Sinfonia n. 29 (Mozart)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sinfonia n. 29
Martini bologna mozart 1777.jpg
Compositore Wolfgang Amadeus Mozart
Tonalità La maggiore
Tipo di composizione Sinfonia
Numero d'opera K201 / 186a, Catalogo Köchel
Epoca di composizione Salisburgo, 6 aprile 1774
Pubblicazione Künnel, Lipsia 1811
Autografo conservato a New York, collezione privata
Organico

2 oboi, 2 corni, archi

Movimenti
  • I Allegro moderato
  • II Andante
  • III Minuetto
  • IV Allegro con spirito

La Sinfonia n. 29 in La Maggiore K 201 (K6 186a) di Wolfgang Amadeus Mozart fu completata a Salisburgo il 6 aprile 1774.[1][2] Insieme alla n. 25 (scritta pochi mesi prima) costituisce una delle sue più famose sinfonie giovanili.

Il musicologo Stanley Sadie la considera "una pietra miliare, personale nel tono e ancor di più nella sua combinazione di intima musica da camera con una tempra ardente e impulsiva".[3]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

La strumentazione è abbastanza contenuta, come la maggior parte delle sinfonie giovanili, ed è costituita da due oboi, due corni, archi. L'intera sinfonia è pervasa da uno spirito leggiadro che non trascura di mettere in evidenza i singoli strumenti.

Mozart SY29 Incipit.gif

Sono presenti quattro movimenti, coerentemente con i canoni della sinfonia del Classicismo:

  1. Allegro moderato, 2/2
    Il primo movimento si apre con una frase molto elegante che è poi sottoposta ad elaborazioni molto accurate, in cui Mozart non usa un vero contrappunto ma giochi di imitazione che, uniti ad espedienti timbrici, forniscono al movimento caratteristiche di moderata drammaticità.
  2. Andante, 2/4
    Il secondo movimento è caratterizzato da una grazia particolare. Il gioco delle imitazioni continua ma è l'uso degli archi con la sordina che conferisce al movimento una sonorità del tutto speciale. In ogni caso è rilevante come Mozart riesca a sviluppare un movimento di una certa ampiezza con un materiale tematico piuttosto succinto.
  3. Minuetto e Trio, 3/4
    Il minuetto inizia, contrariamente alla consuetudine, con un piano sostenuto dai soli violini per mostrare nel prosieguo tutto il suo vigore.
  4. Allegro con spirito, 6/8
    Movimento di scrittura molto complessa dove Mozart dimostra di aver pienamente raggiunto la maturità artistica sia dal punto di vista tecnico che strumentale. Il musicologo Alfred Einstein dirà di questa partitura "contiene lo svolgimento più ricco e drammatico che Mozart avesse scritto fino a quel momento".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sulla partitura autografa Mozart ha cancellato la data di composizione che altre fonti hanno comunque consentito di individuare.
  2. ^ Wolfgang Amadeus Mozart, Giglberger, Veronika (preface), Robinson, J. Branford (transl.), Die Sinfonien III., Kassel, Bärenreiter-Verlag, 2005, XIII, ISBN. ISMN M-006-20466-3
  3. ^ Stanley Sadie, The New Grove Mozart. New York, W. W. Norton & Company, 1983. ISBN 0-393-30084-6. p. 41.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica