Gruppo di famiglia in un interno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gruppo di famiglia in un interno
Gruppo di famiglia in un interno (film).png
Titolo originale Gruppo di famiglia in un interno
Paese di produzione Italia
Anno 1974
Durata 125 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Luchino Visconti
Soggetto Enrico Medioli
Sceneggiatura Suso Cecchi D'Amico, Enrico Medioli, Luchino Visconti
Fotografia Pasqualino De Santis
Montaggio Ruggero Mastroianni
Musiche Franco Mannino, temi musicali tratti da Sinfonia Concertante di Wolfgang Amadeus Mozart
Tema musicale Testarda io di Malgioglio-Carlos, eseguita da Iva Zanicchi
Scenografia Mario Garbuglia
Costumi Piero Tosi
Trucco Alberto De Rossi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gruppo di famiglia in un interno è un film del 1974, diretto da Luchino Visconti.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Un professore americano sessantenne (Burt Lancaster) decide di ritirarsi tra libri e quadri nella sua casa in un antico palazzo di Roma, ereditato dalla madre italiana (Dominique Sanda). Un giorno la sua quiete viene turbata dall'insistenza della marchesa Bianca Brumonti (Silvana Mangano), che riesce a farsi affittare dal professore l'appartamento del piano di sopra per darlo al suo giovane amante Konrad (Helmut Berger). Tra la marchesa, sua figlia Lietta e il suo compagno Stefano e Konrad, si viene a formare un singolare gruppo di famiglia, nel quale l'anziano gentiluomo viene forzato ad entrare, salvo poi accorgersi alla fine che questa intrusione ha significato per lui un ritorno alla vita e alle relazioni umane. Un avvenimento tragico riporterà l'ordine primitivo nella vita del professore, allontanando la burrascosa famiglia, ma lasciandolo anche più consapevole della morte che si avvicina.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Al suo penultimo film, Visconti torna a confrontarsi con la contemporaneità: ma nessuno esce vincitore dalla disincantata analisi, né i vecchi né i giovani.

Da segnalare le apparizioni cameo di Dominique Sanda e Claudia Cardinale, rispettivamente nel ruolo della madre e della moglie del professore in due brevissimi flashback.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Il professore.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Il personaggio del professore interpretato da Burt Lancaster è dichiaratamente ispirato alla figura di Mario Praz.
  • Lancaster è doppiato da Massimo Foschi, più noto per essere la voce italiana di Dart Fener nella saga di Star Wars. Foschi ha doppiato anche Dirk Bogarde in Morte a Venezia.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema