Apodemus agrarius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Topo selvatico a dorso striato[1]
Mysz polna2.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[2]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Murinae
Genere Apodemus
Specie A. agrarius
Nomenclatura binomiale
Apodemus agrarius
Pallas, 1771

Il topo selvatico a dorso striato (Apodemus agrarius Pallas, 1771) è un mammifero roditore della famiglia dei Muridi.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Con numerose sottospecie (Apodemus agrarius agrarius, Apodemus agrarius chejuensis, Apodemus agrarius chevrieri, Apodemus agrarius coreae, Apodemus agrarius henrici, Apodemus agrarius istrianus, Apodemus agrarius kahmanni, Apodemus agrarius mantchuricus, Apodemus agrarius ningpoensis, Apodemus agrarius ognevi, Apodemus agrarius pallidior) la specie vive in un vasto areale che va dall'Europa Centrale alla Cina ed alla Corea, colonizzando anche l'isola di Taiwan. Il suo areale è delimitato a sud dal Caucaso. In Italia vive la sottospecie istrianus, diffusa nelle aree pianeggianti del nord-est fino al fiume Ticino, non spingendosi mai più a sud del Po.
La specie è piuttosto opportunista, vivendo in zone boscose ma spingendosi anche nelle aree antropizzate, e non di rado rendendosi responsabile di danneggiamenti ai raccolti in alcune zone dove è particolarmente numeroso: in Italia tende a colonizzare le aree rurali non eccessivamente coltivate e ricche di siepi ed aree di sottobosco.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Misura una decina di centimetri di lunghezza, ai quali se ne sommano più o meno altrettanti di coda, per un peso di una ventina di grammi.

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il pelo è bruno-arancio sul dorso (con tonalità più chiara o più scura a seconda della sottospecie presa in considerazione) e biancastro sul ventre, con tendenza all'inscurimento sulla testa. Dalla nuca parte una caratteristica striscia nera che corre lungo la spina dorsale fino all'attaccatura della coda, che è glabra.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di animali prevalentemente crepuscolari e notturni, comportamento questo evoluto per sfuggire ad un'ampia gamma di potenziali predatori che cacciano durante il giorno. Ha abitudini principalmente solitarie e tende a muoversi nel fitto sottobosco, evitando le zone aperte.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di materiale vegetale, come germogli, fiori, bacche, ma soprattutto semi, ghiande e nocciole, che apre coi robusti incisivi a crescita continua per mangiarne il contenuto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, pp. 895-1531, ISBN 0-8018-8221-4.
  2. ^ (EN) Amori, G., Apodemus agrarius in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi