete di sangue, infatti, trucidò tutta la propria famiglia per poi lanciarsi all'attacco di Ryuken, maestro della Divina scuola di Hokuto, che fortunatamente riuscì a farlo rinsavire. Questa tragedia lasciò su di lui profonde ferite sia fisiche (una cicatrice a forma di stella infatti gli deturpa il volto a ricordo del colpo di Ryuken), sia (soprattutto) psicologiche, tanto che si ripromise di non insegnare l'Arcana Arte più a nessuno.

Successivamente, però, un'etnia di feroci guerrieri chiamati Shura conquistò la terra natale di Jukei, che da allora venne ribattezzata Terra dei Demoni. Nella speranza di riuscire a porre fine alle sofferenze del suo popolo, Jukei ruppe allora il suo giuramento e insegnò l'Arcana Arte a tre bambini, Kaio, Hyo e Han, sperando che non fossero corrotti dal suo potere. Avendo poi notato che l'indole gentile di Hyo e il ricordo del fratello Kenshiro potevano essere un freno all'abilità del ragazzo, tentò di privarlo della memoria. Le sue speranze, tuttavia, vennero tristemente infrante: i tre ragazzi infatti sconfissero sì gli Shura ma, invece di scacciarli, se ne misero a capo, instaurando una tirannia della forza e del terrore ancora peggiore di prima. Jukei si ritirò allora a vita ascetica in una palude, sperando che Raoul, che lui riteneva l'unico in grado di succedere a Ryuken dei tre ragazzi che gli aveva mandato, tornasse e sconfiggesse gli Shura una volta per tutte. In seguito, Jukei salvò Orca da un gruppo di Shura che stava per ucciderlo e, colpito dalla determinazione del ragazzo nel difendere il suo popolo, insegnò anche a lui l'Arcana Arte.

Quando viene a sapere che è Kenshiro il successore della Divina Scuola di Hokuto giunto finalmente nella sua terra natale, Jukei teme che non avrà il coraggio di sconfiggere Hyo quando scoprirà che è suo fratello. Decide così di sciogliere la tecnica che pensava di aver imposto sul ragazzo, facendogli ritornare la memoria perduta. Cade però in una trappola tesa da Kaio molti anni prima: la tecnica di Jukei, infatti, non aveva avuto successo e Hyo aveva recuperato la memoria già dopo pochi giorni; era stato poi Kaio a ripetere la tecnica facendo inoltre in modo che, nel caso qualcuno avesse tentato di annullarla, Hyo si sarebbe trasformato in un demone assetato di sangue. Così accade e Jukei viene massacrato da Hyo.

Yasha Nero[modifica | modifica sorgente]

Yasha Nero
Nome orig. 黒夜叉 (Kuroyasha)
Lingua orig. Giapponese
1ª app.
  • Manga: Capitolo
  • Anime: Episodio 30 (2ª serie)
Voce orig. Shigeru Chiba
Voci italiane
Sesso Maschio
Abilità

Hokuto Ryuken

Yasha Nero (黒夜叉 Kuroyasha?) è un combattente dell'Arcana arte di Hokuto, considerato addirittura superiore al maestro Jukei nell'uso delle tecniche, destinato a proteggere per tutta la vita Kenshiro, fin dalla nascita quando si occupava di lui tenendolo in braccio. Solo nel manga, quando Kaio era ancora un ragazzo, è lui a far notare a Jukei, dopo aver assistito ad un suo incontro bendato con quattro adulti, che il ragazzo era visto da tutti come un idolo e che tutti i ragazzi indossavano le polsiere come lui, facendo riflettere Jukei su quanto fosse sbagliato oscurare i membri della dinastia principale di Hokuto. In seguito, dopo la partenza di Ken, attende pazientemente il suo ritorno. Nell'anime fa la sua comparsa mentre tiene d'occhio Orca che trasporta il corpo di Ken in una bara. Quando, giunto ad un posto di blocco, Orca è costretto ad uscire allo scoperto per difendere il corpo di Ken da un gruppo di Shura, le sue ferite infertegli da Kaio non gli permettono di combattere al meglio. Quando il capo degli Shura, sta per sferrare il colpo di grazia però, Yasha Nero interviene tagliando con il suo cappello le catene delle sfere chiodate del demonio, facendo in modo che l'arma dello Shura uccida i suoi uomini, per poi scendere in campo uccidendo gli Shura rimasti. Inoltre, affronta direttamente il capo degli Shura, uccidendolo con i suoi artigli, riprende il suo cappello e quando Orca gli chiede il suo nome, si presenta dicendogli di avere cura del corpo nella bara prima di andare via.

Nel manga, invece, fa la sua comparsa nel palazzo Raseiden, per affrontare Hyo, che attende Kenshiro per uno scontro. Il suo primo attacco a sorpresa procura due ferite alle spalle di Hyo, dichiarando che i maestri dell'Arcana Arte non gli doneranno mai la loro forza. Subito dopo, Yasha Nero tenta un secondo attacco, ma viene disorientato dalla tecnica della Distruzione Celeste dell'Arcana Arte utilizzata da Hyo, il quale lo colpisce al corpo infilzandolo su una lapide. Ma la sua morte è soltanto un'illusione creata da lui stesso e interviene prima che Kenshiro, giunto sul posto, ed Hyo possano affrontarsi. Dopo essersi presentato a Ken, decide di uccidere Hyo personalmente. Dopo aver evitato una serie di colpi del secondo demonio, spiega l'inefficacia della sua tecnica, essendo egli in grado di distruggere l'avversario annullando la propria sostanza e fluttuando nello spazio. Yasha Nero, infatti, inizia a sdoppiare la propria immagine più volte con la tecnica del Ballo Terrificante in Ascensione Libera impedendo ad Hyo di seguire le proprie mosse, cercando di avvicinarsi un po' alla volta per attendere il momento opportuno per attaccare. Hyo, però, lancia in aria il proprio mantello e quando Yasha Nero attacca, perde un braccio, non essendosi accorto dei fili distruttori posti da Hyo al momento del lancio del suo mantello. Quest'ultimo, utilizzando la Distruzione Celeste, tenta di colpire tutti ipunti vitali del suo avversario, ma viene fermato da Kenshiro che inizia a combattere contro suo fratello. Non avendo ancora capito come Ken abbia fatto a fermare il colpo di Hyo, Ken gli dice di aver ormai compreso l'Arcana Arte di Hokuto e Yasha Nero si ritrova così ferito, ad osservare lo scontro tra i due fratelli. Quando Ken colpisce Hyo ad una spalla costringendolo a tagliarsi via il suo punto vitale, Yasha Nero comprende che dopo lo scontro con Kaio, Ken ha già appreso tutte le tecniche dell'Arcana Arte di Hokuto ed il suo periodo di stasi lo ha fatto tornare molto più forte di prima. Inoltre, si stupisce di vedere Hyo sviluppare lo spirito di Hokuto, nonostante sia stato già invaso da quello demoniaco, e subito dopo nota il cambiamento nello stile di combattimento di Hyo. Temendo che i due si uccidano a vicenda, si dispiace di non poter intervenire a fermare l'incontro. La sua riflessione farà poi intervenire Orca al suo posto che colpisce Hyo alle spalle fermando l'incontro. Yasha Nero si accorge subito che qualcosa è cambiato in Hyo e intuisce che la memoria del fratello di Ken è ritornata. Solo nel manga, è lui ad avvisare Kenshiro ed Hyo che Kaio si è messo all'inseguimento di Orca dopo aver saputo dell'intervento di quest'ultimo che ha mandato a monte i suoi piani e si prende cura di Hyo mentre Kenshiro corre in suo soccorso. Nell'anime invece, segue Kaio che ha condotto Lynn nel luogo dove è sepolta sua madre, ma quest'ultimo, dopo che si è accorto della sua presenza, tenta di colpirlo per poi ordinargli di dire a Kenshiro il luogo in cui si trova per il loro incontro finale. Solo successivamente raggiungerà Hyo, sorpreso anch'egli dall'attacco sferrato a quest'ultimo da Zebra, un sottoposto di Kaio. In seguito insieme al fratello di Ken raggiunge Lynn appena in tempo per evitare che questi venga svegliata da uno shura, preoccupandosi per il dispendio di energie di Hyo. Mentre i due cercano di raggiungere Ken, incrociano le truppe di kaio mandate da quest'ultimo per uccidere Hyo e far svegliare Lynn. Hyo vorrebbe guadagnare tempo ordinando a Yasha Nero di fuggire con Lynn, ma questi, intuendo che Hyo non sarebbe riuscito a fermarli a lungo e ben presto sarebbe stato raggiunto dagli shura, decide di combattere a fianco del fratello di Ken. Insieme sbaragliano tutti i nemici, ma Yasha Nero ormai morente, ritiene un onore aver combattuto al fianco di Hyo e muore tra le sue braccia.

Comprimari[modifica | modifica sorgente]

Bart[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Bart.

Bart (バット Batto?) è un ragazzino che si arrangia come può nel difficile mondo post-olocausto nucleare, rubando cibo e acqua, o improvvisando spettacolini con la sua armonica a bocca. È un piccolo genio dei motori e va sempre in giro con una jeep da lui modificata e in grado di raggiungere grandi velocità. Incontra Kenshiro all'inizio della prima serie, quando viene catturato insieme a lui nel villaggio di Lynn con l'accusa di furto. Da quel momento in poi, insieme a Lynn, segue Kenshiro per tutto il resto della prima serie.

Nella seconda serie è a capo, ancora insieme a Lynn, dell'Armata di Hokuto (北斗の軍 Hokuto no Gun?). È lui che convince Ain, divenuto suo grande amico, ad abbandonare la sua vita da cacciatore di taglie ed unirsi a loro, ed è sempre lui a liberare l'Imperatore celeste (Rui, la gemella segreta di Lynn) e ad interrompere il ricatto che Jako esercita sul Generale Falco della Luce Dorata. Quando Kenshiro si reca nella Terra dei Demoni per ritrovare Lynn, lo raggiunge solo in un secondo momento quando, con tutta l'Armata, invade il territorio dominato dagli Shura.

Alla fine della serie (nell'anime), Kenshiro gli affida Lynn, ancora incosciente e bendata per l'influsso della tecnica di Kaio che la obbligherà ad innamorarsi della prima persona su cui poserà gli occhi, sapendo che Bart ne è da tempo innamorato ed è l'unico in grado di renderla felice.

Nell'ultima parte del manga, invece, Kenshiro perde la memoria e Bart tenta di sacrificarsi al suo posto per soddisfare la sete di sangue di un suo antico avversario. In punto di morte, Bart chiede a Ken (ormai guarito dall'amnesia) di prendersi cura di Lynn, morendo apparentemente tra le sue braccia; tuttavia, grazie ad uno tsubo premuto da Ken, Bart riesce a salvarsi e Lynn decide di rimanere al suo fianco.

Lynn[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Lynn.

Lynn (リン Rin?) è una bambina diventata muta dopo aver visto i propri genitori venire uccisi dai predoni. È incaricata di portare da mangiare ai detenuti della prigione del suo villaggio e, quando Kenshiro e Bart vi vengono imprigionati, lei si infatua subito del guerriero di Hokuto, il quale, coi suoi poteri, riesce a guarirla parzialmente dal suo trauma psicologico. Quando poi, poco dopo, Zed e la sua banda invadono il villaggio prendendo Lynn in ostaggio, Kenshiro si fa avanti per sconfiggerli, stimolando la bambina a parlare per la prima volta, urlandogli di scappare. Da quel momento in poi Lynn, insieme a Bart, segue Kenshiro per tutto il resto della prima serie.

Nella seconda serie, Lynn eredita il ruolo di "motore degli eventi" che nella prima serie era di Julia. La si ritrova, ancora insieme a Bart, a capo dell'Armata di Hokuto e, nel corso della storia, la si scopre essere la sorella gemella di Rui, l'Imperatrice, da cui era stata separata alla nascita da Falco della Luce Dorata per salvarle la vita.

Mamiya[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Mamiya.

Mamiya è una giovane e sensuale ragazza a capo della difesa di un prosperoso villaggio. La sua apparente determinazione e sicurezza in realtà nascondono un profondo trauma: anni prima infatti era stata rapita da Yuda che, per unirla al proprio harem, non aveva esitato ad ucciderle i genitori davanti agli occhi. Nonostante in seguito sia riuscita a fuggire, Mamiya nutre dentro di sé un profondo odio per la sua debolezza di donna, incapace di difendersi e difendere chi ama come vorrebbe. Questa sua paranoia la spinge costantemente a combattere senza paura delle conseguenze ed a gettarsi a capofitto anche nelle situazioni più pericolose.

Dopo la morte di Shin e convinto che Julia sia morta, Kenshiro giunge al villaggio di Mamiya insieme a Bart e Lynn. Avendo subito notato la sua grande forza, Mamiya si innamora del guerriero di Hokuto, assumendolo come guardia per difendere il villaggio dagli attacchi del Clan della Zanna, una banda di predoni che infesta il territorio circostante. Quando successivamente anche Rei giunge al villaggio, subito s'innamora della ragazza disapprovando aspramente il suo desiderio di rinnegare la sua identità di donna. Nasce così un "triangolo amoroso" che termina solo quando, sconfitto il Clan della Zanna, Mamiya si rende conto che Kenshiro non potrà mai amare nessun'altra donna al di fuori di Julia.

Mamiya gioca un ruolo determinante durante il primo combattimento tra Toki e Raoul: malgrado le proteste di Rei, tenta di colpire Raoul con una balestra, ma il Re di Hokuto intercetta prontamente il dardo, rispedendolo al mittente. Kenshiro allora, spinto dal desiderio di salvare la ragazza e dal pianto di Lynn, riesce a liberarsi dalla paralisi impostagli da Toki per impedirgli d'intervenire nel suo scontro col fratello.

Successivamente, quando Yuda attacca nuovamente il suo villaggio e Rei si schiera in sua difesa per vendicarla nonostante il colpo mortale infertogli da Raoul, il cuore di Mamiya si scioglie e si vota al guerriero di Nanto. Questo grande amore ha però durata breve perché il colpo di Raoul ha infatti concesso solo tre giorni di vita a Rei; nonostante questo il maestro di Nanto ottiene il grande risultato di far scomparire la "Stella della Morte" dal destino della ragazza, in cui era comparsa qualche tempo prima.

Altri personaggi[modifica | modifica sorgente]

Ryuga[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Ryuga.

Ryuga (リュウガ?) è l'uomo di Sirio, la Stella del Lupo Solitario (天狼星 Tenrō-sei?), nonché fratello maggiore di Julia, l'amata di Kenshiro. Inizialmente si schiera volontariamente dalla parte di Raoul, convinto che la dittatura sia necessaria a mettere ordine nel caotico mondo del dopo-olocausto e che il Re di Hokuto sia l'unico abbastanza forte da poterci riuscire. Quando conosce Kenshiro, ne riconosce la grande forza ma, con suo rammarico, nota che essa non è accompagnata da un'eguale ambizione. Decide così di sfidarlo ma, vedendo che il maestro di Hokuto non ne vuole sapere, decide di obbligarlo colpendo a morte Toki, ormai ritiratosi a fare solo il guaritore. Il risultato è quello voluto ma, preso da un profondo rimorso per le proprie azione, prima del combattimento si provoca una profonda ferita all'addome in modo tale che, qualunque sia il risultato, egli possa espiare le sue colpe. A vincere è comunque Kenshiro che tuttavia non lo uccide, consentendogli di morire tra le braccia di Toki, che a sua volta muore poco dopo. Il suo stile di combattimento è indipendente sia da Nanto che da Hokuto: Ryuga è infatti maestro della tecnica Taizan del Lupo Solitario (泰山天狼拳 Taizan Tenrōken?), con cui è in grado di strappare parti del corpo dei nemici così rapidamente che il loro sangue pare congelarsi.

Ain[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce Ain.

Ain (アイン?) è un cacciatore di taglie che si mette sulle tracce di Kenshiro, dichiarato ricercato numero uno dal viceré Jako. Pur compiendo un lavoro molto duro e crudele, il suo cuore è nobile come il suo vero obiettivo: raccogliere i soldi necessari a costruire un dirigibile col quale realizzare il sogno della figlia Asuka di raggiungere le terre verdi.

Personaggi minori[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi minori di Ken il guerriero.