Grayskull

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Castello di Grayskull (in alcuni casi viene scritto Greyskull) è un luogo immaginario presente nella serie di cartoni animati He-Man e i dominatori dell'universo. È uno dei principali scenari in cui si ambientano le avventure narrate nella serie.

Meta ambita dei malvagi antagonisti di He-Man, in primis Skeletor, il castello di Grayskull custodisce le sconfinate conoscenze magiche degli Antichi (che probabilmente sono anche i suoi fondatori) tra cui la fonte dei poteri di He-Man e di She-Ra e una stanza con portali magici verso svariati mondi. Sorceress è la depositaria di questi poteri ed è misticamente legata al castello: può lasciarlo solo per brevi periodi sotto forma di falco Zoar, mentre He-Man ne è il difensore ufficiale. Al suo interno vengono custoditi tutti i segreti della magia, attuale e dimenticata di Eternia.

Grayskull è situato su un picco di roccia spoglia al centro di una foresta silenziosa, lontana da ogni civiltà, ed è inaccessibile senza il permesso di Sorceress (oltre a lei solo He-Man può ordinare al ponte levatoio di abbassarsi), poiché la magia in esso contenuta è fonte della sua protezione verso gli sconosciuti. È riconoscibile dal ponte levatoio (Joebridge), sagomato come un teschio, incastrato in un arco di roccia naturale e dal fossato senza fondo di cui è circondato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In un episodio della serie He-Man and the Masters of the Universe (2002) la Maga parla al giovane Adam del Castello di Grayskull, il cui re portava tale nome. All'epoca l'edificio aveva un colore tra bianco e grigio chiaro, e non aveva alcun nome; era abitato da re Grayskull, da sua moglie e dai suoi vassalli; all'epoca Hordak stava continuando la sua conquista di Eternia e re Grayskull lo affrontò dopo aver sostenuto molte prove che risvegliarono il grande potere nascosto in lui; dopo un difficile scontro, Grayskull bandì Hordak a Despondos, una dimensione da cui il conquistatore non aveva possibilità di fuggire; ma la battaglia gli fu fatale, cosa che gli era stata predetta da un mago Troll (un membro della stessa razza di Orko), e il re morì poco dopo. Prima di spirare nominò sua moglie prima guardiana del castello, affidandole la sua protezione; e i suoi vassalli e compagni di battaglie (provenienti da diverse razze eterniane) diventarono i Saggi ed ottennero il potere che scorreva nel suo corpo, andando via dal castello per stabilirsi nel palazzo di Eternos. La sua spada (che all'epoca non era che un'arma qualunque) rimase nel castello, in attesa di passare ad un suo discendente e canalizzare in quest'ultimo il "potere di Grayskull"; in seguito prese il nome di Spada del Potere, e divenne il tramite tra il Potere di Grayskull (nascosto nelle profondità del castello) e l'uomo che sarebbe diventato una sorta di avatar magico per il re defunto.
La Sorceress del presente mostra al principe Adam una statua di re Grayskull, la cui somiglianza con He-Man è inequivocabile; rispetto al discendente, Grayskull è anche più imponente, indossa una corazza più completa, un mantello di pelliccia e i suoi capelli sono molto lunghi, tanto da essere raccolti in due trecce bionde; anche lui cavalcava un grosso felino (di cui è stata prodotta una action figure chiamata Battle Lion, basata ovviamente su quella di Battle Cat).

Planimetria[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie classica, Grayskull ricorda molto una dimora medievale, pur avedo ambienti che non centrano molto, come il laboratorio della Maga; in generale, le sue stanze sono tutte uguali e costruite in pietra solida dallo strano colore bluastro ma tendente verso il grigio; caratteristico il ponte levatoio, la cui arcata ricorda una mascella; aggiungendo una sorta di naso e due grandi buchi, la facciata assume l'aspetto di un teschio umano che dà il nome al castello. Altre camere chiuse nascondono i numerosi segreti del castello, come una porta dimensionale che Adam/He-Man userà in He-Man e She-Ra: Il segreto della spada per viaggiare ad Etheria ed incontrare la sorella gemella perduta. È importante notare che nella serie degli anni 80, il castello di Grayskull custodisce il potere usato da entrambi i gemelli, sensa che la lontananza di Etheria influisca sulla trasformazione di Adora/She-Ra.

Nella serie del 2002, il castello viene mostrato molto più variegato (si va dalla pietra al marmo, passando per ambienti decorati anche con metalli preziosi), inoltre Sorceress ne usa il potere per trasformarlo in un labirinto contro i trasgressori; nei sotterranei si trova un'immensa foresta di cristalli sviluppata in verticale, fonte del potere di Grayskull e della stessa Maga; vengono mostrate camere da letto, una sorta di infermeria ed un cortile interno.

Nel 2012, la DC avvia una nuova serie a fumetti, in cui Skeletor ha occupato il castello e imprigionato la Maga nelle celle dei sotterranei; viene mostrato anche personale di servizio (probabilmente schiavi costretti a fare i servi con la minaccia); quando le armate di Hordak invadono Ethernia, il castello sarà distrutto, ma non prima che la Maga (morta ma tornata come il falcone Zoar) sveli un altro segreto della costruzione: la Forgia, una fucina dove re Grayskull forgiò la Spada del Potere; Adam userà la Forgia per cambiare forma alla spada e crearsi una nuova armatura!

Il modello[modifica | modifica wikitesto]

Sia negli anni 80 che dopo il 2002, fu costruito un giocattolo del castello; alto circa mezzo metro e lungo più o meno altrettanto, si apriva per mostrarne gli ambienti: sala del trono, centro di comando, prigione ed armeria (con armi staccabili dalle rastrelliere e compatibili con i personaggi della linea); gli spalti avevano cannoncini da difesa non presenti nelle storie, il ponte levatoio era mobile. Il giocattolo ebbe un certo successo rallentato solo dal prezzo, ovviamente alquanto elevato; fu per alcuni anni uno dei giocattoli più grandi mai prodotti, prima di essere superato dalla portaerei U.S.S. Flagg della linea G.I. Joe: A Real American Hero, con oltre 2 metri di lunghezza!

animazione Portale Animazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animazione