1º ottobre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da 1 ottobre)
Jump to navigation Jump to search

Il 1º ottobre o primo ottobre è il 274º giorno del calendario gregoriano (il 275º negli anni bisestili). Mancano 91 giorni alla fine dell'anno.

In quanto primo del mese, a differenza degli altri giorni, è solitamente scritto con l'indicatore ordinale[1]. Tuttavia, sebbene sconsigliabile, è in aumento l'uso della forma con il numerale cardinale (1 ottobre)[2].


gennaio · febbraio · marzo · aprile · maggio · giugno · luglio · agosto · settembre · ottobre 2022 · novembre · dicembre
Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu Ma Me Gi Ve Sa Do Lu
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Fino alla legge n. 517 del 4 agosto 1977, il primo ottobre era in Italia la data di inizio di tutte le scuole e, poiché in questo giorno viene celebrato San Remigio (in quanto il 1º ottobre 1701 vi fu la traslazione delle sue reliquie da Lucca a Fosdinovo), i bambini di prima elementare (oggi scuola primaria) erano detti "remigini".

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nati[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono circa 1 080 voci su persone nate il 1º ottobre; vedi la pagina Nati il 1º ottobre per un elenco descrittivo o la categoria Nati il 1º ottobre per un indice alfabetico.

Morti[modifica | modifica wikitesto]

Ci sono circa 420 voci su persone morte il 1º ottobre; vedi la pagina Morti il 1º ottobre per un elenco descrittivo o la categoria Morti il 1º ottobre per un indice alfabetico.

Feste e ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali:

Internazionali:

Religiose[modifica | modifica wikitesto]

Cristianesimo:

Religione romana antica e moderna:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Patrizia Petricola, Date [prontuario], in Enciclopedia dell'italiano, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2011.
  2. ^ Quarantaquattro gatti in fila per sei col resto di due, o di quando e come scrivere i numeri in lettere, su accademiadellacrusca.it, 1º aprile 2016.
  3. ^ Germany's first same-sex "I do"'s as marriage equality dawns, su Reuters, 1º ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]