Francesco Paolo Bonifacio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Paolo Bonifacio

Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 23 febbraio 1973 –
25 ottobre 1975
Predecessore Giuseppe Chiarelli
Successore Paolo Rossi
sen. Francesco Paolo Bonifacio
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Luogo nascita Castellammare di Stabia
Data nascita 3 maggio 1923
Luogo morte Roma
Data morte 14 marzo 1989
Professione docente universitario
Partito DC
Legislatura VII, VIII, IX
Gruppo Democratico Cristiano
Circoscrizione Campania
Collegio Piedimonte Matese - Sessa Aurunca
Pagina istituzionale

Francesco Paolo Bonifacio (Castellammare di Stabia, 3 maggio 1923Roma, 14 marzo 1989) è stato un politico e giurista italiano, ministro della Giustizia e presidente della Corte costituzionale.

Bonifacio ottenne la nomina a giudice costituzionale da parte del Parlamento il 2 ottobre 1963. Il giuramento avvenne alla fine dello stesso mese, il 25 ottobre. Dieci anni più tardi, il 23 febbraio 1973, fu eletto presidente, incarico che mantenne per due anni, fino al 25 ottobre 1975.[1]

Il 4 maggio 2011 l'amministrazione comunale della sua città natale gli ha dedicato una piazza nel quartiere San Marco.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice costituzionale»
— Roma, 13 novembre 1964[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giudici costituzionali dal 1956, Corte costituzionale. URL consultato il 20 novembre 2012 (archiviato il 20 novembre 2012).
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato. URL consultato l'8 febbraio 2008.
Predecessore Ministro di Grazia e Giustizia della Repubblica Italiana Successore Emblem of Italy.svg
Oronzo Reale dal 12 febbraio al 29 luglio 1976 Francesco Paolo Bonifacio I
Francesco Paolo Bonifacio dal 29 luglio 1976 al 20 marzo 1979 Tommaso Morlino II