Diocesi di Barbastro-Monzón

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Barbastro-Monzón
Dioecesis Barbastrensis-Montisonensis
Chiesa latina
Barbastro Kath Fassade.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Saragozza
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Alfonso Milián Sorribas
Sacerdoti 97 di cui 70 secolari e 27 regolari
984 battezzati per sacerdote
Religiosi 32 uomini, 132 donne
Abitanti 102.580
Battezzati 95.498 (93,1% del totale)
Superficie 8.321 km² in Spagna
Parrocchie 274
Erezione IX secolo
Rito romano
Indirizzo Plaza de Palacio 1, 22300 Barbastro [Huesca], España
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Spagna
Il campanile della cattedrale di Barbastro

La diocesi di Barbastro-Monzón (in latino: Dioecesis Barbastrensis-Montisonensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Saragozza. Nel 2006 contava 95.498 battezzati su 102.580 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Alfonso Milián Sorribas.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la parte orientale della provincia di Huesca.

Sede vescovile è la città di Barbastro, dove si trova la cattedrale dell'Assunzione di Maria Vergine. A Monzón si trova la concattedrale di Santa Maria del Romeral.

Il territorio è suddiviso in 274 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Roda fu eretta nel IX secolo[1] quando i vescovi di Lérida vi trasferirono la loro sede a causa dell'invasione araba. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Tarragona.

Nel 1101 la sede fu trasferita a Barbastro; nei successivi quarant'anni i vescovi portarono il titolo di vescovi di Barbastro o Barbastro-Roda.

La diocesi fu soppressa nel 1149 ed il suo territorio incorporato in quello della diocesi di Huesca, mentre il vescovo Guillermo Pérez ritornò in quella che era stata la sede originaria della diocesi, Lérida, che nel frattempo era stata liberata dall'occupazione araba.

Barbastro fu ristabilita il 18 giugno 1571 ricavandone il territorio dalla diocesi di Huesca. Da questo momento è stata suffraganea dell'arcidiocesi di Saragozza.

Dal 1828 al 1896 fu amministrata da vicari capitolari, quindi fino al 1950 da amministratori apostolici.

Il 15 giugno 1995 ha assunto il nome attuale.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

Vescovi di Roda[modifica | modifica wikitesto]

  • Adulfo † (prima dell'887 - 922)
  • Atón † (923 - dopo il 2 aprile 955)
  • Odisendo † (maggio 955 - 975)
  • Aimerico † (prima del 1º luglio 988 - dopo il 991)
  • Jacobo † (prima del 13 dicembre 996 - ?)
  • Aimerico II † (prima del 1006 - 1015)
  • Borrell † (21 novembre 1017 - 1019)
  • Arnulfo I † (1023 - 1067)
  • Salomon † (1068 - 1075 deposto)
  • Arnulfo II † (1075 - 1076)
  • Pedro Ramón Dalmacio † (1076 - 1094 deceduto)
  • Lupo † (1094 - circa 1096/1097 dimesso)
  • Poncio † (1097 - 1101 nominato vescovo di Barbastro)

Vescovi di Barbastro-Roda[modifica | modifica wikitesto]

  • Poncio † (1101 - 17 aprile 1104 deceduto)
  • San Ramón † (1104 - 21 giugno 1126 deceduto)
  • Esteban † (1126 - ?)
  • Pedro Guillén † (prima del 1130 - 1135 deceduto)
  • Ramiro II de Aragón, O.S.B. † (1135 - 1135 deceduto)
  • Gaufredo, O.S.A. † (1135 - settembre 1143 deceduto)
  • Guillermo Pérez † (1143 - 1149 nominato vescovo di Lérida)
    • Sede trasferita a Lérida (1149-1573)

Vescovi di Barbastro (poi Barbastro-Monzón)[modifica | modifica wikitesto]

  • Felipe Urríes Urríes, O.P. † (9 febbraio 1573 - 18 giugno 1585 deceduto)
  • Miguel Cercito Bereterra † (4 novembre 1585 - 15 agosto 1595 deceduto)
  • Carlos Muñoz Serrano † (18 marzo 1596 - 14 marzo 1603 deceduto)
  • Juan Moriz de Salazar † (20 ottobre 1604 - 5 settembre 1616 nominato vescovo di Huesca)
  • Jerónimo Bautista Lanuza, O.P. † (19 settembre 1616 - 24 agosto 1622 nominato vescovo di Albarracín)
  • Pedro Apaolaza Ramírez, O.S.B. † (24 agosto 1622 - 18 luglio 1625 nominato vescovo di Albarracín)
  • Alfonso de Requeséns Fenollet, O.F.M. † (6 ottobre 1625 - 8 aprile 1639 deceduto)
  • Bernardo Lacabra † (3 ottobre 1639 - 13 gennaio 1643 nominato arcivescovo di Cagliari)
  • Diego Chueca † (13 luglio 1643 - 6 maggio 1647 nominato vescovo di Teruel)
  • Miguel Escartín Arbeza, O.Cist. † (27 maggio 1647 - 31 gennaio 1656 nominato vescovo di Lérida)
  • Diego Francés de Urrutigoyti † (14 febbraio 1656 - 30 gennaio 1673 nominato vescovo di Teruel)
  • Íñigo Royo † (25 settembre 1673 - 14 giugno 1680 deceduto)
  • Francisco López Urraca † (14 aprile 1681 - 27 gennaio 1695 deceduto)
  • Jerónimo López † (14 novembre 1695 - 21 giugno 1696 deceduto)
  • José Martínez del Villar † (17 dicembre 1696 - 8 agosto 1699 deceduto)
  • Francisco de Paula Garcés Marcilla, O.M. † (10 maggio 1700 - 24 settembre 1708 nominato vescovo di Huesca)
  • Pedro Gregorio Padilla † (3 ottobre 1708 - 17 settembre 1714 nominato vescovo di Huesca)
  • Pedro Granell † (1º ottobre 1714 - 7 giugno 1717 deceduto)
  • Carlos Alamán Ferrer † (11 ottobre 1717 - 10 maggio 1739 deceduto)
  • Francisco Antonio Bustamante Jiménez † (14 dicembre 1739 - 31 luglio 1747 nominato vescovo di Plasencia)
  • Benito Marín, O.S.B. † (29 gennaio 1748 - 27 aprile 1750 nominato vescovo di Jaén)
  • Juan Ladrón de Guevara, O.Carm. † (22 luglio 1750 - 9 marzo 1755 deceduto)
  • Diego Rivera Higuera, O. de M. † (4 agosto 1755 - 18 marzo 1766 deceduto)
  • Felipe Antonio Perales Mercado † (26 settembre 1766 - 22 novembre 1772 deceduto)
  • Juan Manuel Cornel † (19 aprile 1773 - 8 ottobre 1789 deceduto)
  • Agustín Iñigo Abad Lasierra, O.S.B. † (21 giugno 1790 - 24 ottobre 1813 deceduto)
  • Juan Nepomuceno Lera Cano † (19 dicembre 1814 - 23 giugno 1828 nominato vescovo di Segovia)
  • Jaime Fort y Puig † (15 dicembre 1828 - 15 ottobre 1855 deceduto)
    • Sede vacante (1855-1950)
    • Casimiro Piñera y Naredo † (28 febbraio 1896 - 28 novembre 1898 nominato prelato di Ciudad Real) (amministratore apostolico)
    • Juan Antonio Ruano Martín † (24 novembre 1898 - 14 dicembre 1905 nominato vescovo di Lérida) (amministratore apostolico)
    • Isidoro Badía y Sarradel † (3 luglio 1907 - 27 giugno 1917 nominato vescovo di Tarazona) (amministratore apostolico)
    • Emilio Jiménez Pérez † (4 gennaio 1918 - 21 ottobre 1926 deceduto) (amministratore apostolico)
    • Nicanor Mutiloa e Irurita, C.SS.R. † (17 novembre 1927 - 1º maggio 1935 nominato vescovo di Tarazona) (amministratore apostolico)
    • Beato Florentino Asensio Barroso † (11 novembre 1935 - 9 agosto 1936 deceduto) (amministratore apostolico)
    • Arturo Tabera Araoz, C.M.F. † (16 febbraio 1946 - 2 febbraio 1950 nominato vescovo) (amministratore apostolico)
  • Arturo Tabera Araoz, C.M.F. † (2 febbraio 1950 - 13 maggio 1950 nominato vescovo di Albacete)
  • Pedro Cantero Cuadrado † (19 dicembre 1951 - 23 ottobre 1953 nominato vescovo di Huelva)
  • Segundo García de Sierra y Méndez † (28 luglio 1954 - 20 novembre 1959 dimesso)
  • Jaime Flores Martín † (24 febbraio 1960 - 30 aprile 1970 dimesso)
  • Damián Iguacén Borau (10 agosto 1970 - 23 settembre 1974 nominato vescovo di Teruel e Albarracín)
  • Ambrosio Echebarria Arroita † (23 settembre 1974 - 29 ottobre 1999 ritirato)
  • Juan José Omella Omella (29 ottobre 1999 - 8 aprile 2004 nominato vescovo di Calahorra e La Calzada-Logroño)
  • Alfonso Milián Sorribas, dall'11 novembre 2004

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 102.580 persone contava 95.498 battezzati, corrispondenti al 93,1% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 36.400 36.400 100,0 65 49 16 560 21 98 153
1959 42.629 42.629 100,0 109 87 22 391 35 106 173
1970 39.230 39.236 100,0 97 80 17 404 27 70 40
1980 33.785 33.825 99,9 82 68 14 412 20 86 175
1990 32.860 32.900 99,9 69 56 13 476 23 75 153
1999 97.200 98.073 99,1 123 83 40 790 52 160 274
2000 95.300 96.250 99,0 123 83 40 774 52 153 274
2001 96.125 98.073 98,0 114 75 39 843 51 166 274
2002 96.328 98.658 97,6 103 75 28 935 42 131 308
2003 95.200 97.800 97,3 104 77 27 915 41 132 308
2004 95.000 95.887 99,1 100 74 26 950 42 127 274
2006 95.498 102.580 93,1 97 70 27 984 38 132 274

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Secondo il Gams, la sede fu trasferita a Roda dal vescovo Odisendo nel 957.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi