Regola di clausura

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cancello che delimitava la clausura nell'antico monastero di Arouca (Portogallo).

Dal latino claudere, "chiudere", la clausura è la regola che disciplina l'ingresso e l'uscita per alcuni ordini religiosi. Per gli uomini la clausura è passiva, ossia non consente l'ingresso delle donne. Per le donne, invece, è attiva e passiva, vale a dire che è proibito sia l'ingresso in monastero degli esterni, sia l'uscita delle monache. Tuttavia il vescovo diocesano può, in caso di necessità, permettere che le monache escano dalla clausura per il tempo strettamente necessario.[1]

Nel linguaggio ecclesiastico, il termine clausura indica, materialmente, uno spazio chiuso per il ritiro religioso, e formalmente, le regole sull'entrata ed uscita dei religiosi e dei visitatori.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Enciclopedia Treccani, Clausura, treccani.it.
  2. ^ (EN) Catholic Encyclopedia (1917), Cloister, newadvent.org.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4164054-8
Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo