Paul Frère

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Frère
Dati biografici
Nazionalità Belgio Belgio
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria Formula Uno, Sport Prototipo
Carriera
Carriera in Formula 1
Stagioni 1952-1956
Scuderie HWM, Simca-Gordini, Ferrari
Miglior risultato finale 7° (1956)
GP disputati 11
Podi 1
Punti ottenuti 11
 

Paul Frère (Le Havre, 30 gennaio 1917Saint-Paul-de-Vence, 23 febbraio 2008) è stato un pilota automobilistico, scrittore e giornalista belga, nato in Francia.

Ha collaborato allo sviluppo di numerose automobili sportive di serie ed ha scritto numerosi libri di argomento automobilistico, in particolare relativi ai modelli della Porsche. Era, infatti, universalmente considerato uno dei più grandi esperti del settore, in particolare di Porsche 911. Ha scritto uno dei libri più completi su questa vettura. In campo cinematografico appare in un "cameo" nel film "Il vergine" di Jerzy Skolimowski interpretando se stesso durante un colloquio amichevole con il protagonista Jean-Pierre Leaud.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Frère corse come pilota semiprofessionista per circa quindici anni,[1] unendo questa sua professione a quella di giornalista, fino al 1952 quando vinse il Grand Prix des Frontières per vetture di Formula 2. A partire da questo momento la sua carriera decollò e, oltre ad ottenere i suoi primi punti in Formula 1 al debutto nello stesso anno, venne assunto dalla Scuderia Ferrari nel 1955. L'anno seguente conquistò poi un secondo posto al Gran Premio del Belgio.

Il risultato più importante della sua carriera sportiva fu comunque la vittoria nella 24 ore di Le Mans del 1960, insieme al connazionale Olivier Gendebien, su una Ferrari 250 Testa Rossa. Pochi anni dopo decise, però, di ritirarsi dall'automobilismo e di continuare il suo lavoro di giornalista.[1]

Nel 1978 fu uno dei piloti che portò la Mercedes C 111 al conseguimento di numerosi record sul circuito di Nardò.

La sua morte avvenne in Francia nel 2008 a seguito delle complicazioni dovute ad un grave incidente automobilistico in cui venne coinvolto l'anno precedente in Germania.[2].

Risultati in Formula 1[modifica | modifica wikitesto]

1952 Scuderia Vettura Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
HWM-Ecurie Belge[3] HWM 52-T15 5 Rit Rit 2 16º
1953 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
HWM HWM 53 10 Rit 0
1954 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Switzerland (Pantone).svg Flag of Italy.svg Flag of Spain (1945 - 1977).svg Punti Pos.
Gordini T16 Rit Rit Rit 0
1955 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of the Netherlands.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Ferrari 555 F1 8 4 3 15º
1956 Scuderia Vettura Flag of Argentina.svg Flag of Monaco.svg Flag of Indianapolis.svg Flag of Belgium.svg Flag of France.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Germany.svg Flag of Italy.svg Punti Pos.
Ferrari D50 2 6
Legenda 1º posto 2º posto 3º posto A punti Senza punti Grassetto=Pole position
Corsivo=Giro più veloce
Solo prove/Terzo pilota Non qualificato Ritirato/Non class. Squalificato Non partito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Drivers: Paul Frere, grandprix.com. URL consultato l'8 maggio 2012.
  2. ^ (FR) Articolo su lalibre.be
  3. ^ Con l'Ecurie Belge al Gran Premio d'Olanda

Controllo di autorità VIAF: 54147790 LCCN: n80097504