Hantavirus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Hantavirus
Sin Nombre hanta virus TEM PHIL 1136 lores.jpg
Una microfotografia di Sin Nombre Hantavirus
Classificazione dei virus
Dominio Acytota
Gruppo Gruppo V (Virus a ssRNA-)
Famiglia Bunyaviridae
Genere Hantavirus

Gli Hantavirus sono virus a RNA della famiglia Bunyaviridae. Sono trasmessi all'uomo tramite zoonosi.

Gli esseri umani possono essere infettati dagli hantavirus attraverso il contatto con l'urina, la saliva o e le feci dei roditori, tuttavia è stato recentemente riportato un caso di trasmissione interumana avvenuto nelle Ande in Sud America.[1] Alcuni hantavirus possono causare malattie potenzialmente mortali nell'uomo, come la febbre emorragica con sindrome renale (HFRS) e la sindrome polmonare da hantavirus (HPS).[1]

Il nome hantavirus deriva dal fiume Hantan in Corea del sud, isolato alla fine del 1970 da Ho-Wang Lee e collaboratori che per primi lo studiarono.[2][3] Precedentemente era conosciuto come febbre emorragica coreana.[4]

Il 25 giugno 2014, a Saskatchewan, in Canada, è stato riportato un caso di decesso dovuto al Virus. In Canada, dal 1994, sono stati riportati 27 casi di infezione con 9 casi di decesso.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b VP. Martinez, C. Bellomo; J. San Juan; D. Pinna; R. Forlenza; M. Elder; PJ. Padula, Person-to-person transmission of Andes virus. in Emerg Infect Dis, vol. 11, nº 12, dicembre 2005, pp. 1848-53, DOI:10.3201/eid1112.050501, PMID 16485469.
  2. ^ HW. Lee, PW. Lee; KM. Johnson, Isolation of the etiologic agent of Korean Hemorrhagic fever. in J Infect Dis, vol. 137, nº 3, marzo 1978, pp. 298-308, PMID 24670.
  3. ^ Marco Ettore Grasso, Il mutamento climatico e il diritto alla salute, FrancoAngeli, 10 gennaio 2012, pp. 41–, ISBN 978-88-568-7221-7.
  4. ^ CB. Jonsson, LT. Figueiredo; O. Vapalahti, A global perspective on hantavirus ecology, epidemiology, and disease. in Clin Microbiol Rev, vol. 23, nº 2, aprile 2010, pp. 412-41, DOI:10.1128/CMR.00062-09, PMID 20375360.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]