Piper PA-36 Pawnee Brave

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piper PA-36 Pawnee Brave
Il Piper PA-36-375 Brave 375 c/n 36-7802003 marche N3794E durante una dimostrazione di irrorazione aerea.
Il Piper PA-36-375 Brave 375 c/n 36-7802003 marche N3794E durante una dimostrazione di irrorazione aerea.
Descrizione
Tipo aereo agricolo
Equipaggio 1
Costruttore Stati Uniti Piper Aircraft
Data primo volo 17 novembre 1969
Data entrata in servizio 1973
Esemplari 926 (solo Piper)
Sviluppato dal Piper PA-25 Pawnee
Dimensioni e pesi
Lunghezza 8,39 m ((27 ft 6 in)
Apertura alare 11,82 m (38 ft 10 in)
Altezza 2,29 m (7 ft 6 in)
Superficie alare 21,0 (225.65 ft²)
Peso a vuoto 1 162 kg (2 560 lb)
Peso max al decollo 2 180 kg (4 800 lb)
Capacità 1 041 L (275 US gal) (tramoggia) o
1000kg (2200lb)
Propulsione
Motore un Lycoming IO-540-K1G5
Potenza 300 hp (224 kW)
Prestazioni
Velocità max 216 km/h (116 kt)
Velocità di crociera 210 km/h (113 kt)
Autonomia 772 km (417 nm)
Tangenza 4 572 m (15 000 ft)
Note dati riferiti alla versione PA-36-300

i dati sono estratti da International Directory of Civil Aircraft 1999/2000[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Piper PA-36 Pawnee Brave è un aereo agricolo monomotore ad ala bassa sviluppato dall'azienda aeronautica statunitense Piper Aircraft nei tardi anni sessanta.

Evolutosi in varie versioni caratterizzate da motorizzazioni sempre più potenti, venne costruito dalla Piper fino ai primi anni ottanta quindi, in altre due nuove varianti, in 150 esemplari dalla WTA Incorporated che ne aveva acquistato la licenza di produzione.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto del PA-36 Pawnee Brave nasce verso la fine degli anni sessanta come successore di maggiori dimensioni del PA-25 Pawnee, partendo dal progetto del PA-25 stesso, con il nome PA-36-260 Pawnee II ed equipaggiato con un motore Lycoming O-540-E a 6 cilindri contrapposti raffreddato ad aria.

Nel novembre del 1969, il Pawnee II compie il suo primo volo. Nella fase di sviluppo venne deciso di sostituire il motore con un Continental Tiara 6-285, dalla medesima architettura, rinominando il modello PA-36-285 Pawnee Brave, caratterizzato da una nuova ala con bordi d'attacco amovibili, da un migliorato sistema di ventilazione e riscaldamento, dall'adozione di un sistema "Safoam" per smorzare le violente oscillazioni nei serbatoi di carburante e di una tramoggia standard dalla capacità incrementata di 30 ft³ (0,85 ).[2]

Dopo aver ottenuto il certificato di tipo dalla Federal Aviation Administration (FAA) nel 1972, la Piper avvia la produzione in serie nel 1973.

A seguito di diverse problematiche originate dal motore Continental Tiara, la Piper certificò nel 1977 il PA-36 con motore Lycoming IO-540 da 300 hp rinominando la versione PA-36-300 e dal 1978 anche il nome cambiò in Brave 300.

Nel 1978 venne prodotta anche una versione più potente, con motore Lycoming IO-720 da 375 hp diventando PA-36-375 Brave 375.

La produzione del Pawnee Brave terminò nel gennaio 1983, a seguito della vendita dei diritti alla WTA Incorporated nel 1981 che portò alla redesignazione dei Brave 375 in New Brave 375 e la produzione dei New Brave 400 con motore da 400 hp.[3]

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il PA-36 Pawnee Brave è un velivolo dall'impostazione, per il ruolo al quale è destinato, classica: monomotore in configurazione traente, monoplano ad ala bassa, monoposto.

La fusoliera, caratterizzata da una cabina di pilotaggio monoposto rialzata per favorire la visibilità, integra davanti alla postazione del pilota il serbatoio delle sostanze chimiche in modo da favorire il bilanciamento del velivolo. Posteriormente termina in un impennaggio classico monoderiva dotato di piani orizzontali a sbalzo.

La configurazione alare è monoplana, con l'ala a pianta bitrapezioidale posizionata bassa ed a sbalzo sulla fusoliera.

Il carrello d'atterraggio è del tipo triciclo classico fisso ed ammortizzato, con le gambe di forza anteriori posizionate sotto l'ala ed integrato posteriormente da un ruotino d'appoggio.

La propulsione è affidata ad un motore aeronautico collocato all'apice anteriore della fusoliera e protetto da una cofanatura metallica ed abbinato, a seconda del propulsore, ad un'elica traente bipala o, opzionalmente, tripala.

Specifiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

PA-36-285 Pawnee Brave PA-36-300 Pawnee Brave 300 PA-36-375 Brave 375
Passeggeri 1 posto opzionale
Equipaggio 1
Lunghezza 8,39 m
Apertura alare 11,82 m
Superficie alare 21 m²
Altezza 2,29 m
Peso a vuoto 1162 kg
Peso massimo al decollo 2180 kg
Raggio massimo 417 nm (772 km)
Velocità di crociera 210 km/h (113 kt)
Quota di tangenza 15000 ft (4572 m)
Motori 1 x Continental Tiara 6-285 1 x Lycoming IO-540-K1G5 1 x Lycoming IO-720-D1CD
Potenza per motore 285 hp (210 kW) 300 hp (225 kW) 375 hp (280 kW)
Elica bipala (opzionale tripala) a giri costanti tripala a giri costanti

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

PA-36-260 Pawnee II
Primo prototipo con motore Lycoming O-540-E da 260 hp.
PA-36-285 Pawnee Brave
Prima versione prodotta in serie, dotata di motore Continental Tiara 6-285 da 285 hp.
PA-36-300 Pawnee Brave 300
Pawnee Brave con motore Lycoming IO-540-K1G5 da 300 hp, nominato Brave 300 dal 1978.
PA-36-375 Brave 375
Versione dotata di motore Lycoming IO-720-D1CD da 375 hp.
PA-36 New Brave 375
Brave 375 prodotto dalla WTA dopo al 1981.
PA-36 New Brave 400
Upgrade del New Brave 375 con motore Lycoming IO-720 da 400 hp, prodotto dalla WTA dal 1982.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frawley 1999, pp. 164-167
  2. ^ Collins October 1973, p. 40
  3. ^ Taylor 1988, p. 497

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Gerhard Frawley, International Directory of Civil Aircraft 1999/2000, Fyshwick, ACT, Australia, Aerospace Publications, 1999, ISBN 1-875671-42-0.
  • (EN) Roger W. Peperell, Colin M. Smith, Piper Aircraft and their forerunners, Air-Britain, 1987.
  • (EN) John W.R. Taylor (ed.), Jane's All the World's Aircraft, 1988-1989, London, Jane's Information Group, 1988, ISBN 0-7106-0867-5.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Richard Collins, Brave Man in Flying Magazine, ottobre 1973, p. 40.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]