Giacomo Savelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo personaggio eletto papa nel 1285, vedi Papa Onorio IV.
Giacomo Savelli
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardinalCoA PioM.svg
Nato 1523, Roma
Creato cardinale 19 dicembre 1539 da papa Paolo III
Deceduto 5 dicembre 1587, Roma

Giacomo Savelli (Roma, 1523Roma, 5 dicembre 1587) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla nobile ed antica famiglia romana dei Savelli, che aveva già dato alla Chiesa tre papi e diversi cardinali, studiò legge a Padova.

Grazie a papa Paolo III Farnese, cugino di sua madre, venne ammesso alla Corte pontificia e fu protonotario apostolico: nel concistoro del 19 dicembre 1539 venne creato cardinale diacono di Santa Lucia in Silice (passò poi alle diaconie dei Santi Cosma e Damiano, di San Nicola in Carcere e di Santa Maria in Cosmedin; promosso al rango di cardinale presbitero, ebbe il titolo di Santa Maria in Trastevere e nel 1577 venne nominato cardinale vescovo di Sabina, Frascati e Porto).

Fu amministratore apostolico delle diocesi di Nicastro (1540 - 1554), Teramo (1545 - 1546), Gubbio (1555 - 1556) e Benevento (1560 - 1574): dal 1560 fu vicario della diocesi di Roma, titolo che mantenne sino alla morte.

Con i cardinali Federico Cesi e Giovanni Girolamo Morone, nel 1561 venne chiamato a far parte di una commissione incaricata di occuparsi dell'assistenza ai poveri ed ai girovaghi di Roma.

Morto nel 1587, venne sepolto nella Chiesa del Gesù.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Grande Inquisitore della Congregazione della Romana e Universale Inquisizione Successore Emblem Holy See.svg
Scipione Rebiba 1577 - 1586 Giulio Antonio Santori

Controllo di autorità VIAF: 18333524