31st Infantry Division (United States Army)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
31st Infantry Division
31st ID SSI.svg
Stemma della 31st Infantry Division
Descrizione generale
Attiva1917–1945
1950–1954
NazioneStati Uniti Stati Uniti
ServizioFlag of the United States Army.svg Esercito
TipoDivisione
RuoloFanteria
SoprannomeDixie Division
MottoIt shall be done
Battaglie/guerre
Parte di
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 31st Infantry Division (31ª Divisione di fanteria) era una divisione di fanteria dell'Army National Guard e dell'esercito degli Stati Uniti che ha partecipato alla Prima e alla Seconda guerra mondiale.

Fu attivata per la prima volta nell'agosto 1917 come 10th Division con uomini provenienti dagli stati dell'Alabama, Georgia e Florida[1] e nello stesso anno venne ridisegnata 31th Division con base a Camp Wheeler in Georgia[2]. Non partecipò ad alcuna battaglia della Prima guerra mondiale ed i suoi elementi furono utilizzati come complemento per sopperire alle perdite delle altre divisioni, venne smobilitata nel gennaio 1919 a Camp Gordon, in Georgia[3].

Con l'aggiunta di personale proveniente dal Mississippi venne nuovamente chiamata nel servizio federale il 25 novembre 1940 [4], durante la mobilitazione precedente all'entrata in guerra degli Stati Uniti nella Seconda guerra mondiale, e fu utilizzata nel teatro di operazioni del Pacifico sud-occidentale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ John B. Wilson, Maneuver and Firepower: Evolution of Divisions and Separate Brigades (PDF), United States Army Center of Military History, 1998, CMH Pagina 40 - Table 2. URL consultato il 25 luglio 2016.
  2. ^ John B. Wilson, Maneuver and Firepower: Evolution of Divisions and Separate Brigades (PDF), United States Army Center of Military History, 1998, CMH Pagina 61 - Table 4. URL consultato il 25 luglio 2016.
  3. ^ John B. Wilson, Maneuver and Firepower: Evolution of Divisions and Separate Brigades (PDF), United States Army Center of Military History, 1998, CMH Pagina 82 - Table 7. URL consultato il 25 luglio 2016.
  4. ^ John B. Wilson, Maneuver and Firepower: Evolution of Divisions and Separate Brigades (PDF), United States Army Center of Military History, 1998, CMH Pagina 157 - Table 12. URL consultato il 25 luglio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]