Date Masamune

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Date Masamune
Primo Signore di Sendai
1600 - 1636
Predecessore Nessuno
Successore Date Tadamune
Dati Biografici
Nato a Yonezawa, Giappone
Nazionalità Giapponese
Sposato con Date Megohime

Masamune Date (伊達 政宗?) (Yonezawa, 5 settembre 156727 giugno 1636) è stato un militare (daimyō) giapponese.

Fu un daimyō durante periodo Azuchi-Momoyama e nel primo periodo Edo. Erede di una lunga serie di potenti daimyo della regione Tohoku, fondò l'attuale città di Sendai. Un tattico eccezionale, è stato reso ancora più iconico grazie al suo occhio destro mancante, tanto che gli venne dato il soprannome di dokuganryū (独眼 竜), o "il drago con un occhio solo"[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Simbolo del Clan Date

Date Masamune era il figlio primogenito di Date Terumune, nato nel Castello di Yonezawa (l'attuale prefettura di Yamagata). All'età di 14 anni, nel 1581, Masamune ha condotto la sua prima campagna militare, aiutando il padre nella lotta contro la famiglia Sòma. Nel 1584, all'età di 18 anni, Masamune succedette al padre, Terumune, che scelse di ritirarsi dalla sua posizione di daimyo.[2] La famiglia Date è stata fondata nel primo periodo Kamakura da Isa Tomomune, che originariamente proveniva dal distretto di Isa della Provincia di Hitachi (ora Prefettura di Ibaraki). La famiglia ha preso il nome dal quartiere Date (oggi prefettura di Fukushima) della Provincia di Mutsu, che era stata assegnata a Isa Tomomune da Minamoto no Yoritomo, il primo shogun di Kamakura, per la sua assistenza durante la guerra Genpei (1180-1185) ed in seguito contro il fratello di Minamoto no Yoritomo, Minamoto no Yoshitsune. L'esercito di Masamune Date è famoso per la sua armatura nera e copricapo d'oro.

Persona Storica[modifica | modifica sorgente]

Una lettera scritta da Masamune per Papa Paolo V.
Tomba di Masamune al mausoleo di Zuihō-den.

Masamune è noto per un paio di cose che lo fecero emergere rispetto ad altri dayimo dell'epoca. In particolare, il suo famoso casco a falce di luna-cuscinetto gli valse una fama terribile. Da bambino, il vaiolo lo privò dell'occhio destro, ma non è chiaro esattamente come ha perso del tutto l'organo.[3] Alcune fonti dicono che egli stesso strappò l'occhio quando un membro anziano del clan sottolineò che un qualsiasi nemico avrebbe potuto afferrarglielo durante un combattimento. Altri dicono invece che fu il suo più fidato servitore, Katakura Kojūrō, a cavare l'occhio per lui.[4] A causa del suo occhio mancante, sua madre lo giudicò non idoneo a diventare capo clan, a differenza di suo fratello più giovane.[5]

Il clan Date ha costruito alleanze con i clan vicini attraverso matrimoni rispetto alle generazioni precedenti. Tuttavia, ci sono state molte dispute sulle terre durante il quindicesimo e sedicesimo secolo. Poco dopo la successione di Masamune, uno dei vassalli dei Date di nome Ouchi Sadatsuna disertò il clan per entrare nella casata Ashina della regione di Aizu. Masamune, irritato da questo tradimento, decise di dichiarargli guerra, ma il suo esercito fu fermato dal generale Ashina Iwashiro Morikuni, che costrinse Masamune a ritirarsi dalla campagna. Poco dopo Masamune prese il controllo del castello Obama.

Con l'ascesa di Masamune, dopo aver stretto alcune alleanze, ha iniziato ad attaccare e conquistare tutte le terre circostanti, anche quelle dei suoi parenti nelle province di Mutsu e Dewa. Colpito dalla sua spietatezza, una famiglia vicina, gli Hatakeyama, fece un disperato appello a Date Terumune per tenere a freno le campagne militari di suo figlio. Invitato a cena da Hatakeyama, Terumune disse che era incapace di controllare suo figlio. In un inaudito atto di disperazione, la famiglia Hatakeyama sequestrò Terumune. Masamune ricevette la notizia del rapimento mentre era a caccia. Quando lui e i suoi uomini raggiunsero i sequestratori che nel frattempo stavano attraversando un fiume, Terumune ordinò agli uomini del figlio di uccidere tutti i nemici, anche a costo della propria vita. Gli uomini di Masamune fecero quello che gli fu detto e uccisero chiunque, compreso Terumune. Masamune continuò la guerra e torturò e uccise le famiglie dei rapitori di suo padre.

Dopo aver sconfitto gli Ashina nel 1589, ha fatto del dominio di Aizu la sua base operativa.

Nel frattempo, il suo rapporto con la madre, Yoshihime, ha continuato a deteriorarsi. Yoshihime insisteva con Masamune affinché cedesse il diritto di successione al suo secondo figlio, Kojiro. Secondo alcuni storici, lei cercò di avvelenarlo una sera, durante la cena. Masamune di conseguenza uccise il proprio fratello, al fine di giungere al potere.[6] Dopo la tragedia, sua madre fuggì a casa di suo fratello, nel clan Mogami.[7] Nel 1590, Toyotomi Hideyoshi prese il Castello di Odawara e costrinse i daimyo della regione di Tōhoku a partecipare alla campagna. Masamune era molto indeciso riguardo alle richieste di Hideyoshi, ma non ebbe molta scelta poiché Hideyoshi era di fatto il dominatore del Giappone. Masamune continuava a prendere tempo per decidere, e ciò fece infuriare parecchio Hideyoshi. Aspettandosi di essere giustiziato, Masamune si presentò di fronte al suo signore arrabbiato vestendo i suoi abiti migliori senza mostrare paura. Non volendo ulteriori problemi, Hideyoshi risparmiò la sua vita, dicendogli che "Potrebbe essere di qualche utilità".

Dopo aver servito Hideyoshi per qualche tempo, gli venne concesso il dominio del castello Iwatesawa e delle terre circostanti. Masamune vi si trasferì nel 1591, ricostruì il castello, ribattezzato Iwadeyama, ed incoraggiò la crescita di una città alla sua base. Masamune soggiornò a Iwadeyama per 13 anni e trasformò la regione in un importante centro politico ed economico. Lui e i suoi uomini servirono con distinzione Hideyoshi durante le invasioni della Corea e, dopo la morte di Hideyoshi, ha cominciato a sostenere Tokugawa Ieyasu - a quanto pare su consiglio di Katakura Kojūrō.

Tokugawa Ieyasu premiò Masamune dandogli il dominio della vasta e proficua Sendai, che rese Masamune uno dei daimyo più potenti del Giappone. Tokugawa inoltre promise a Masamune che il terreno avrebbe prodotto 1 milione di koku, ma, nonostante sostanziali miglioramenti, la terra produsse solo 640.000 koku, la maggior parte dei quali fu utilizzato per alimentare la regione di Edo. Nel 1604, Masamune, accompagnato da 52.000 vassalli con le proprie famiglie, si trasferì in quella che allora era un piccolo villaggio di pescatori: Sendai. Ha lasciato il suo quarto figlio, Date Muneyasu, a governare Iwadeyama. Masamune successivamente trasformerà Sendai in una grande e prosperosa città.

Anche se Masamune era un mecenate delle arti e simpatizzava con le cause straniere, era anche un daimyo aggressivo e ambizioso. Quando prese il controllo del clan Date, inflisse grandi sconfitte a clan potenti e influenti come gli Ashina.

Essendo una delle maggiori potenze nel nord del Giappone, Masamune era naturalmente visto con sospetto, come ogni potenziale rivale potrebbe essere visto. Toyotomi Hideyoshi ridusse le dimensioni delle sue terre dopo che Masamune arrivò in ritardo durante l'assedio di Odawara contro Hōjō Ujimasa. Più tardi nella sua vita, Tokugawa Ieyasu aumentò nuovamente le dimensioni delle terre di Masamune, ma era continuamente sospettoso di lui e della sua politica. Era particolarmente sospettoso dei missionari stranieri, da lui percepiti come una minaccia al suo potere. A causa di questo, ordinò l'esecuzione di Padre Sotelo dopo il suo viaggio intorno al mondo.

Nonostante i sospetti di Tokugawa Ieyasu e degli altri alleati, Date Masamune ha servito per la maggior parte del tempo i Tokugawa e Toyotomi lealmente. Ha partecipato alle campagne di Hideyoshi in Corea, e nelle campagne di Osaka. Quando Tokugawa Ieyasu era sul letto di morte, Masamune lo ha visitato e gli ha letto un pezzo di poesia Zen. Masamune è stato molto rispettato per la sua etica, un aforisma ancora citato è "La rettitudine trasforma l'eccessiva durezza in freddezza; abbandonarsi alla benevolenza oltre misura tramuta il lasciarsi andare in debolezza".

Patrono della cultura e della Cristianità[modifica | modifica sorgente]

Replica del galeone Date Maru, o San Juan Bautista,a Ishinomaki, Giappone.

Masamune espanse il commercio nella oltremodo remota e arretrata regione di Tohoku. Nonostante le iniziali sconfitte subite da parte di alcuni clan ostili, riuscì ad avere la meglio e poi a governare uno dei più grandi feudi dello shogunato Tokugawa. Ha costruito molti palazzi e ha lavorato a molti progetti per abbellire la regione. È anche conosciuto per avere incoraggiato gli stranieri a venire nelle sue terre. Le voci che asserivano la probabile fede cristiana di Masamune furono infondate,anche se finanziò una spedizione per stabilire le relazioni col Papa a Roma, cosa che fu probabilmente motivata almeno in parte da un desiderio di tecnologia straniera, simile a quella di altri signori, come Oda Nobunaga. Inoltre, una volta che Tokugawa Ieyasu indicò quale fuorilegge qualsiasi praticante del cristianesimo, Masamune cambiò la sua posizione, e anche se non gradì ciò, lasciò che Ieyasu perseguitasse i cristiani nel suo dominio. Per 270 anni, Tōhoku è rimasto un luogo di turismo, commercio e prosperità. Matsushima, per esempio, una serie di piccole isole, è stata elogiata per la sua bellezza e serenità dal poeta errante haiku Matsuo Basho.

Egli ha mostrato simpatia per i missionari cristiani e commercianti in Giappone. Oltre a permettere loro di venire a predicare nella sua provincia, ha anche rilasciato il prigioniero, missionario Padre Sotelo, dalle mani di Tokugawa Ieyasu. Date Masamune ha anche permesso a Sotelo come pure ad altri missionari di praticare la loro religione e convertire nella provincia di Tohoku.

Una delle migliori mosse di Masamune è stato il finanziamento e il sostegno ad uno dei pochi viaggi diplomatici ed esplorazioni lontani dal Giappone. Ordinò la costruzione della nave di esplorazione Date Maru o San Juan Bautista, utilizzando le tecniche straniere (europee) di costruzione navale. Egli mandò uno dei suoi seguaci, Hasekura Tsunenaga, Sotelo, e un'ambasciata composta da 180 persone, a Roma per stabilire rapporti con il Papa. Questa spedizione ha visitato luoghi come le Filippine, Messico, Spagna e Roma, diventando così il primo viaggio giapponese intorno al mondo. Prima, i signori giapponesi non avevano mai finanziato una spedizione del genere, quindi, quello di Tsunenaga, fu probabilmente il primo viaggio compiuto con successo.[8] Alla fine, 5 membri della spedizioni si stabilirono a Coria (Siviglia) in Spagna per scampare alla persecuzione dei cristiani in Giappone. 600 dei loro discendenti, con il cognome di Japòn (Japan), vivono tuttora in Spagna.

Quando il governo dei Tokugawa bandì il Cristianesimo, Masamune dovette obbedire alla legge. Tuttavia, alcune fonti suggeriscono che la figlia maggiore di Masamune, Iroha, fosse cristiana.[9]

Famiglia[modifica | modifica sorgente]

Padre[modifica | modifica sorgente]
Madre[modifica | modifica sorgente]
Moglie[modifica | modifica sorgente]
Figli[modifica | modifica sorgente]
  • Date Hidemune (1591–1658), primo detentore del dominio di Uwajima
  • Date Tadamune (1599–1658)
  • Date Munekatsu (1621–1679)
  • Date Munekiyo (1600–1634)
  • Date Munetsuna (1603–1618)
  • Date Munetaka (1607–1626)
  • Date Munesane (1613–1665)
  • Irohahime (1594–1661)
Cugini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Questo nome è derivato da quello dell'antico generale cinese, Li Keyong (李克用).
  2. ^ Sohachi Yamaoka, Date Masamune.
  3. ^ Nel 1974, un team di ricerca giapponese ha riesumato il suo corpo dal suo cimitero di Zuihoden, il quale fu distrutto dall'esercito statunitense nel 1945. Secondo il rapporto della ricerca, il suo occhio destro conservava ancora qualche organo. C'è anche una scultura di legno di Masamune nel tempio di Zuiganji, Matsushima, fatto nel 1652 su istruzione di sua moglie Megohime. Questa statua ha l'occhio destro nonostante sia più piccolo del sinistro.[1]
  4. ^ [2] Alcuni scrittori riferiscono che questo episodio fu un punto di svolta per Masamune, come ad esempio Masashi Hosaka in Garyu-no-ten, ISBN 978-4-396-63290-8.
  5. ^ Keinosuke Nagaoka, Date Masamune, ISBN 978-4-7913-0323-6
  6. ^ La novella di Sohachi Yamaoka, "Date Masamune", enfatizza questo episodio.
  7. ^ Tuttavia, successivamente si riappacificarono. Secondo la ricerca di Ken-ichi Sato, Masamune ha scritto una lettera in cui ha dichiarato il suo apprezzamento per il suo finanziamento da parte della madre durante l'invasione coreana del 1593. Ken-ichi Sato, Date Masamune no tegami (Lettere di Date Masamune) ISBN 978-4-10-600479-7
  8. ^ その時歴史が動いた
  9. ^ Lei ha dovuto divorziare da suo marito, Matsudaira Tadateru, il quale fu esiliato per i suoi atteggiamenti provocatori nei confronti di suo padre Tokugawa Ieyasu. Dopo questo tragico divorzio, Iroha non si è più risposata anche se i suoi genitori, Masamune e Mego, suggerivano di risposarsi. Alcuni storici pensavano che il suo atteggiamento fu dovuto alla sua fede.

Ulteriori letture[modifica | modifica sorgente]

  • Kobayashi Seiji 小林清治. Date Masamune 伊達政宗. Tokyo: Yoshikawa Kōbunkan 吉川弘文館, 1959.
  • Owada Tetsuo 小和田哲男. Date Masamune: shiden 伊達政宗: 史伝. Tokyo: Gakken 学研, 2000.
  • Ken-ichi Sato 佐藤憲一. Date Masamune's letters 伊達政宗の手紙. Tokyo: Sinchosensho 新潮選書, 1995.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 48091372 LCCN: n81114469

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie