3rd Infantry Division (United States Army)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
3rd Infantry Division
Insegna da braccio della 3rd Infantry Division
Insegna da braccio della 3rd Infantry Division
Descrizione generale
Attiva 21 novembre 1917 - oggi
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Alleanza NATO
Servizio United States Army
Tipo fanteria
Ruolo pesante
Dimensione divisione
Soprannome Marne Division
Motto Rock of the Marne
Comandanti
Comandante in Capo Maggiore Generale Tony Cucolo
Simboli
Distinctive unit insignia 3 Infantry Div DUI.svg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 3ª Divisione di fanteria (in inglese 3rd Infantry Division) è una divisione di fanteria dell'Esercito statunitense che combatté durante la prima e la seconda guerra mondiale, durante la Guerra di Corea e negli ultimi anni nella campagna in Iraq.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La 3rd Infantry Division fu una delle divisioni che ebbero più successo nella storia dell'esercito degli Stati Uniti. Essa ha pagato a caro prezzo la propria distinzione, con 50.000 tra morti e feriti nei periodi di guerra. 51 membri della 3rd Infantry Division hanno ricevuto la Medal of Honor.

La prima guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Comandanti:

  1. Maggiore Generale Joseph T. Dickman (28 novembre 1917)
  2. Brigadiere Generale J. A. Irons (11 febbraio 1918)
  3. Maggiore Generale Joseph T. Dickman (13 febbraio 1918)
  4. Brigadiere Generale J. A. Irons (27 febbraio 1918)
  5. Brigadiere Generale Charles Crawford (8 marzo 1918)
  6. Brigadiere Generale J. A. Irons (10 marzo 1918)
  7. Brigadiere Generale Charles Crawford (19 marzo 1918)
  8. Maggiore Generale Joseph T. Dickman (12 aprile 1918)
  9. Brigadiere Generale F. W. Sladen (18 agosto 1918)
  10. Maggiore Generale Beaumond B. Buck (27 agosto 1918)
  11. Brigadiere Generale Preston Brown (18 ottobre 1918)
  12. Maggiore Generale Robert L. Howze (19 novembre 1918)

La 3rd Infantry Division venne attivata nel novembre del 1917 durante la prima guerra mondiale a Camp Greene, Carolina del Nord. Otto mesi dopo, essa venne inviata già in Francia per i primi combattimenti. Alla mezzanotte del 14 luglio 1918, la divisione prese parte all'ultimo combattimento. Coinvolta nella Battaglia della Marna come membro del corpo di spedizione americano in Europa, la divisione ebbe il compito di proteggere Parigi con il posizionamento sul fiume Marna. Il 7th Machine Gun Battalion e la 3rd Division si posizionarono a Château-Thierry aspettando la ritirata delle truppe francesi e poi ricacciando i tedeschi oltre il fiume. Mentre difendeva le truppe in ritirata, la 3rd Infantry Division rimase un blocco unico invincibile meritandosi l'appellativo di "roccia della Marna". La restante parte della divisione venne assorbita dal comando francese e posta al comando del generale Joseph T. Dickman ed il 15 luglio 1918 prese parte all'ultima offensiva della guerra. Il generale John Pershing disse che la performance della divisione durante gli scontri fu la migliore di tutta la storia. Durante la guerra due membri della divisione ottennero la Medal of Honor.

La seconda guerra mondiale[modifica | modifica sorgente]

Soldati della 3rd Infantry Division a Norimberga, Germania, il 20 aprile 1945

Comandanti:

  1. Maggiore Generale Charles F. Thompson (luglio 1940 – agosto 1941)
  2. Brigadiere Generale Charles P. Hall (agosto 1941 – settembre 1941)
  3. Maggiore Generale John P. Lucas (settembre 1941 – marzo 1942)
  4. Maggiore Generale Jonathan W. Anderson (marzo 1942 – marzo 1943)
  5. Maggiore Generale Lucian K. Truscott, Jr. (marzo 1943 – febbraio 1944)
  6. Maggiore Generale John W. O'Daniel (febbraio 1944 – dicembre 1945)
  7. Maggiore Generale William R. Schmidt (luglio 1945 – agosto 1946)

La 3rd Division fu una delle divisioni americane a combattere contro le forze dell'Asse s tutti i fronti europei durante la seconda guerra mondiale.

La prima azione della divisione nel secondo conflitto mondiale fu nell'ambito dell'Operazione Torch nell'invasione alleata del Nordafrica quando, sbarcando a Fedala l'8 novembre 1942, prese metà del Marocco francese. Otto mesi più tardi, il 10 luglio 1943, la divisione partecipò allo sbarco di Licata in Sicilia, sulla spiaggia di Falconara. Dopo lo sbarco la divisione portò avanti dei combattimenti a Palermo prima di conquistare Messina e portando così a termine la campagna siciliana. Nove giorni dopo l'invasione dell'Italia, il 18 settembre 1943, la 3rd division sbarcò a Salerno e con azioni intensive attraversò il Volturno e si portò a Cassino. Dopo un breve periodo di riposo, la divisione colpì con lo sbarco di Anzio del 22 gennaio 1944 mantenendo per quattro mesi un attacco serrato contro i tedeschi.

Nel maggio di quell'anno, la divisione si portò su Roma e si preparò poi per l'invasione del sud della Francia. Il 15 agosto 1944, la divisione sbarcò a Saint-Tropez, avanzando per la valle di Rhone, per le montagne dei Vosgi e raggiungendo poi il Reno a Strasburgo tra il 26 ed il 27 novembre 1944. Dopo aver mantenuto posizioni difensive ed aver preso parte alla cacciata dei tedeschi da Colmar, il 23 gennaio, il 18 febbraio ed il 15 marzo 1945 portò avanti dei combattimenti sulla Linea Siegfried a sud di Zweibrücken. La divisione attraversò il Reno il 26 marzo 1945 e quindi si portò alla presa di Norimberga prendendo la città tra il 17 ed il 20 aprile. La 3rd division si portò dunque ad Augusta ed a Monaco di Baviera tra il 27 ed il 30 aprile e poi a Salisburgo.

Elementi del 7th Infantry Regiment che prestarono servizio nella 3rd Infantry Division ebbero l'onore di catturare parte della residenza di Hitler a Berchtesgaden.[1]

La Guerra di Corea[modifica | modifica sorgente]

Comandanti:

  1. Maggiore Generale Robert H. Soule (agosto 1950 – ottobre 1951)
  2. Maggiore Generale Thomas J. Cross (ottobre 1951 – maggio 1952)
  3. Maggiore Generale Robert L. Dulaney (maggio 1952 – ottobre 1952)
  4. Maggiore Generale George W. Smythe (ottobre 1952 – v1953)
  5. Maggiore Generale Eugene W. Ridings (maggio 1953 – ottobre 1953)
Le truppe della 3rd Infantry Division in pattuglia presso il fiume Imjin, 1951.

Durante la Guerra di Corea, la divisione venne conosciuta col nome di "Fire Brigade" per la sua rapida risposta alla crisi. La 3rd Infantry Division venne acquartierata presso Fort Benning assieme al 15th Infantry Regiment. Il 7th Infantry Regiment venne collocato a Fort Devens. La 3rd Infantry Division inizialmente giunse in Giappone come riserva,[2] e pianificò le missioni per l'occupazione della Corea del Nord.[3] In Giappone essa ottenne anche il sostegno di molti soldati confluiti dalla Corea del Sud. Lo sbarco delle truppe in Corea poi avvenne a Wonson e ricevette anche il 65th Infantry Regiment. A Majon-dong venne stabilita la nuova posizione difensiva ove il 65th Infantry ottenne il proprio battesimo del fuoco. Il 1st ed il 2nd Battalions del 7th Infantry costituirono il fianco sinistro delle azioni. Il 15th Infantry si trovava tra il 7th ed il 65th Regiments. Il 3rd Battalion ed il 7th Infantry furono il nucleo della Battaglia di Chosin che venne diretta dal Brigadiere Generale Armistead D. Mead assistito dal comandante della 3rd Division ed inviato a nord a condurre la guerra con il 1st Marine Regiment a Chinhung-ni.

La divisione venne poi inviata in supporto a delle missioni di combattimento dell'VIII armata sino al 1953 quando venne ritirata dal campo di battaglia, sempre comunque distinguendosi con onore in episodi decisivi come la Battaglia dei Chosin Reservoir. La 3rd Infantry Division ricevette per questa guerra dieci Battle Stars.

Dal 1953 al 2000[modifica | modifica sorgente]

Comandanti:

Dall'aprile del 1958 all'aprile del 1996, la Marne Division stazionò con il VII Corps nella Germania occidentale ottenendo il comando militare di città di peso come Wurzburg (Div. Hq. & Support Command), Schweinfurt (1st Brigade), Kitzingen (2nd Brigade) e Aschaffenburg (3rd Brigade). Nell'agosto del 1961, alcuni giorni dopo l'erezione del Muro di Berlino, un rinforzo del 7th Infantry Regiment (unità della 3rd Infantry Division) ottenne di viaggiare per l'autostrada a Aschaffenburg in Baviera nella Germania occidentale, ove giunsero senza che si fossero verificati incidenti.

Nel novembre 1990 i soldati del 3rd Infantry Division vennero nuovamente chiamati all'azione. A seguito della Guerra del Golfo più di 6.000 uomini della Divisione presero parte con la 1st Armored Division all'Operazione Desert Storm come parte della coalizione alleata. Altri circa 1.000 soldati vennero impiegati nel sud della Turchia e nel nord dell'Iraq per dare conforto ai rifugiati kurdi proteggendoli.

Nel 1996 la divisione venne ristazionata nelle basi di Fort Stewart, Fort Benning e Hunter Army Airfield, in Georgia. Da questo periodo in poi alcuni contingenti della divisione presero parte agli scontri in Egitto, Bosnia e Kosovo in unione con altre missioni umanitarie.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Comandanti

  1. Maggiore Generale Buford "Buff" Blount
  2. Maggiore Generale William Grant Webster
  3. Maggiore Generale Rick Lynch
  4. Maggiore Generale Tony Cucolo

Dal 2003 la divisione è stata impiegata nel Kuwait e poi nelle forze di coalizione per la liberazione dell'Iraq dal regime dittatoriale, sostenendo degli attacchi a Baghdad già nell'aprile di quell'anno e portando quindi poi alla fine del governo di Saddam Hussein. La First Brigade prese il Baghdad International Airport ed assicurò l'area agli alleati. La Second Brigade, venne impiegata poi a Fallujah e fece ritorno negli Stati Uniti dall'agosto 2003.

Nel gennaio 2005, la 3rd Infantry Division divenne la First Army Division e tornò nuovamente in Iraq, ponendo il proprio quartier generale a Baghdad. La First e la Third Brigade della 3rd Infantry Division vennero poste sotto il controllo della 42nd Infantry Division, e poi sotto la 101st Airborne Division, prestando servizio nel nord del paese.

Nel gennaio del 2006 la divisione fece ritorno a Fort Stewart e Fort Benning, ottenendo di tornare in Iraq dal 2007 in supporto ad altre operazioni a Baghdad.

La 3rd Infantry Division assunse quindi il comando della divisione nord dall'ottobre del 2009 dove ancora oggi opera per operazioni di assistenza alla popolazione in tutte le province irachene.

Struttura attuale[modifica | modifica sorgente]

Struttura della 3rd Infantry Division (clicca per allargare)
Soldati della 3rd in Iraq.
Soldati del 3rd Squadron, 1st Cavalry Regiment, 3rd Heavy Brigade Combat Team del 3rd Infantry in allenamento a Fort Irwin

3 Infantry Div SSI.PNG 3rd Infantry Division

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ World War II: Race to Seize Berchtesgaden, History.net, 12 giugno 2006. URL consultato il 19 marzo 2011.
  2. ^ Rottman, Gordon L., Korean War order of battle, Greenwood Publishing Group, Incorporated, December 2002 ISBN 978-0-275-97835-8
  3. ^ Cowart, Glenn C. (1992). Miracle In Korea: The Evacuation of X Corps from the Hungnam Beachhead. Columbia: University of South Carolina Press. ISBN 0-87249-829-8.
  4. ^ Special Unit Designations, United States Army Center of Military History, 21 aprile 2010. URL consultato il 23 giugno 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • American Battle Monuments Commission. American Armies and Battlefields in Europe. Washington: Government Printing Office, 1938. Reprint. Washington: Government Printing Office, 1992.
  • ____________. 3d Division Summary of Operations in the World War. Washington: Government Printing Office, 1944.
  • Appleman, Roy E. South to the Naktong, North to the Yalu, June–November 1950. United States Army in the Korean War. Washington: Government Printing Office, 1961, 1986.
  • Blue and White Devils: The Story of the 3rd Infantry Division. G.I. Stories . . . Paris, 1945.
  • Blumenson, Martin. Salerno to Cassino. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1969, 1988.
  • Cairns, Bogardus S. "The Breakout at Anzio: A Lesson in Tank-Infantry Cooperation." Military Review 28 (January 1949):23–32.
  • Clarke, Jeffrey J., and Smith, Robert Ross. Riviera to the Rhine. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1993.
  • Crawford, Charles. Six Months with the 6th Brigade. Kansas City: E. B. Barnett, 1928.
  • Dickman, Joseph T. The Great Crusade: A Narrative of the World War. New York: D. Appleton and Co., 1927.
  • Dolcater, Max W., ed. 3d Infantry Division in Korea. Tokyo: Toppan Printing Co., 1953.
  • "A Fiftieth for the Marne Division." Army Digest 22 (November 1967):22.
  • Fisher, Ernest F., Jr. Cassino to the Alps. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1977, 1989.
  • Garland, Albert N., and Smyth, Howard McGaw. Sicily and the Surrender of Italy. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1965. 1991.
  • Gaul, Jeffrey. History of the Third Infantry Division: Rock of the Marne. Paducah, Ky: Turner Publishing, 1988.
  • Golden, Joe E. "Third U.S. Infantry Division in Italy." Military Review 24 (June 1944):5–10.
  • Hemenway, Frederick Vinton, ed. and comp. History of the Third Division, United States Army in the World War, For the period 1 December 1917 to 1 January 1919. Cologne, Germany: M. DuMont Schauberg, 1919.
  • Hermes, Walter G. Truce Tent and Fighting Front. United States Army in the Korean War. Washington: Government Printing Office, 1966, 1988.
  • Historical Division, Department of the Army. Anzio Beachhead (22 January-25 May 1944). American Forces in Action. Washington: Government Printing Office, 1948, 1990.
  • Historical Section, Army War College. Order of Battle of the United States Land Forces in the World War: American Expeditionary Forces: Divisions. Washington: Government Printing Office, 1931. Reprint. Washington: Government Printing Office, 1988.
  • History of the Third Division, United States Army in the World War for the Period 1 December 1917 to 1 January 1919. Cologne, Germany: M. DuSchaubery, 1919.
  • Holmes, Howard W. "100 Miles to Nijmegen." Army Digest 22 (January 1967):29–30.
  • Howe, George F. Northwest Africa: Seizing the Initiative in the West. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1957, 1991.
  • Jacobs, Bruce. Soldiers: The Fighting Divisions of the Regular Army. New York: W. W. Norton and Co., 1958.
  • Kahn, E. J., Jr., and McLemore, H. Fighting Divisions. Washington: Infantry Journal Press, 1945. Reprint. Washington: Zenger Publishing Co., 1980.
  • Kittler, Glenn D. "From Chateau-Thierry to Anzio to Wonson; The Fighting Third." SAGA: True Adventures for Men 8 (September 1954):10-13ff.
  • Lacey, Jim. The Third Infantry Division's Twenty-One Day Assault on Baghdad. US Naval Institute Press: 2007.
  • Lamb, David S. Till We Meet Again. Cleveland: Stevens Publishing Co., 1944.
  • Le Mon, Warren. "The Marne Division." Army Information Digest 20 (October 1965):37–43.
  • MacDonald, Charles B. The Last Offensive. United States Army in World War II. Washington: Government Printing Office, 1973, 1990.
  • Military Intelligence Division, War Department. From the Volturno to the Winter Line (6 October-15 November 1943). American Forces in Action. Washington: Government Printing Office, 1945, 1990.
  • ____________. Salerno: American Operations from the Beaches to the Volturno (9 September-6 October 1943). Washington: Government Printing Office, 1944, 1990.
  • Mohr, G. William. Third Infantry Division, WWII, The Victory Path Thru France and Germany. Kokomo, Ind. O & M, 1985.
  • Murphy, Audie. To Hell and Back. New York: Henry Holt and Co., 1949.
  • "Pass in Review." Army Information Digest 20 (October 1965):32–36.
  • Pass in Review, The Pictorial History of the Third Division, United States Army, Operations, Training, Maneuvers, Camp Ord, California, 1940. Baton Rouge: Army and Navy Publishing Co., 1940.
  • Personnel Service Division, Adjutant General Section. 3d Infantry Division. Administrative Service Branch, Adjutant General Section, 1971.
  • Rescigno, Richard J., and Wiltamuth, Richard L. "Alert!--That's the Watchword of the Marne Division Today." Army Digest 25 (August 1970):38–43.
  • Road to Rome. n.p., 1945.
  • Rosson, William B. "Operational Highlights of the 3d Infantry Division." Military Review 25 (December 1945):42–45.
  • ____________. "3d Infantry Division Crosses the Meurthe." Military Review 26 (February 1947):24–35.
  • Scott, Hugh A. The Blue and White Devils. A Personal Memoir and History of the 3rd Infantry Division in World War II. Nashville, Tenn., Battery Press, 1984.
  • Stitt, Edgar A. 100 Days, 100-Hours: "Phantom" Brigade in the Gulf War. Hong Kong: Concord Publications, 1991.
  • Small, Collie. "The Third: Tops in Honors." Saturday Evening Post 218 (11 August 1945):28-29ff.
  • Taggart, Donald G., ed. History of the Third Infantry Division in World War II. Washington: Infantry Journal Press, 1947. Reprint. Nashville, Tenn., Battery Press, 1987.
  • Taylor, Horace G.; Milam, Michael M.; and Ericksen, Scott R. "3d Infantry Division." Infantry 68 (January–February 1978):18–22.
  • The Third Division at Chateau Thierry. U.S. Army Chemical Corps Historical Studies, Gas Warfare in World War I, Study No. 14. Washington: U.S. Army Chemical Corps Historical Office, 1959.
  • Third Division Citations. Andernach on the Rhine, Germany: Carl Reinartz, 1919.
  • "3rd Infantry Division Gyroscoping: Enlistments Open." Recruiting Journal 10 (May 1957):8–9.
  • 3rd Infantry Division in Korea. Society of the Third Infantry Division, 1987.
  • 3rd Infantry Division, Information Office. 3d Infantry Division, 1917-Forty Year Odyssey-1958. Würzburg, Germany: Konrad Triltsch, 1958.
  • "Valor: 3d Division in Sicily." Infantry Journal 54 (March 1944):16–18; (June 1944): 44.
  • Westover, John G. Combat Support in Korea. Washington: Combat Forces Press, 1955. Reprint. Washington: Government Printing Office, 1990.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]