Storia di Susanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antico Testamento
Cristianesimo, Cattolico, Ortodosso, Protestante

Ebraismo (Torah-Tanakh-Talmud-Midrashim-
Chumash
-Qabbalah-Mussar)

Pentateuco:

Profeti anteriori o Libri storici:

Profeti posteriori - Profeti maggiori:

Profeti posteriori - Profeti minori:

Scritti:

Meghillot:

Sino a qui riferimenti ebraici

Deuterocanonici
(non canonici per/secondo gli ebrei,
canonici per cattolici e ortodossi,
apocrifi per protestanti)
Ortodosso
Copto
Siriaco (Peshitta)
Progetto Religione
uso tabella

La Storia di Susanna è un racconto in greco composto verso la metà del II secolo a.C. da un autore ebreo anonimo, forse basato su un prototesto ebraico perduto.

Rappresenta una aggiunta del testo del Libro di Daniele della Settanta rispetto alla versione ebraica del testo masoretico, conservata poi nella Vulgata e nella tradizione cattolica. Nelle attuali bibbie cattoliche costituisce il capitolo 13 del libro di Daniele (Dan13).

Il racconto è considerato canonico dalla Chiesa cattolica e Ortodossa, mentre per le chiese protestanti rappresenta un'aggiunta apocrifa.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

In Babilonia nel VI secolo a.C. due anziani considerati giudici saggi si innamorano della giovane e bella moglie di un certo Ioakìm. Dopo averla seguita per un certo tempo, si rendono conto come la donna sia solita passeggiare nel giardino del marito ad una data ora. Susanna viene quindi sorpresa sola dai due che le propongono un patto: può cedere a entrambi, oppure questi la denunceranno per adulterio dicendo di averla trovata con un amante, che non siano riusciti a catturare.

« Susanna, piangendo, esclamò: «Sono alle strette da ogni parte. Se cedo, è la morte per me; se rifiuto, non potrò scampare dalle vostre mani. Meglio però per me cadere innocente nelle vostre mani che peccare davanti al Signore!. »   (Daniele 13,22-23)

Al momento del giudizio della donna, però, il giovane Daniele si proclama innocente del suo sangue, accusando la gente di esecuzione sommaria ai danni di una donna innocente. La folla si ferma, colpita da quanto il ragazzo dice e insospettita che Susanna possa essersi dimostrata tanto diversa dall'apparenza.

« Tutti si voltarono verso di lui dicendo: «Che vuoi dire con le tue parole?». 48 Allora Daniele, stando in mezzo a loro, disse: «Siete così stolti, Israeliti? Avete condannato a morte una figlia d'Israele senza indagare la verità! Tornate al tribunale, perché costoro hanno deposto il falso contro di lei». Il popolo tornò subito indietro e gli anziani dissero a Daniele: «Vieni, siedi in mezzo a noi e facci da maestro, poiché Dio ti ha dato il dono dell'anzianità». »   (Daniele 13,48-50)

Daniele procede quindi ad interrogare i due anziani separatamente, dimostrando la loro colpevolezza grazie alle loro contraddizioni e accusandoli di avere più volte abusato di vittime innocenti.

« Così facevate con le donne d'Israele ed esse per paura si univano a voi. Ma una figlia di Giuda non ha potuto sopportare la vostra iniquità. »   (Daniele 13,57)

I due vecchi vengono quindi giustiziati, mentre Susanna torna libera e salva da suo marito e dai suoi genitori.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]