Sinfonia n. 27 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinfonia n. 27
Martini bologna mozart 1777.jpg
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità Sol maggiore
Tipo di composizione Sinfonia
Numero d'opera K199 / 161b, Catalogo Köchel
Epoca di composizione Salisburgo, aprile 1773
Organico

due flauti, due corni, archi

Movimenti

Allegro, Andantino grazioso, Presto

La Sinfonia n. 27 in Sol Maggiore K199/161b di Wolfgang Amadeus Mozart fu composta a Salisburgo nell'aprile del 1773.[1]

È una delle cosiddette Sinfonie Salisburghesi, chiamate così da Alfred Einstein, il quale ipotizzò che fossero tutte state commissionate da uno sconosciuto mecenate italiano. Le altre sono le n. 22, n. 23, n. 24 e n. 26.[2]

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La sinfonia, secondo Bernhard Paumgartner, possiede un carattere prevalentemente tenero, la cui sonorità potrebbe essere paragonata a quella di un'ouverture per un'opera lirica dal carattere giocoso[2].

La strumentazione prevede due flauti, due corni e archi.

Mozart SY27 Incipit.gif

Sono presenti tre movimenti:

  1. Allegro, 3/4
  2. Andantino grazioso, 2/4
  3. Presto, 3/8

La composizione quindi si apre con un allegro, giocoso e gioioso, "pieno di trovate spiritose"[2]. Segue un andantino grazioso con sordini che richiama le serenate che Mozart aveva frequentemente composto nella sua giovinezza ed è costruito attorno ad un tema popolaresco esposto da violini e flauti. L'ultimo movimento, che riprende la gaiezza del primo, è un presto in 3/4, costituito da un tema fugato e da suoni che richiamano una fanfara.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Wolfgang Amadeus Mozart, Giglberger, Veronika (preface), Robinson, J. Branford (transl.), Die Sinfonien III., Kassel, Bärenreiter-Verlag, 2005, p. XIII, ISBN. ISMN M-006-20466-3
  2. ^ a b c Bernhard Paumgartner, Mozart, Torino, Einaudi 1994, p.172

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica classica