7th Infantry Division (United States Army)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
7th Infantry Division
7th Infantry Division SSI (1973-2015).svg
Simbolo divisionale
Descrizione generale
Attiva1917–21
1940–71
1974–94
1999–2006
2012–presente
NazioneStati Uniti
ServizioEsercito
TipoDivisione
RuoloFanteria meccanizzata
Soprannome'"Hourglass Division", "Bayonet Division", "California Division"[1]
MottoLight, Silent, and Deadly (Leggera, silenziosa e mortale)
Battaglie/guerre
Comandanti
Comandante attualeThomas S. James
Degni di nota
Charles H. Corlett
Archibald V. Arnold
Joseph Warren Stilwell, Jr.
Lyman Lemnitzer
Arthur Trudeau
Hal Moore
Wayne C. Smith
David G. Barr
Simboli
Distinctive unit insigniaAn hourglass, red on top and black on bottom, with diagonal bayonet imposed over it
Combat Service Identification BadgeA Red circle with a Green outline and black hourglass at its center
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 7th Infantry Division è una divisione di fanteria dell'esercito statunitense.

La divisione è stata attivata per la prima volta a Fort Ord in California nel dicembre 1917 durante la prima guerra mondiale alla quale hanno partecipato solo alcuni suoi elementi. Durante la seconda guerra mondiale è stata impiegata nel teatro operativo del oceano Pacifico partecipando alle campagne delle Isole Aleutine, delle Isole delle Filippine e di Okinawa. Dopo la resa giapponese nel 1945 la divisione è stata dislocata in Giappone e Corea, nel 1950 a lo scoppio della guerra di Corea è stata una delle prime unità ad essere impiegata. Il 2 aprile 1971, ha fatto ritorno negli Stati Uniti ed è stata disattivata a Fort Lewis,[2] ma è stata in seguito riattivata nell'ottobre 1974 nella sua prima base di Fort Ord. Nel 1988 ha partecipato all'operazione Golden Pheasant in Honduras e nel 1989 all'invasione statunitense di Panama. Negli anni novanta è stata impiegata in operazioni antidroga e nel 1992 durante la rivolta di Los Angeles.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gardener e Stahura,  p. 6
  2. ^ Gardener, Stahura.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 4658 7644