Royal Horse Guards

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Royal Horse Guards
Royal Horse Guards uniform (1826).png
La divisa delle Royal Horse Guards in un bozzetto del 1826
Descrizione generale
Attiva 1650 - 1969
Nazione Flag of The Commonwealth.svg Commonwealth of England 1650-1660
Flag of England.svg Regno d'Inghilterra 1660-1707
Union flag 1606 (Kings Colors).svg Regno di Gran Bretagna 1707-1801
Flag of the United Kingdom.svg Regno Unito 1801-1969
Servizio Esercito
Tipo Cavalleria
Soprannome The Blues
Motto Honi soit qui mal y pense
Marcia Marcia veloce: Grand March
Marcia lenta: Regimental Slow March of the Royal Horse Guards
Onori di battaglia Vedi elenco nella voce

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

Il reggimento delle Royal Horse Guards è stata un'unità militare di cavalleria in forza al British Army, parte della Household Cavalry.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato nell'agosto del 1650 a Newcastle-upon-Tyne da Arthur Haselrig su ordine di Oliver Cromwell come Regiment of Cuirassiers, il reggimento divenne in seguito noto come Earl of Oxford's Regiment (reggimento del conte di Oxford) durante il regno di Carlo II d'Inghilterra. Dal momento che l'uniforme militare era in gran parte blu, il reggimento prese il soprannome di the Oxford Blues, dal quale derivò successivamente l'altro soprannome di "Blues". Nel 1750 il reggimento venne rinominato Royal Horse Guards Blue e nel 1877 ottenne il nome di Royal Horse Guards (The Blues).

Il reggimento partecipò alle guerre rivoluzionarie francesi e alla guerra peninsulare. Due squadroni combatterono distinguendosi nella battaglia di Waterloo, inquadrati nella Household Brigade.

Nel 1918, il reggimento prestò servizio nel 3º battaglione, Guards Machine Gun Regiment. Durante la seconda guerra mondiale il reggimento fu parte dell'Household Cavalry Composite Regiment.

Le Royal House Guards vennero poi amalgamate con i Royal Dragoons (1° dragoni) a formare i Blues and Royals (Royal Horse Guards e 1° dragoni) nel 1969.

Onori in battaglia[modifica | modifica wikitesto]

  • Seconda guerra mondiale: Mont Pinçon, Souleuvre, Noireau Crossing, Amiens 1944, Bruxelles, Neerpelt, Nederrijn, Nijmegen, Lingen, Bentheim, North-West Europe 1944-45, Baghdad 1941, Iraq 1941, Palmyra, Siria 1941, El Alamein, Nord Africa 1942-43, Arezzo, Avanzata verso Firenze, Linea Gotica, Italia 1944

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]