Julie Brown

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julie Brown
Fotografia di Julie Brown
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica demenziale
Pop
Periodo di attività 1983 – in attività
Strumento voce
Etichetta Rhino
Sito web

Julie Ann Brown (Van Nuys, 31 agosto 1954[1]) è un'attrice, cantante e sceneggiatrice statunitense.

Negli anni ottanta si è fatta conoscere come attrice comica, nei ruoli di ragazza superficiale o in satire indirizzate verso cantanti (come Madonna).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Brown nacque a Van Nuys, in California, figlia di Celia Jane McCanne e di Leonard Francis Brown[2]. Dopo la scuola cattolica, si iscrisse alla Van Nuys Hig School e successivamente frequentò il Los Angeles Valley College.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Brown iniziò la sua carriera nei bar di Los Angeles dove spesso faceva delle battute sullo stereotipo delle ragazze superficiali. Spesso si stabiliva in alcune comunità gay. Brown provò anche a recitare in cortometraggi, uno di questi, "5 Minutes Miss Brown", era un fittizio resoconto della sua scalata al successo.

Brown cominciò a lavorare in televisione come guest star in un episodio di Happy Days. Dopo un breve ruolo nel film di Clint Eastwood Fai come ti pare, l'attrice Lily Tomlin la notò in un cabaret e le assegnò una parte nel film The Incredible Shrinking Woman. Altre brevi comparse di Brown furono in alcuni programmi come Laverne & Shirley, Buffalo Bill, I Jefferson e Newheart.

Nel 1984 incise il suo primo EP intitolato Goddess in Progress e venne subito notato e messo al successo dal Dr. Demento. Le canzoni 'Cause I'm Blond e The Homecoming Queen's Got a Gun ebbero grande successo.

Nel 1987 Brown incise il suo primo e ultimo album studio intitolato Trapped in the Body of a White Girl, nel quale ancora una volta metteva in ridicolo lo stereotipo di ragazza superficiale. I videoclip di alcune sue canzoni vennero trasmessi su MTV. Nel 1989, per tre anni, condusse il programma intitolato Just Say Julie in cui interpretava una esigente, regolatrice, pessimista e affascinante ragazza superficiale. Sempre nel 1989 partecipò al film Le ragazze della Terra sono facili.

Nel 1991 condusse lo show The Julie Brown Show e nel 1992 nello show The Edge. Nel 1992 fece il suo primo film da protagonista intitolato Medusa: Dare to Be Truthful (una parodia sulla vita di Madonna). Dal 2000 al 2001 creò la sitcom Strip Mall, in cui vi recitò anche come protagonista.

Nel 2005 registrò il suo nuovo singolo intitolato I Want to Be Gay. Nel 2008 scrisse e partecipò al film Camp Rock insieme ai The Jonas Brothers e a Demi Lovato. Sempre nello stesso anno registrò la canzone The Ex-Beauty Queen's Got a Gun in formato digitale. Questa canzone era un "sequel" di The Homecoming Queen's Got a Gun con dei riferimenti a Sarah Palin.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 sposò lo scrittore e attore Terrence E. McNally, ma il matrimonio durò solo sei anni. Nel 1994 sposò Kenneth Rathjen, e insieme ebbero un figlio. Tredici anni dopo i due divorziarono.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ secondo il sito www.nndb.com, Julie Brown sarebbe invece nata il 31 agosto 1962.
  2. ^ Julie Brown Biography (1954-)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 100320675