Ignacy Krasicki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ignacy Krasicki
arcivescovo della Chiesa cattolica
Ignacy Krasicki 111.PNG
Archbishop CoA PioM.svg
Incarichi ricoperti Vescovo titolare di Verinopolis e vescovo coadiutore di Varmia,
Principe vescovo di Varmia e amministratore apostolico della diocesi di Sambia,
Arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia
Nato 3 febbraio 1735 a Dubiecko
Deceduto 14 marzo 1801 a Berlino

Ignacy Krasicki (Dubiecko, 3 febbraio 1735Berlino, 14 marzo 1801) è stato un arcivescovo cattolico polacco, arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia, principe vescovo di Varmia e l'ultimo amministratore apostolico della diocesi di Sambia, intellettuale ed erudito del secolo dei Lumi, autore della seconda enciclopedia polacca sotto il titolo Zbiór potrzebniejszych wiadomości, porządkiem alfabetu ułożonych (Vol. 1-2, Varsavia-Leopoli 1781), scrittore, pubblicista e soprattutto notevole poeta, chiamato "principe dei poeti polacchi".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Discendente da una famiglia aristocratica decaduta, Krasicki fu destinato alla carriera ecclesiastica: studiò dapprima presso i Gesuiti a Leopoli e successivamente al seminario di Varsavia (1751-54). Ordinato sacerdote nel 1759 continuò la sua educazione a Roma (1759-61). Cappellano di corte dell'ultimo sovrano polacco, Stanislao II Poniatowski, divenne vescovo di Varmia all'età di soli 32 anni[1] e membro del Senato polacco. Nel 1795, dopo che nel 1772 il territorio della sua diocesi era stato annesso alla Prussia di Federico II, con il quale peraltro Krasicki intrattenne ottimi rapporti, Ignacy Krasicki fu nominato arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

L'opera letteraria di Krasicki, prodotta per la maggior parte dal 1776 al 1786, è molto varia: scrisse poesie, commedie, poemi eroicomici, articoli di giornale, biografie, satire, favole, saggi morali, un trattato di estetica, un trattato universale della poesia e perfino romanzi. Ha tradotto in lingua polacca Plutarco, Luciano di Samosata e i Canti di Ossian.

Iniziò l'attività letteraria all'età di 40 anni con due poemi eroicomici: Myszeidos ("La sorceide", 1775) e Monachomachia ("Guerra di Monaci", 1778). La prima è considerata un'allegoria della Polonia, sullo sfondo della Polonia arcaica di Popiel; ebbe successo soprattutto la canzone IX di Myszeidos, Święta miłości kochanej ojczyzny (Amore sacro di un Paese amato). La Monachomachia è invece una feroce satira contro i monaci ignoranti e dissoluti. La satira di religiosi da parte di un loro superiore suscitò polemiche alle quali Krasicki rispose con una Antymonachomachia[2].

Scrisse il primo romanzo polacco, Mikołaja Doświadczyńskiego przypadki[3]: scritto sotto forma di diario è diviso in tre parti, la seconda delle quali parla di un'isola immaginaria i cui abitanti vivono una ideale semplice vita. Gli avvenimenti trasformano il protagonista da aristocratico retrogrado e ignorante in uomo saggio e illuminato. Meno riuscito è l'altro romanzo Pan Podstoli ("Il signor Podstoli)", pubblicato postumo nel 1803. Nei romanzi di Krasicki è evidente l'influsso dei letterati inglesi del XVIII secolo; per es., nel primo romanzo sono molto evidenti le analogie col racconto filosofico The History of Rasselas, prince of Abyssinia di Samuel Johnson.

Le cose migliori di Krasicki sono le Satire (Satyry, 1779) e le Favole (Bajki i Przypowieści, 1779). Nelle ventuno Satire Krasicki critica, talora aspramente, ma per lo più con bonaria indulgenza e spirito di comprensione, la società e i costumi contemporanei: l'ubriachezza, la saccenteria, la moda femminile, ecc.[4]. Lo stesso spirito critico, unito alla versificazione perfetta, si nota nelle Favole. La prima raccolta, Bajki i Przypowieści (Favole e Racconti) è del 1779, la seconda, Bajki nowe (Nuove favole) fu pubblicata postuma nel 1802; comprese quelle trovate successivamente, le favole di Krasicki sono in tutto 88[5].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca
Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III Classe dell'Ordine di San Stanislao
Cavaliere di I Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di I Classe dell'Ordine dell'Aquila Rossa

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Annuario Pontificio. Roma, Stamperia Cracas, 1795, p. 129
  2. ^ Ignacy Krasicki, Monachomachia i Antymonachomachia, wstęp i opracowanie Zbigniew Goliński, Wrocław etc., Zakład Narodowy im. Ossolińskich, 1969.
  3. ^ Ignacy Krasicki, Avventure di Niccolò d'Esperientis, a cura di Luigi Marinelli, Roma, Voland, 1997.
  4. ^ W(anda) D(e) A(ndreis), "Satire di Krasicki" in Dizionario Bompiani delle opere e dei personaggi, vol. VIII R-Set, p. 8629, Corriere della Sera, 2005, ISSN 1825-78870
  5. ^ Le favole di Krasicki sono state pubblicate in italiano solo parzialmente, in versi, da Enrico Damiani nel "Meridiano di Roma" (1940)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Marinelli, Postfazione: Krasicki nostro contemporaneo in Avventure di Niccolò d'Esperientis, di Ignacy Krasicki, Roma, Voland, 1997, pp. 161-71.
  • Nelly Nucci, Sotto il sorriso di Krasicki : alcuni esempi del comico nella sua opera, Padova, Tipografia antoniana, 1932.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Verinopolis Successore ArchbishopPallium PioM.svg
1º dicembre 17661767
Predecessore Principe vescovo di Varmia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Adam Stanisław Grabowski 24 dicembre 1767 – 18 dicembre 1795 Johann Karl von Hohenzollern
Predecessore L'ultimo amministratore apostolico della diocesi di Sambia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Adam Stanisław Grabowski 24 dicembre 17671773 dimesso
Predecessore Arcivescovo di Gniezno e primate di Polonia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Michał Jerzy Poniatowski 17 marzo 1796 – 14 marzo 1801 Ignacy Raczyński

Controllo di autorità VIAF: 68957463 LCCN: n50074060