Arcidiocesi di Buenos Aires

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arcidiocesi di Buenos Aires
Archidioecesis Bonaërensis
Chiesa latina
Buenos Aires-Catedral Metropolitana (exterior).jpg
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Diocesi suffraganee
Avellaneda-Lanús, Gregorio de Laferrere, Lomas de Zamora, Morón, Quilmes, San Charbel en Buenos Aires (maroniti), San Isidro, San Justo, San Martín, San Miguel, Santa Maria del Patrocinio in Buenos Aires (ucraini)
Arcivescovo metropolita e primate cardinale Mario Aurelio Poli
Ausiliari Joaquín Mariano Sucunza[1],
Enrique Eguía Seguí[2],
Alejandro Daniel Giorgi[3],
Ernesto Giobando, S.I.[4],
Juan Carlos Ares[5],
José María Baliña[6],
Gustavo Oscar Carrara[7]
Presbiteri 822, di cui 458 secolari e 364 regolari
3.451 battezzati per presbitero
Religiosi 504 uomini, 1.401 donne
Diaconi 8 permanenti
Abitanti 3.099.290
Battezzati 2.837.175 (91,5% del totale)
Superficie 205 km² in Argentina
Parrocchie 186
Erezione 6 aprile 1620
Rito romano
Cattedrale Santissima Trinità
Santi patroni San Martino di Tours
Santa Chiara
Santi Savino e Bonifacio
Indirizzo Rivadavia 415, C1002AAC Buenos Aires, Argentina
Sito web www.arzbaires.org.ar
Dati dall'Annuario pontificio 2019 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Argentina
Interno della cattedrale.

L'arcidiocesi di Buenos Aires (in latino: Archidioecesis Bonaërensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Argentina. Nel 2018 contava 2.837.175 battezzati su 3.099.290 abitanti. È retta dall'arcivescovo cardinale Mario Aurelio Poli.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende l'isola di Martín García e la città di Buenos Aires, dove si trova la cattedrale della Santissima Trinità.

Il territorio si estende su 205 km² ed è suddiviso in 186 parrocchie, raggruppate in 20 decanati e 4 vicariati zonali (Flores, Devoto, Belgrano e Centro).

Basiliche minori[modifica | modifica wikitesto]

Nella città di Buenos Aires si trovano 15 basiliche minori:

  • basilica di Nostra Signora del Soccorso
  • basilica del Santissimo Sacramento
  • basilica di San Nicola di Bari
  • basilica di Sant'Antonio da Padova
  • basilica santuario di Santa Rosa da Lima
  • basilica di San Francesco
  • basilica di Nostra Signora della Mercede
  • basilica di Maria ausiliatrice e di San Carlo Borromeo
  • basilica dello Spirito Santo
  • basilica di San Giuseppe di Flores
  • basilica di Nostra Signora del Pilar
  • basilica di Nostra Signora di Buenos Aires
  • basilica di Nostra Signora della Pietà
  • basilica di Nostra Signora del Rosario
  • basilica del Sacro Cuore di Gesù

Provincia ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

La provincia ecclesiastica di Buenos Aires, istituita nel 1865, comprende 12 suffraganee, di cui 2 di rito orientale:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Buenos Aires[8] fu eretta da papa Paolo V il 6 aprile 1620, ricavandone il territorio dalla diocesi del Paraguay (oggi Arcidiocesi di Asunción). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di La Plata o Charcas (oggi arcidiocesi di Sucre). Il papa comunicò l'erezione della nuova diocesi al clero della città di Buenos Aires con la lettera Hodie ecclesie pubblicata lo stesso giorno dell'erezione della sede portegna.

Il 14 agosto 1832 e il 13 giugno 1859 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente del vicariato apostolico di Montevideo e della diocesi di Paraná (oggi arcidiocesi).

Il 5 marzo 1865 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Immutabili di papa Pio IX.

Il 16 novembre 1883 ha ceduto porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione del vicariato apostolico della Patagonia settentrionale e della prefettura apostolica della Patagonia Meridionale. La maggior parte di questi territori, ossia le province di Río Negro, Chubut, Santa Cruz e Terra del Fuoco, ritornarono all'arcidiocesi di Buenos Aires nel 1909.

Il 15 febbraio 1897 e il 20 aprile 1934 ha ceduto altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di La Plata (oggi arcidiocesi) e di Viedma.

Il 29 gennaio 1936 papa Pio XI ha concesso agli arcivescovi di Buenos Aires il titolo di primate d'Argentina.

Il 5 maggio 1967 in forza della bolla Qui divino consilio di papa Paolo VI la provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di Buenos Aires si è ingrandita, estendendosi alle diocesi di Avellaneda (oggi diocesi di Avellaneda-Lanús) e di Lomas de Zamora, che erano appartenute alla provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di La Plata.[9]

Il 13 marzo 2013 il cardinale Jorge Mario Bergoglio è stato eletto papa con il nome di Francesco.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Si omettono i periodi di sede vacante non superiori ai 2 anni o non storicamente accertati.

  • Beato Pedro Carranza Salinas, O.Carm. † (6 aprile 1620 - 29 novembre 1632 deceduto)
  • Cristóbal de Aresti Martínez de Aguilar, O.S.B. † (3 dicembre 1635 - fine 1638 o fine 1639 deceduto)
    • Sede vacante (1638/1639-1642)
  • Cristóbal de la Mancha y Velazco, O.P. † (13 gennaio 1642 - 7 aprile 1673 deceduto)
    • Sede vacante (1673-1676)
  • Antonio de Azcona Imberto † (19 ottobre 1676 - 19 febbraio 1700 deceduto)
    • Sede vacante (1700-1713)
  • Pedro de Fajardo (o Guajardo), O.SS.T. † (22 maggio 1713 - 16 dicembre 1729 deceduto)
  • Juan de Arregui, O.F.M. † (22 novembre 1730 - 19 dicembre 1736 deceduto)
  • José de Peralta Barrionuevo y Rocha Benavídez, O.P. † (23 giugno 1738 - 14 giugno 1746 nominato vescovo di La Paz)
    • José Cayetano Pacheco y Cárdenas † (19 settembre 1746 - Febbraio o 3 marzo 1747 deceduto) (vescovo eletto)
  • Cayetano Marcellano y Agramont † (21 aprile 1749 - 23 maggio 1757 nominato vescovo di Trujillo)
  • José Antonio Basurco y Herrera † (23 maggio 1757 - 5 febbraio 1761 deceduto)
  • Manuel Antonio de la Torre † (14 giugno 1762 - 20 ottobre 1776 deceduto)
  • Sebastián Malvar y Pinto, O.F.M. † (15 dicembre 1777 - 15 dicembre 1783 nominato arcivescovo di Santiago di Compostela)
  • Manuel Azamor y Ramírez † (27 giugno 1785 - 2 ottobre 1796 deceduto)
    • Pedro Inocencio Bejarano † (18 dicembre 1797 - 23 febbraio 1801 nominato vescovo di Sigüenza) (vescovo eletto)
  • Benito Lué y Riega † (9 agosto 1802 - 22 marzo 1812 deceduto)
    • Sede vacante (1812-1829)
    • Mariano Medrano y Cabrera † (7 ottobre 1829 - 2 luglio 1832 nominato vescovo) (vicario apostolico)[10]
  • Mariano Medrano y Cabrera † (2 luglio 1832 - 7 aprile 1851 deceduto)
    • Sede vacante (1851-1854)
  • Mariano José de Escalada Bustillo y Zeballos † (23 giugno 1854 - 28 luglio 1870 deceduto)
    • Sede vacante (1870-1873)
  • Federico León Aneiros (Aneyros) † (25 luglio 1873 - 3 settembre 1894 deceduto)
  • Vladislas Castellano † (12 settembre 1895 - 6 febbraio 1900 deceduto)
  • Mariano Antonio Espinosa † (31 agosto 1900 - 8 aprile 1923 deceduto)[11]
    • Sede vacante (1923-1926)
  • José María Bottaro y Hers, O.F.M. † (9 settembre 1926 - 20 ottobre 1932 dimesso[12])
  • Santiago Luis Copello † (20 ottobre 1932 - 25 marzo 1959 dimesso)
  • Fermín Emilio Lafitte † (25 marzo 1959 succeduto - 8 agosto 1959 deceduto)
  • Antonio Caggiano † (15 agosto 1959 - 22 aprile 1975 ritirato)
  • Juan Carlos Aramburu † (22 aprile 1975 succeduto - 10 luglio 1990 ritirato)
  • Antonio Quarracino † (10 luglio 1990 - 28 febbraio 1998 deceduto)
  • Jorge Mario Bergoglio, S.I. (28 febbraio 1998 succeduto - 13 marzo 2013 eletto papa con il nome di Francesco)
  • Mario Aurelio Poli, dal 28 marzo 2013

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi nel 2018 su una popolazione di 3.099.290 persone contava 2.837.175 battezzati, corrispondenti al 91,5% del totale.

anno popolazione presbiteri diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per presbitero uomini donne
1950 3.200.000 3.600.000 88,9 886 366 520 3.611 4.650 119
1959 3.301.000 3.842.000 85,9 952 413 539 3.467 791 3.720 135
1965 2.693.000 3.226.900 83,5 973 423 550 2.767 900 3.800 148
1970 2.700.000 3.100.000 87,1 904 404 500 2.986 800 3.470 152
1976 2.700.000 3.000.000 90,0 933 383 550 2.893 910 2.900 158
1980 2.784.000 3.190.000 87,3 806 256 550 3.454 1.016 2.970 162
1990 3.096.000 3.336.000 92,8 877 432 445 3.530 2 956 2.134 175
1999 3.506.000 3.826.000 91,6 915 504 411 3.831 3 841 2.011 181
2000 3.506.000 3.826.000 91,6 848 468 380 4.134 5 750 1.687 182
2001 2.750.000 3.043.431 90,4 851 464 387 3.231 5 697 1.735 182
2002 2.500.000 2.729.610 91,6 837 465 372 2.986 6 652 1.711 182
2003 2.500.000 2.729.610 91,6 877 469 408 2.850 4 771 1.537 182
2004 2.500.000 2.729.610 91,6 884 462 422 2.828 4 755 1.611 182
2006 2.554.000 2.789.000 91,6 886 460 426 2.882 6 756 1.638 183
2011 2.647.000 2.891.082 91,6 834 469 365 3.173 7 647 1.732 186
2012 2.671.000 2.917.000 91,6 791 471 320 3.376 11 488 1.383 186
2015 2.750.000 3.003.000 91,6 766 443 323 3.590 12 473 1.426 186
2018 2.837.175 3.099.290 91,5 822 458 364 3.451 8 504 1.401 186

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vescovo titolare di Saetabis.
  2. ^ Vescovo titolare di Cissi.
  3. ^ Vescovo titolare di Summa.
  4. ^ Vescovo titolare di Appiaria.
  5. ^ Vescovo titolare di Cercina.
  6. ^ Vescovo titolare di Teudali.
  7. ^ Vescovo titolare di Tasbalta.
  8. ^ Nella bolla di erezione la diocesi portava il nome di chiesa della Santissima Trinità del porto di Buenos Aires (Lavalle-Poli, Un documento original la bula Ad clerum de la diócesis de Buenos Aires, p. 123).
  9. ^ Bolla Qui divino consilio, AAS 59 (1967), pp. 1107-1108.
  10. ^ Il 7 ottobre 1829 fu nominato vicario apostolico e vescovo titolare di Aulon.
  11. ^ Destinatario dell'epistola Et Petrianam di papa Pio X.
  12. ^ Nominato arcivescovo titolare di Macra.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN170196364 · WorldCat Identities (ENviaf-170196364
  Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi