M50 Ontos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
M50 Ontos
Ontos.jpg
Descrizione
Equipaggio 3 (capocarro, cannoniere, guidatore) + 4 fanti
Dimensioni e peso
Lunghezza 3,82 m
Larghezza 2,6 m
Altezza 2,13 m
Peso 7,5 t
Propulsione e tecnica
Motore GM 302, benzina
Potenza 145 hp
Sospensioni barre di torsione
Prestazioni
Velocità 48
Autonomia 240
Pendenza max 60 %
Armamento e corazzatura
Armamento primario 6 cannoni M40
Armamento secondario coassiale: 4 fuciloni da 12,7mm
mtg da 7,62mm per la difesa ravvicinata
Note gradino 0,76, trincea 1,42

Military Factory.com

voci di carri armati presenti su Wikipedia

L'M50 Ontos era un cacciacarri con un armamento diverso da quello dell'M56 dell'esercito USA, infatti si trattava di un mezzo con cannoni M40 da 106mm.

Il mezzo venne sviluppato da una richiesta dei Marines per un veicolo cacciacarri semovente, leggero, con armi abbastanza potenti per ingaggiare qualunque carro nemico. Questo nel 1951 significava essenzialmente usare i cannoni senza rinculo, ma i prototipi presentati, con un gran numero di soluzioni d'arma, vennero lungamente valutati, in particolare ne vennero presentati 5. Alla fine se ne ordinarono 24 del tipo T165, poi l'evoluzione del progetto portò al definitivo T165E, ufficializzato come M50 Ontos e realizzato in 297 esemplari, completati entro il 1957.

Tecnica[modifica | modifica sorgente]

La sagoma di questo veicolo non era davvero facilmente confondibile con qualsiasi altro entrato in servizio, soprattutto per quello che riguardava la principale caratteristica, l'armamento.

Il veicolo aveva, come tutti i suoi concorrenti, cannoni senza rinculo, in questo caso 2 gruppi di 3 M40, armi potenti con una gittata massima di ben 7000 metri, anche se quella pratica controcarri era di 1100.

I cannoni erano sopra il mezzo, realizzato in alluminio, in una postazione a brandeggio di 40 gradi per parte e disponevano di 18 colpi appena, ma ciascuno pesante ben 16kg e disponibile in versioni HEAT e HE. Sopra i quattro cannoni più elevati vi erano anche quattro fuciloni M8C da aggiustamento, che davano la certezza che il colpo sarebbe andato a segno se centravano il bersaglio. Il veicolo disponedva di 80 proiettili per queste armi, ma vi era anche una mitragliatrice calibro 7,62x51 mm per la difesa ravvicinata sulla sommità del veicolo.

L'Ontos aveva il guidatore a sinistra, il motore a destra, capocarro e cannoniere dietro. La piastra anteriore era molto inclinata, anche se relativamente poco spessa.

Il problema maggiore era che volta sparati i colpi era necessario uscire e ricaricare le canne manualmente, per non avere un veicolo troppo pesante infatti lo scafo era troppo piccolo per ospitare le culatte delle armi. Per questo vi erano tanti cannoni, possibilmente tenuti sempre con il colpo in canna: se nell'insieme l'aspetto era anomalo, l'inconfondibile sagoma era di per se stessa un deterrente psicologico non indifferente, come si notò nell'uso controguerriglia.

Servizio[modifica | modifica sorgente]

Equipaggio di M50 Si riposa in Vietnam
M50 on Chu Lai Beach, 1965.jpg

La carriera bellica dell'Ontos ebbe alti e bassi. La sua potenza di fuoco era molto elevata, ed esso, muovendo assieme ai convogli da proteggere, venne spesso usato con successo contro i Vietcong, sparando salve di 2 o più munizioni contemporaneamente. Gli effetti erano devastanti, soprattutto se i Viet erano raggruppati. Questo strano mezzo era in sostanza una sorta di "fucile a pallettoni semovente", per intendersi. Dall'altro canto, l'Ontos era seriamente svantaggiato negli scontri prolungati dalla necessità di ricarica, che era possibile solo facendo ritirare il veicolo in seconda linea.

Inoltre la protezione dalle mine e in generale la ridotta corazzatura erano un problema. Nell'insieme, l'Ontos venne utilizzato per compiti di controguerriglia per i quali non era mai stato concepito, e i Marines lo usarono spesso con sagacia, "in mancanza di meglio", riuscendo a renderlo un mezzo temuto dal nemico (il suo solo apparire poteva causare il panico tra i Vietcong), ma nessuno si azzarderebbe a definirlo un successo incondizionato.

Durante il tempo di servizio, il mezzo venne anche aggiornato, con motore Chrysler al posto di quello GM, e con altre piccole modifiche divenne l'M50A1. Anche per esso vi erano versioni previste e sperimentali, come per l'M56, ma nessuna entrò in produzione.[1]

Nei Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

L'M50 Ontos compare in una missione del videogioco Codename: Panzers Cold War, in cui è possibile utilizzarlo per eliminare i veicoli sovietici.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel 1977 la ditta italiana Atlantic realizzò un modellino in plastica dell'Ontos, in scala 1\72, inserendolo però erroneamente nella serie dei mezzi della II Guerra Mondiale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M50 Ontos. URL consultato il 02 settembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Aviazione