Alberto Barachini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alberto Barachini
Alberto Barachini datisenato 2018.jpg

Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri
con delega all'informazione a all'editoria
In carica
Inizio mandato 2 novembre 2022
Capo del governo Giorgia Meloni
Predecessore Giuseppe Moles

Presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai
Durata mandato 18 luglio 2018 –
12 ottobre 2022
Predecessore Roberto Fico

Senatore della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 23 marzo 2018
Legislature XVIII, XIX
Gruppo
parlamentare
Forza Italia
Circoscrizione Lombardia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia
Titolo di studio Laurea in Lettere Moderne
Università Università di Pisa
Professione Giornalista

Alberto Barachini (Pisa, 21 agosto 1972) è un giornalista e politico italiano.

Senatore di Forza Italia, dal 18 luglio 2018 al 12 ottobre 2022 è stato presidente della Commissione di Vigilanza Rai[1]. Dal 31 ottobre 2022 è sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'informazione e l'editoria nel Governo Meloni.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in Lettere moderne all'Università di Pisa, per poi trasferirsi a vivere a Milano.

Ha cominciato giovanissimo la carriera giornalistica come cronista al quotidiano toscano Il Tirreno. Dal 1999 lavora per il gruppo Mediaset. Caporedattore centrale e conduttore, si occupa di politica, cronaca italiana ed estera per la testata NewsMediaset.

Alle elezioni politiche del 2018 è stato eletto al Senato della Repubblica, nelle liste di Forza Italia nella circoscrizione Lombardia. Il 18 luglio 2018 è diventato presidente della Commissione di Vigilanza Rai, restando in carica per tutta la XVIII Legislatura.

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 viene candidato ed eletto per il Senato nel collegio plurinominale Lombardia 01.

Dal 31 ottobre 2022 è sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Editoria nel Governo Meloni[2].

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 ha vinto il premio giornalistico Indro Montanelli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]