Simeone I di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Simeone di Gerusalemme
Il martirio di san Simeone in una miniatura del Martirologio di Basilio
Il martirio di san Simeone in una miniatura del Martirologio di Basilio

Vescovo e martire

Nascita Galilea, Gerusalemme ?
Morte Gerusalemme, 107 o 117 circa
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Canonizzazione pre canonizzazione
Ricorrenza 18 febbraio (Chiesa Occidentale)
27 aprile (Chiesa Orientale)
Attributi Raffigurato inchiodato a una croce; Abiti vescovili; Palma

Simeone I di Gerusalemme, o Simone (I secoloGerusalemme, 107), fu il secondo vescovo della Chiesa di Gerusalemme dal 62 al 107, dopo la morte di Giacomo il Giusto.

Agiografia[modifica | modifica sorgente]

Le testimonianze su Simeone sono limitate alle citazioni tramandate da:

  • Egesippo (uno dei primi scrittori cristiani, giunto a Roma verso la metà del II secolo) che riferisce dell'elezione di Simeone a vescovo;
  • Eusebio di Cesarea, che lo indica come «cugino del Salvatore», figlio di Cleofa (o Cleopa), fratello di Giuseppe, padre putativo di Gesù, in un passaggio che è una citazione dello stesso Egesippo (Hist. eccl. 3, 11, 32). Inoltre scrive che Simeone fu uno dei due discepoli che, sulla strada di Emmaus, incontrarono Cristo risorto.

La tradizione cattolica lo fa coincidere col Simone fratello di Gesù citato occasionalmente nei Vangeli (Mc6,3; Mt13,55-57), considerandolo figlio di Maria di Cleofa[1] (moglie di Cleofa-Cleopa) e fratello di Giacomo il Giusto, al quale succedette alla testa della comunità giudeo-cristiana di Gerusalemme.

Simeone guidò l'unica comunità cristiana formata interamente da ebrei. Costretta a fuggire da Gerusalemme dopo la sua distruzione ad opera dei Romani (70), la comunità di Simeone trovò rifugio oltre il fiume Giordano, a Pella di Perea.
Simeone visse sotto Traiano imperatore, il quale non lanciò mai persecuzioni contro i cristiani. Simeone però fu denunciato da un gruppo di avversari e condannato alla crocifissione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mary of Cleophas nella Catholic Encyclopedia

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Successioni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo di Gerusalemme Successore BishopCoA PioM.svg
Giacomo il Giusto 62 - 107 Giusto I
107 - 113