Phoebis philea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Phoebis philea
Orange-barred Sulphur (Phoebis philea) in Ecuador.jpg
Phoebis philea
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
(clade) Ecdysozoa
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
(clade) Amphiesmenoptera
Ordine Lepidoptera
Sottordine Glossata
Infraordine Heteroneura
Divisione Ditrysia
(clade) Apoditrysia
(clade) Obtectomera
Superfamiglia Papilionoidea
Famiglia Pieridae
Sottofamiglia Coliadinae
Genere Phoebis
Specie P. philea
Nomenclatura binomiale
Phoebis philea
(Linnaeus, 1763)
Sinonimi

Callidryas philea
Godman & Salvin, [1889]
Catopsilia philea ab. irma
(Krüger, 1929)
Catopsilia philea var. obsoleta
(Niepelt, 1920)
Colias aricia
Godart, 1819
Colias corday
Hübner, [1819]
Colias lollia
Godart, 1819
Papilio aricye
Cramer, [1776]
Papilio melanippe
Stoll, [1781]
Papilio philea
Linnaeus, 1763
Phoebis philea f. androchroma
Bryk, 1953
Phoebis philea philea ab. inornata
Dufrane, 1947

Sottospecie
  • P. p. philea
  • P. p. huebneri
  • P. p. thalestris

Phoebis philea (Linnaeus, 1763)[1] è un lepidottero appartenente alla famiglia Pieridae, diffuso in America Settentrionale, Centrale e Meridionale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Adulto[modifica | modifica wikitesto]

Phoebis philea.

Nei maschi, l'ala anteriore è di colore giallo-arancio, mentre quella posteriore ha margini sfumati di arancione o di rosso. La femmina ha due forme, una bianca e una giallo-arancio, più grandi del maschio. Entrambe presentano, sull'ala anteriore, piccoli punti neri e una fila di macchie nere lungo il termen. La femmina giallo-arancio ha l'ala inferiore gialla soffusa di rosso-arancio.[2]
L'apertura alare varia da 68 a 80 mm.[3]

Larva[modifica | modifica wikitesto]

Il bruco raggiunge i 7 cm di lunghezza. Il suo colore dipende dall'alimentazione, e può variare dal rosa al verde. Se si nutre di foglie, è verde con due strisce più scure lungo il corpo; se si nutre di fiori, invece, è giallo con due anelli più scuri[4] Presenta, inoltre, punti rosso-nerastri sui lati.[5]

Pupa[modifica | modifica wikitesto]

La pupa ha forma di foglia ed è verde oppure rosa, o talvolta di entrambi i colori.[4]

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È una specie che vola in alto e rapidamente, e riposa sempre tenendo le ali chiuse.[4] Migra molto spesso: è in volo per la maggior parte dell'anno e vaga, con piccole soste, durante tutta l'estate.[4][5]

Questi insetti formano spesso colonie di dozzine di individui. Se percepisce un pericolo, il gruppo si alza in volo compattamente e vola in circolo per alcuni minuti.

La larva si nasconde, durante il giorno, in una specie di tenda creata unendo i lembi delle foglie della pianta nutrice.[5]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli adulti si nutrono del nettare di piante dal colore rosso, come quelle dei generi Lantana e Impatiens.[6]

Il bruco si accresce su leguminose del genere Cassia L. (Fabaceae).

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste un rituale di corteggiamento: la femmina viene intercettata in volo e costretta al suolo, dove avviene la fecondazione. Le femmine depongono uova singole, gialle[6], circa venti per volta[4], sulle estremità delle foglie e sui petali dei fiori della pianta ospite.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È presente ai tropici, nelle Americhe[5], dal Messico al Perù, fino ai Caraibi, tra il livello del mare e i 1.500 metri di quota.[6] È diffusa dal nord del Brasile alla Florida, è rara nel Texas meridionale ed estremamente rara in Colorado, Minnesota, Wisconsin e Connecticut.[2]

L'habitat della specie consiste in macchie tropicali, giardini, campi e limitare delle foreste.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sottospecie[modifica | modifica wikitesto]

Sono conosciute tre sottospecie:

  • Phoebis philea philea (Linnaeus, 1763) - Amoenitates Acad., 6: 404 - Locus typicus: "Indiis" (= America Settentrionale, Centrale e Meridionale)[1]
  • Phoebis philea huebneri Fruhstorfer, 1907 (Phoebus [sic]) - Stettin ent. Ztg. 68(2): [ 286] - Locus typicus: Cuba
  • Phoebis philea thalestris (Illiger, 1801) - Mag. Ins. 1: 207 - Locus typicus: Hispaniola
    • Sin.: Papilio philea thalestris Illiger, 1801 Illiger, 1801 (basionimo)

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati riportati undici sinonimi:

  • Callidryas philea (Godman & Salvin, [1889]) - Biol. centr.-amer., Lep. Rhop. 2: 140; Godman & Salvin, [1901] - Biol. centr.-amer., Lep. Rhop. 2: 726; Dyar, 1903 - Bull. U.S. nat. Mus. 52: 7 - Locus typicus: Messico (Sinonimo eterotipico)
  • Catopsilia philea ab. irma (Krüger, 1929) - Int. Entomol. Z. 23(4): 59 - Locus typicus: Perù (sinonimo eterotipico)
  • Catopsilia philea var. obsoleta (Niepelt, 1920) - Int. Entomol. Z. 14(3): 17 - Locus typicus: Carillo, Costa Rica (sinonimo eterotipico)
  • Colias aricia (Godart, 1819) (emend.) - Encycl. méth. 9 (Ins.): 86, 94 (Sinonimo eterotipico)
  • Colias corday (Hübner, 1819) (nomen novum) - Verz. bek. Schmett. 1: 99 (Sinonimo eterotipico)
  • Colias lollia (Godart, 1819) - Encycl. méth. 9 (Ins.): 86, 94 (Sinonimo eterotipico)
  • Papilio aricye (Cramer, [1776]) Uitl. Kapellen 1(8): 147, pl. 94, f. A, B - Locus typicus: Suriname (Sinonimo eterotipico)
  • Papilio melanippe (Stoll, 1781) in Cramer, Uitl. Kapellen 4 (29-31): 139 pl. 361, f. E, F (spring f.) - Locus typicus: Suriname (Sinonimo eterotipico)
  • Papilio philea (Linnaeus, 1763 - Amoenitates Acad., 6: 404 - Locus typicus: "Indiis" (= America Settentrionale, Centrale e Meridionale) (Sinonimo omotipico; basionimo)[1]
  • Phoebis philea f. androchroma Bryk, 1953 - Ark. Zool. (n.s.) 5(1): 17, no. 29b. - Locus typicus: Perù
  • Phoebis philea philea ab. inornata Dufrane, 1947 - Bull. Annl. Soc. Entomol. Belg. 83(1/2): 65 - Locus typicus: Rio de Janeiro, Brasile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (LA) Carolus Linnaeus, Amoenitates academicae, seu, Dissertationes variae physicae, medicae, botanicae: antehac seorsim editae: nunc collectae et auctae: cum tabulis aeneis in Johansson (Thesis), Centuria Insectorum, vol. 6, Holmiae et Lipsiae, Godofredum Kiesewetter, 1763, 404, DOI:10.5962/bhl.title.910. URL consultato il 28 novembre 2012.
  2. ^ a b (EN) Orange-barred Sulphur - Phoebis philea (Linnaeus, 1763). URL consultato il 25 novembre 2012.
  3. ^ (EN) Orange-barred Sulphur, Butterflies of Canada.
  4. ^ a b c d e (EN) Maryposa - Phoebis philea, Maryposa.
  5. ^ a b c d (EN) Marie S. Harris, ADW: Phoebis philea.
  6. ^ a b c (EN) Butterflies of the Amazon and Andes - Orange-barred Sulphur, Butterflies of Amazzonia and Andes.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jim P. Brock, Kenn Kaufman, Butterflies of North America, Houghtin Mifflin Company, 2003, p. 76, ISBN 0-618-25400-5.
  • (EN) Capinera, J. L. (Ed.), Encyclopedia of Entomology, 4 voll., 2nd Ed., Dordrecht, Springer Science+Business Media B.V., 2008, pp. lxiii + 4346, ISBN 978-1-4020-6242-1, LCCN 2008930112, OCLC 837039413.
  • (EN) Kükenthal, W. (Ed.), Handbuch der Zoologie / Handbook of Zoology, Band 4: Arthropoda - 2. Hälfte: Insecta - Lepidoptera, moths and butterflies in Kristensen, N. P. (a cura di), Handbuch der Zoologie, Fischer, M. (Scientific Editor), Teilband/Part 35: Volume 1: Evolution, systematics, and biogeography, Berlino, New York, Walter de Gruyter [1998], 1999, pp. x + 491, ISBN 978-3-11-015704-8, OCLC 174380917.
  • (EN) Orange-barred Sulphur (Phoebis philea), Learn about Butterflies.
  • (EN) Scoble, M. J., The Lepidoptera: Form, Function and Diversity, seconda edizione, London, Oxford University Press & Natural History Museum [1992], 2011, pp. xi, 404, ISBN 978-0-19-854952-9, LCCN 92004297, OCLC 25282932.
  • (EN) Stehr, F. W. (Ed.), Immature Insects, 2 volumi, seconda edizione, Dubuque, Iowa, Kendall/Hunt Pub. Co. [1987], 1991, pp. ix, 754, ISBN 9780840337023, LCCN 85081922, OCLC 13784377.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]