36ª Brigata Garibaldi "Alessandro Bianconcini"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
36ª Brigata Garibaldi "Alessandro Bianconcini"
Targa bianconcini.jpg
Targa apposta sul monumento della 36ª Brigata a tutti i caduti della Resistenza, a Palazzuolo sul Senio. Foto Giovanni Baldini, ResistenzaToscana.it, CC-BY 3.0
Descrizione generale
Attiva1944-1945
NazioneItalia
TipoBrigata d'assalto "Garibaldi"
RuoloGuerra di Liberazione dal nazifascismo
Dimensione1600 unità
PatronoAlessandro Bianconcini
Battaglie/guerreMonte Battaglia
Castagno
Ca' di Guzzo
Comandanti
Degni di notaLibero Lossanti (Lorenzini)
Luigi Tinti (Bob)
Guido Gualandi (il Moro)
Simboli
Bandiera delle Brigate GaribaldiBandiera delle Brigate Garibaldi partigiane (1943-1945).PNG
Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La 36ª Brigata Garibaldi "Alessandro Bianconcini" fu una brigata partigiana che operò nell'Appennino imolese-faentino. Assunse la denominazione "Bianconcini" nel maggio 1944, mentre il numerale le fu assegnato presumibilmente tra l'agosto e il settembre del 1944.

Costituzione e attività[modifica | modifica wikitesto]

La Trentaseiesima riuniva i partigiani della IVª Brigata d'assalto Garibaldi e del gruppo che dopo l'8 settembre 1943 aveva fatto capo a Giovanni Nardi (Caio). Sia Caio che il comandante della IVª Brigata Libero Lossanti (Lorenzini) erano stati uccisi insieme a numerosi altri partigiani. I superstiti, con Luigi Tinti (Bob) come comandante e Guido Gualandi (il Moro) come commissario politico, andarono a costituire una delle Brigate più numerose, raggiungendo in breve tempo le 1600 unità.[1]

La Brigata (che dal settembre 1944 fu divisa in quattro battaglioni di quattro compagnie ciascuno con l'obiettivo di scendere verso Bologna, Imola e Faenza e liberarle prima dell'arrivo degli Alleati)[2] oltre ad incursioni nei paesi, sequestri e redistribuzioni dei raccolti tra i contadini,[1] sostenne numerosi scontri con le forze nazifasciste. Tra questi si ricordano in particolare quello di Monte Battaglia, la battaglia del Castagno,[3] quella di Ca' di Malanca e quella di Ca' di Guzzo (28 settembre 1944).[4]

Persone legate alla Brigata[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Vitaliano Ravagli, Wu Ming, Asce di guerra, Milano, Marco Tropea Editore, 2000, pp. 194-197, ISBN 88-438-0269-0.
  2. ^ Ravagli, Wu Ming, cit., p. 146.
  3. ^ Ampiamente descritta in Ravagli, Wu Ming, cit., pp. 144-146.
  4. ^ Ravagli, Wu Ming, cit., pp. 146-149.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]