Street Fighter: Assassin's Fist

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Street Fighter: Assassin's Fist
Paese Regno Unito
Anno 2014
Formato webserie
Genere Azione, arti marziali
Episodi 6
Durata
Lingua originale Inglese, giapponese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 2.39:1[1]
Colore Colore
Audio Sonoro
Crediti
Regia Joey Ansah, Christian Howard
Interpreti e personaggi
Musiche Patrick Gill
Produttore Jacqueline Quella
Pubblicazione
Prima TV Regno Unito
Data 23 maggio 2014
Rete televisiva machinima.com

Street Fighter: Assassin's Fist è una serie web/televisiva del 2014. Scritta, diretta, prodotta ed interpretata da Joey Ansah e Christian Howard, rappresenta la terza trasposizione live action dedicata alla serie videoludica dell'universo Street Fighter.

Questa serie è incentrata sulle origini dell'Ansatsuken (暗殺拳, letteralmente "pugno assassino", da cui la serie prende il titolo) e narra le vicende del maestro Goutetsu, dei suoi allievi Gouken ed Akuma, fino ad arrivare ai protagonisti indiscussi dell'intera serie, ovvero Ryu e Ken.

Le riprese sono iniziate nel tardo 2013 in Bulgaria e la sua uscita è prevista per il 2014.[2]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il cortometraggio Street Fighter: Legacy è stato pubblicato su YouTube nel 2010 e vede protagonisti Jon Foo (Ryu), Joey Ansah (Akuma) e Christian Howard (Ken). Al San Diego Comic-Con International del 2012, la Capcom ha dichiarato di aver concesso i diritti ai creatori per portare avanti il progetto.[3]

La serie ha dato inizio ad un crowdfunding con una campagna su Kickstarter allo scopo di ottenere il necessario per le spese di produzione.[4] La campagna è stata annullata il 17 aprile 2013, poiché finanziatori privati hanno donato il denaro necessario per le riprese, eliminando la necessità del crowdfunding.[5]

Ansah ha dichiarato su ShogunGamer che, se la serie avrà successo, vorrebbe che Scott Adkins vestisse i panni di Guile per creare una serie sul World Warrior.

Il 14 luglio 2013 sono iniziate le riprese a Sofia, in Bulgaria e si sono concluse il 24 agosto 2013.[6]

In un'intervista a Game Reactor, Ansah ha dichiarato, riguardo alla storia di Ryu e Ken, "una buona analogia di Ryu è che non combatte con nessuno, ma è in continua lotta con sé stesso. Mentre Ken è sempre guidato ferocemente dalla competizione. Molti dei conflitti di Ken derivano dal rapporto che ha con suo padre. Senza andare troppo oltre, scopriremo in questa serie come ha fatto Ken ad arrivare nel Dojo di Gouken, in Giappone".[7]

Il 14 marzo 2014, Capcom e Machinima.com annunciano che la serie sarebbe andata in onda sul canale principale di Machinima.com, un portale web dedicato allo streaming.[8] Nell'aprile 2014 è stato annunciato che la serie sarà trasmessa in differenti versioni: sul canale di Machinima in 12 episodi della durata di 11-12 minuti, poi rieditati in da 6 episodi della durata di 21-22 minuti, una versione televisiva ridotta a 105 minuti e un'edizione in BluRay/DVD.[9]

Per promuovere la serie, sono stati realizzati ben 3 teaser trailers diversi:

  • il primo (14 marzo 2014) mostra gli allenamenti dei discepoli di Gotetsu con brevi apparizioni di Ryu e Ken;
  • il secondo (11 aprile 2014) è incentrato su Ryu;
  • il terzo (24 aprile 2014).

Il trailer ufficiale è stato pubblicato il 9 maggio 2014.

Nell'ottobre 2014 è stata distribuita da Funimation una versione combinata BluRay/2 DVD (regione A/1) ed una DVD (regione 1) da 143 minuti, con aspect ratio di 2.40:1 (coerente con l'originale 2.39:1) e una TV Parental Guidelines TV-14 (visione sconsigliata ai minori di 14 anni)[1][10].

Durante la San Diego Comic-Con International del luglio 2014 è stato annunciato dalla Capcom l'inizio della lavorazione per un sequel, Street Fighter: World Warrior. La pubblicazione della nuova serie, che manterebbe il tono serio e cupo di Assassin's Fist, è prevista per fine 2015/inizio 2016.[11][12]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La serie ha ricevuto buone critiche e il buon numero di visualizzazioni ha portato alla decisione di produrre un sequel[11]. IGN ha evideziato come questa produzione, seppur dotata un budget ridotto e concentrata solo su alcuni dei personaggi del media franchise, sia riuscita a rispecchiare l'atmosfera dell'ambientazione meglio rispetto a quanto abbiano fatto i due precedenti film per il cinema Street Fighter - Sfida finale e Street Fighter - La leggenda[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Street Fighter: Assassin's Fist Blu-ray, scheda su blu-ray.com
  2. ^ http://www.fortitudemagazine.co.uk/entertainment/film-tv/street-fighter-assassins-fist-unveiled-at-comic-con-2013/10131/
  3. ^ Third time's the charm: Live-action Street Fighter: Assassin's Fist series announced | Joystiq
  4. ^ Street Fighter Kickstarter Launched - IGN
  5. ^ 'Street Fighter: Assassin's Fist' Kickstarter Campaign by Joey Ansah » Exciting News! — Kickstarter
  6. ^ https://www.facebook.com/photo.php?fbid=501994816548967&set=pb.331413386940445.-2207520000.1378395909.&type=3&theater
  7. ^ Street Fighter: Assassin's Fist Interview - Gamereactor UK
  8. ^ Street Fighter Assassin’s Fist Machinima Announcement | Street Fighter: Assassin's Fist
  9. ^ (EN) Street Fighter: Assassin's Fist Version Overview, articolo di movie-censorship.com, del 13 aprile 2014
  10. ^ (EN) Street Fighter: Assassin's Fist (Live-Action) (Blu-ray), recensione su DVDtalk
  11. ^ a b (EN) Capcom Announces ‘Street Fighter: Assassin’s Fist’ Sequel At Comic-Con, articolo di tubefilter.com, del 28 luglio 2014
  12. ^ (EN) Comic-Con: Capcom Greenlights ‘Street Fighter’ Sequel Series ‘World Warrior’, articolo del sito web di Variety, del 25 luglio 2014
  13. ^ (EN) Street Fighter: Assassin’s Fist Review in Continue Play, 27 maggio 2014.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema