FitzRoy Somerset, I barone Raglan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Lord Raglan durante la Guerra di Crimea, ritratto di Roger Fenton, 1855

Lord FitzRoy James Henry Somerset (conosciuto prima del 1852 come Lord FitzRoy Somerset e poi come Lord Raglan) (Badminton, 30 settembre 1788Sebastopoli, 28 giugno 1855) è stato un generale britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu aiutante di campo di Wellington in Spagna, e prese parte con il grado di tenente colonnello alla battaglia di Tolosa e perse il braccio destro nella Battaglia di Waterloo.

Successivamente fu segretario della direzione dell'artiglieria, generale e direttore generale dell'artiglieria.

Nel 1854 venne scelto per comandare le forze britanniche in Oriente. In questo quadro, assieme al maresciallo di Saint-Arnaud, mise a punto il piano d'azione per la Guerra di Crimea, prendendo parte alla battaglia di Alma, all'assedio di Sebastopoli e alla battaglia di Inkerman. Dopo questo evento, nonostante la scarsa capacità dimostrata, fu elevato alla dignità di maresciallo di campo (Field Marshal), ma morì presto di colera nel 1855.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome è passato alla storia nel campo della moda per la Manica Raglan, che si attacca direttamente al collo del capo di vestiario, con una cucitura diagonale che va direttamente dall'ascella alla clavicola. Lord Raglan si fece confezionare dei cappotti con questo taglio di manica per nascondere meglio la mutilazione del braccio destro, di cui aveva subito l'amputazione per una ferita alla battaglia di Waterloo. Il termine manica Raglan fu inserito per la prima volta nel New English Dictionary nel 1903 [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oxford English Dictionary terza edizione, (2008) versione online Settembre 2011, consultata il 7 Novembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]