Roman Weidenfeller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roman Weidenfeller
Roman Weidenfeller 1.jpg
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 188 cm
Peso 85 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Bor. Dortmund Bor. Dortmund
Carriera
Giovanili
 ????
1996-1998
Flag of None.svg Eisbachtal
Kaiserslautern Kaiserslautern
Squadre di club1
1998-2000 Kaiserslautern II Kaiserslautern II 40 (-57)
2000-2002 Kaiserslautern Kaiserslautern 6 (-11)
2002- Bor. Dortmund Bor. Dortmund 314 (-342)
Nazionale
1997
1999-2001
2013-
Germania Germania U-17
Germania Germania U-21
Germania Germania
6 (-?)
3 (-?)
3 (-3)
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Oro Brasile 2014
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 luglio 2014

Roman Weidenfeller (Diez, 6 agosto 1980) è un calciatore tedesco, portiere del Borussia Dortmund, di cui è capitano, e della Nazionale tedesca, con cui si è laureato campione del mondo nel 2014.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Kaiserslautern[modifica | modifica sorgente]

Weidenfeller nel 2011

Fu scoperto nel 1997, quando fu votato miglior portiere del Mondiale Under-17. Nel 2000 si trasferisce dall'Esbaichtal al Kaiserslautern, per poi due anni dopo, nel 2002, passare a parametro zero al Borussia Dortmund, per rimpiazzare Jens Lehmann, appena trasferitosi all'Arsenal.

Borussia Dortmund[modifica | modifica sorgente]

Le prime due presenze con la nuova maglia le trova in Coppa di Germania nelle sfide in casa del Conc. Ihrhove, finita 0-3, e del Friburgo persa invece 3-0. Il 16 novembre 2002 esordisce in Bundesliga con la maglia dei giallo-neri nella sfida casalinga contro il Monaco vinta 1-0. Conclude la prima stagione con i gialloneri con 13 presenze e 10 gol subiti tra campionato e coppa.

Il 12 agosto 2003 esordisce con il Borussia nella massima competizione europea ovvero la Champions League, nella partita persa per 2-1 sul campo dei belgi del Club Bruges. Il 24 settembre 2003 esordisce invece in Coppa UEFA nella partita vinta 2-1 sul campo dell'Austria Vienna. Dalla 17ª giornata in poi diventa una seconda scelta per il tecnico Matthias Sammer non riuscendo più a giocare una partita.

Torna titolare dalla 9ª giornata del campionato 2004-2005. Conclude la sua terza stagione a Dortmund con 27 presenze e 31 gol subiti totali.

Il 15 ottobre 2005 regala il primo assist in carriera, in Bundesliga e con la maglia del Borussia Dortmund, nella partita pareggiata con il risultato di 3-3 sul campo della sua ex squadra, il Kaiserslautern. Conclude la stagione con 25 presenze e 32 gol subiti in tutte le competizioni disputate.

Il 24 ottobre 2006 riceve il suo primo cartellino rosso in carriera nella partita persa 1-0 in casa contro l'Hannover 96 in Coppa di Germania. Alla fine della stagione è il giocatore con più presenze all'interno della squadra: gioca infatti per la prima volta tutte le partite in Bundesliga e le due partite in DFB-Pokal, ottenendo 36 presenze in totale.

All'inizio della stagione 2007-2008 viene squalificato dal giudice sortivo facendogli saltare tre partite. Il 2 febbraio 2008 si procura un infortunio alla spalla che lo costringe a star fuori dai giochi per due mesi. Il 13 aprile 2008 potrebbe tornare a giocare dopo aver smaltito l'infortunio alla spalla ma si procura uno strappo ai legamenti interni del ginocchio che lo terrà lontano dal campo fino a fine stagione.[senza fonte]

Il 18 settembre 2008 torna a giocare in Coppa UEFA nella sconfitta interna per 2-0 contro l'Udinese. Conclude la stagione con 37 presenze e 41 gol subiti in totale.

Il 17 gennaio 2010 è costretto a uscire dal campo per una lacerazione che gli farà saltare 4 partite durante il match vinto per 3-2 sul campo del Colonia.[senza fonte] A fine stagione la squadra si qualifica per l'Europa League.

Il 25 maggio 2013 disputa la finale di Champions League contro il Bayern Monaco, perdendola per 2-1.

Inizia la stagione 2013-2014 vincendo la Supercoppa di Germania ai danni del Bayern Monaco per 4-2. All'inizio della stagione viene nominato primo capitano della squadra togliendo così la fascia di capitano a Sebastian Kehl, capitano della squadra fino alla stagione 2012-2013.[senza fonte] Il 25 gennaio 2014, in occasione della gara casalinga contro l'Augsburg (2-2), raggiunge quota 300 presenze in Bundesliga con la maglia del Borussia Dortmund.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

In Nazionale Under-21 ha collezionato 3 presenze tra 1999 e 2001.

Ha esordito con la maglia della Nazionale maggiore il 19 novembre 2013 in Inghilterra-Germania, conclusasi con la vittoria tedesca per 0-1.

Convocato per il Mondiale 2014, il 13 luglio 2014 si laurea campione del mondo dopo la vittoria in finale sull'Argentina per 1-0, ottenuta grazie al goal decisivo di Götze durante i tempi supplementari.[1][2]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 6 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2000-2001 Germania Kaiserslautern BL 3 -6 - - - CU 1 -0 - - - 4 -6
2001-2002 BL 3 -5 CG 1 -1 - - - - - - 4 -6
Totale Kaiserslautern 6 -11 1 -1 1 -0 - - 8 -12
2002-2003 Germania Borussia Dortmund BL 11 -7 CG 2 -3 - - - CdL 1 -2 14 -12
2003-2004 BL 17 -25 CG 2 -2 UCL+CU 1[3]+4 -6[3] + -7 CdL 2 -4 26 -44
2004-2005 BL 26 -30 CG 1 -1 - - - - - - 27 -31
2005-2006 BL 24 -30 CG 1 -2 - - - - - - 25 -32
2006-2007 BL 34 -43 CG 2 -0 - - - - - - 36 -43
2007-2008 BL 14 -30 CG 0 -0 - - - - - - 14 -30
2008-2009 BL 32 -35 CG 3 -4 CU 2 -2 - - - 37 -41
2009-2010 BL 30 -30 CG 3 -4 - - - - - - 33 -34
2010-2011 BL 33 -21 CG 2 -0 UEL 8[4] -7[5] - - - 43 -28
2011-2012 BL 32 -22 CG 4 -1 UCL 6 -12 SG 1 -0 43 -35
2012-2013 BL 31 -36 CG 4 -3 UCL 13 -14 SG 1 -2 49 -55
2013-2014 BL 30 -33 CG 3 -2 UCL 9 -12 SG 1 -2 43 -49
Totale Borussia Dortmund 314 -342 27 -22 44 -60 6 -10 391 -434
Totale carriera 320 -353 28 -23 45 -60 6 -10 399 -446

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Germania Germania
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
19-11-2013 Londra Inghilterra Inghilterra 0 – 1 Germania Germania Amichevole -
01-06-2014 Mönchengladbach Germania Germania 2 – 2 Camerun Camerun Amichevole -
06-06-2014 Magonza Germania Germania 6 – 1 Armenia Armenia Amichevole -
Totale Presenze 3 Reti -3

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni Nazionali[modifica | modifica sorgente]

Weidenfeller nel 2010
Borussia Dortmund: 2010-2011, 2011-2012
Borussia Dortmund: 2011-12
Borussia Dortmund: 2013, 2014
Borussia Dortmund: 2008 (non ufficiale)

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Brasile 2014

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mondiali, Germania campione! Argentina battuta 1-0: Götze al 113', gazzetta.it, 14 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  2. ^ Germania campione del mondo, ilpost.it, 13 luglio 2014. URL consultato il 14 luglio 2014.
  3. ^ a b Terzo turno preliminare.
  4. ^ 2 presenze nei play-off.
  5. ^ 0 reti subite nei play-off.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]