Don't Stop (album Status Quo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don't Stop
Artista Status Quo
Tipo album Studio
Pubblicazione 5 febbraio 1996
Durata 56 min : 03 s
Dischi 1
Tracce 15
Genere Blues rock
Hard rock
Boogie rock
Etichetta Polygram TV
Produttore Pip Williams
Registrazione agosto - novembre 1995 presso gli Arsis Studios, Surrey
Note Ristampato nel 2006 con 4 bonus tracks
Certificazioni
Dischi di platino UK: 2 x platino
Status Quo - cronologia
Album precedente
(1994)

Don't Stop è il titolo del 22° album di studio inciso dalla rock band inglese Status Quo, uscito per la prima volta nel febbraio del 1996.

Il disco[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 cade il 30º anniversario dal primo incontro tra i due chitarristi Rossi e Parfitt e la band decide di festeggiare l’evento realizzando un album di cover.

Scelte con estrema cura in una lista di circa 200 canzoni, le 15 tracce esprimono un variegato campionario di generi e stili musicali (in alcuni brani vengono utilizzati perfino strumenti del tutto atipici per il gruppo come la fisarmonica o, addirittura, la cornamusa), ma abilmente riletti in chiave boogie-rock secondo il classico stile della band.[1]

Assai curato in ogni particolare, l’album vede la partecipazione di artisti di grande fama come gli americani Beach Boys ai cori del loro vecchio successo Fun, Fun, Fun e Brian May dei Queen che si esibisce in un delizioso duetto di chitarre con Francis Rossi nel brano Raining in My Heart di Buddy Holly.

Il pubblico premia il disco con un grande successo commerciale ed il secondo posto nelle charts britanniche.[2]

Nota:

per la incisione del brano Fun, Fun, Fun come per il seguente tour intrapreso nel 1996 insieme agli Status Quo, Brian Wilson, “mente” storica dei Beach Boys, accetta di tornare a cantare coi compagni dopo una assenza di oltre 25 anni.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Tracce}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Nota: le informazioni per il template sono già presenti e vanno solo uniformate.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

A fianco di ogni traccia viene riportato il nome dell’artista che in origine ha inciso il brano.

  1. Fun, Fun, Fun - 4:03 - (Wilson/Love) - The Beach Boys
  2. When You Walk in the Room - 4:07 - (DeShannon) - Jackie DeShannon
  3. I Can Hear the Grass Grow - 3:24 - (Wood) - The Move
  4. You Never Can Tell (It Was a Teenage Wedding) - 3:51 - (Berry) - Chuck Berry
  5. Get Back - 3:23 - (Lennon/McCartney) - The Beatles
  6. Safety Dance - 3:56 - (Doroschuk) - Men Without Hats
  7. Raining in My Heart - 3:33 - (Bryant/Bryant) - Buddy Holly
  8. Don't Stop - 3:39 - (McVie) - Fleetwood Mac
  9. Sorrow - 4:14 - (Feldman/Goldstein/Gottehrer) - The Mersey nel 1966, David Bowie nel 1973
  10. Proud Mary - 3:31 - (Fogerty) - Creedence Clearwater Revival
  11. Lucille - 2:58 - (Collins/Penniman) - Little Richard
  12. Johnny and Mary - 3:35 - (Palmer) - Robert Palmer
  13. Get Out of Denver - 4:09 - (Seger) - Bob Seger
  14. The Future's So Bright (I Gotta Wear Shades) - 3:36 - (McDonald) - Timbuk 3’s
  15. All Around My Hat - 3:56 - (trad. ar. Hart/Knight/Prior/Johnson/Kemp/Pegrum) - Steeleye Span

Tracce bonus dell'edizione 2006[modifica | modifica sorgente]

  1. Tilting at the Mill - 3:26 - (Bown/Edwards/Parfitt/Rich/Rossi)
  2. Mortified - 3:22 - (Bown/Edwards/Parfitt/Rich/Rossi)
  3. Temporary Friend - 4:12 - (Bown/Edwards/Parfitt/Rich/Rossi)
  4. I'll Never Get Over You - 2:48 - (Mills)

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Altri musicisti[modifica | modifica sorgente]

British album chart[modifica | modifica sorgente]

"Don’t Stop" nelle classifiche inglesi - ingresso: 17-02-1996
Settimana 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13
Posizione
2
3
8
11
6
12
12
15
25
36
27
49
62
uscito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Recensione all'album "Don't Stop" su All Music Guide. URL consultato l'8 ottobre 2010.
  2. ^ Classifiche ufficiali inglesi. URL consultato l'8 ottobre 2010.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock