XXV dinastia egizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Terzo periodo intermedio dell'Egitto.

Manetone, riferendosi alla XXV dinastia, dice semplicemente ... tre re etiopici.... In realtà i sovrani furono in numero maggiore e la dizione etiopici non è molto attinente trattandosi, in realtà, di discendenti dei sacerdoti tebani rifugiatisi a Napata, in Nubia, all'inizio della XXII dinastia.

Cronologia[modifica | modifica sorgente]

prenomen nomen Sesto Africano Eusebio di Cesarea altri note anni di regno
Alara re di Kush 780 a.C.-760 a.C.
Maatra Kashta Primo ad assumere titolatura completa 760 a.C.-747 a.C.
Usermaatra Piye Piankhi 747 a.C.-716 a.C.
Neferkara-meriamon Shabaka Sabacon Sabacon 716 a.C.-702 a.C.
Djedkaura Shebitqo-meriamon Sebichos Sebichos Shebiku 702 a.C. - 690 a.C.
Nefertumra Taharqa Tarchos Taracos 690 a.C.-664 a.C.
Bakara Tenwetamon Tanutamani negli annali assiri col nome di Undamane 664 a.C.-656 a.C.

Genealogia[modifica | modifica sorgente]

Quello che segue è un possibile e semplificato albero genealogico dei sovrani (Double crown.svg) della XXV dinastia[1]; per l'ordine di successione si faccia riferimento al paragrafo precedente.
(RdK) = Re di Kush;
(DSA) = Divina Sposa di Amon;
(PPA) = Primo Profeta di Amon.


Alara
(RdK)
Kashta Double crown.svg
Pebatma
Piye Double crown.svg
Amenardis I (DSA)
Shabaka Double crown.svg
Shebitqo Double crown.svg
Taharqa Double crown.svg
Shapenewpet II (DSA)
Tanutamani Double crown.svg
Horemakhet (PPA)
Amenardis II (DSA)
Atlanersa (RdK)


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Grimal, op. cit. p. 428

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]