HTC Desire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HTC Desire
HTC Desire.jpg
Caratteristiche tecniche
Produttore HTC
Tipo Smartphone
Reti Europa/Asia Pacifico: HSPA/WCDMA: 900/2100 MHz o 850/2100 MHz
GSM: Quadriband
GPS con A-GPS
Wi-Fi (802.11b/g)
Bluetooth 2.1 con EDR
Connettività Mini-jack Stereo
Micro-USB
Sistema operativo Android 2.2 "Froyo"
Android 2.3 "Gingerbread" per gli sviluppatori
Android 2.1 "Eclair" installato alla vendita
Videocamera 5 megapixel
autofocus e flash LED
ricognizione facciale
geotagging
Multimedia Interfaccia HTC Sense
radio FM con RDS
supporto Adobe Flash Lite
Input 4 pulsanti fisici
touchpad ottico
touchscreen multi-touch
accelerometro 3-axis
bussola digitale
sensore di prossimità
sensore di luce ambientale
Alimentazione Accumulatore agli ioni di litio rimovibile da 1400 mAh
CPU Qualcomm QSD 8250 da
1 GHz (Snapdragon)
Memoria 512 MB flash
576 MB RAM
slot microSD fino a 32 GB
Schermo AMOLED a colori
3,7 pollici (9,4 cm diagonale)
Risoluzione 480x800 px a 240 dpi
Dimensioni 119×60×11.9 mm
Peso 135 g
 

L'HTC Desire (nome in codice Bravo)[1], è uno smartphone sviluppato dalla HTC Corporation, è stato annunciato il 16 febbraio 2010 e rilasciato in Europa e Australia nel secondo quadrimestre dello stesso anno. Internamente ha una forte somiglianza con il Nexus One, ma differisce per alcune caratteristiche.

Hardware[modifica | modifica wikitesto]

È dotato del processore Snapdragon a 1 GHz, e gira sul sistema operativo Android 2.2. Include uno schermo AMOLED (successivamente sostituito da un SLCD in quanto la Samsung non forniva più gli schermi AMOLED) e una fotocamera da 5 megapixel.

L'hardware ha le potenzialità per la registrazione di video ad alta definizione, funzionalità inserita con l'aggiornamento ad Android 2.2. Il sistema operativo Android ha la capacità di sfruttare i circuiti video a bordo del processore Snapdragon[2] che consente al dispositivo la registrazione e la riproduzione di video ad alta definizione a 720p[3].

Software[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Agosto 2010, HTC ha iniziato a distribuire la versione 2.2 di Android, nome in codice "Froyo", per i terminali HTC Desire in Europa[4].

Disponibilità e costo[modifica | modifica wikitesto]

La vendita dell'HTC Desire in Italia iniziò nell'Aprile 2010, con un costo medio di circa € 499.00, prezzo standard per gli smartphone di fascia alta dell'epoca. Nel mercato del Nord America HTC Desire venne rilasciato nel mese di Luglio 2010, in Giappone le vendite iniziarono a fine aprile 2010, ma a causa di una domanda elevata da parte degli utenti in alcuni negozi asiatici finirono le scorte.

Comparazione con il Nexus One[modifica | modifica wikitesto]

L'HTC Desire ha internamente una forte somiglianza con il Nexus One, le differenze sono[5][6][7][8][9][10]:

  • Una scocca differente
  • Un trackpad ottico invece della trackball
  • Una fila di pulsanti fisici invece di pulsanti touch-sentitive
  • Inclusione della radio FM
  • Assenza del microfono secondario per l'attenuazione del rumore, sostituito da un software equivalente
  • Assenza degli attacchi pin per il dock
  • 576 MB DRAM invece di 512 MB DRAM
  • Dual band HSPA/WCDMA: 900/2100 MHz (850/2100 Telstra Australia),[11] invece del Tri band
  • Interfaccia HTC Sense inclusi i live wallpaper
  • Adobe Flash Lite 4 incorporato
  • Assenza del software di riconoscimento vocale, con la possibilità però di essere scaricato
  • Supporto e aggiornamenti attraverso HTC invece di Google

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

L'HTC Desire ha ricevuto delle recensioni estremamente positive. CNET UK ha recensito il dispositivo il 29 marzo assegnandogli una voto di 9.2/10[12]. TechRadar gli ha assegnato 5 stelle su 5 definendolo "In breve, questo è un telefono fenomenale, una delle migliori che abbiamo mai avuto su TechRadar"[13]. Dalla classifica TechRadar Top 15 best mobile phones in the world, l'HTC Desire è considerato il migliore: "È come un Nexus One, solo meglio[14]." MobileTechWorld ha trovato l'HTC Desire un prodotto in grado di "soddisfare gli utenti occasionali con l'interfaccia HTC Sense appariscente e i geek che amano modificare i loro terminali su base giornaliera, grazie al sistema operativo Android di Google[15]."

Aggiornamenti software non ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

L'HTC Desire ha ricevuto dalla comunità degli sviluppatori indipendenti numerose distribuzioni software non ufficiali, alcune delle quali hanno consentito al telefono di essere dotato di versioni Android successive alla 2.2[16].

Gallery[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]