Alfonso Quaranta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alfonso Quaranta
Il presidente Quaranta al Quirinale dopo la sua elezione.

Il presidente Quaranta al Quirinale dopo la sua elezione.


Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 6 giugno 2011 –
27 gennaio 2013
Predecessore Ugo De Siervo
Successore Franco Gallo

Alfonso Quaranta (Napoli, 2 gennaio 1936) è un magistrato italiano, trentacinquesimo presidente della Corte costituzionale dal 2011 al 2013.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Si è laureato con lode in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli nel 1958 a soli 22 anni.

Dopo aver ricoperto vari incarichi nella magistratura ordinaria e presso l'Avvocatura dello Stato, nel 1966 è entrato per concorso al Consiglio di Stato dove ha percorso i vari gradi fino a diventare nel 1981 presidente di sezione.

Giudice costituzionale[modifica | modifica sorgente]

È stato eletto giudice della Corte costituzionale dai magistrati del Consiglio di Stato il 16 dicembre 2003 al ballottaggio in sostituzione del giudice Riccardo Chieppa;[1] ha assunto le sue funzioni dopo aver giurato il 27 gennaio 2004.

Il 6 giugno 2011 è stato eletto presidente della Corte Costituzionale[2] succedendo a Ugo De Siervo; è cessato dalla carica di presidente e di giudice il 27 gennaio 2013.

Altri incarichi[modifica | modifica sorgente]

Il 16 maggio 2013 la CONSOB lo ha nominato "Garante etico" con il compito di assistere la Commissione nell'interpretazione e nell'applicazione del Codice etico adottato dalla stessa.[3]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Rassegna di giurisprudenza sulla espropriazione per pubblica utilità, curatela con Guido Landi, Milano, Giuffrè Editore, 1973.
  • La regione Abruzzo, con Raffaele Iannotta, Milano, Giuffrè Editore, 1980.
  • I ricorsi amministrativi, con Giuseppe Grasso, Milano, Giuffrè Editore, 1981.
  • Questioni di costituzionalità e giustizia amministrativa, con Carlo Talice, Rimini, Maggioli Editore, 1982.
  • Il sistema di assistenza sanitaria, Milano, Giuffrè Editore, 1985. ISBN 88-14-00454-4.
  • Le concessioni edilizie, con Raffaele Iannotta, Rimini, Maggioli Editore, 1985.
  • Lineamenti di diritto amministrativo, 4ª edizione, Novara, EDIPEM, 1987.
  • Il processo amministrativo: commentario al D.Lgs. 104/2012, curatela con Vincenzo Lopilato, Milano, Giuffrè Editore, 2011. ISBN 88-14-16085-6.
  • La tutela dei diritti fondamentali nella Costituzione, Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2013. ISBN 978-88-495-2388-1.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 2 giugno 1987[4]
Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 15 giugno 1973[5]
Medaglia d'oro al merito della sanità pubblica - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al merito della sanità pubblica
— 8 novembre 1974[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Cessato dalla carica per scadenza il 23 gennaio 2004.
  2. ^ Consulta, Quaranta eletto presidente in La Repubblica, 6 giugno 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  3. ^ Delibera Consob n. 18548.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  6. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  7. ^ Premio Giuseppe Chiarelli ad Alfonso Quaranta.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]