Conteggio dell'Omer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Conteggio dell'Omer, Marocco, Tangier, 1960's
Conteggio dell'Omer, Jerusalem, 1952.

Il Conteggio dell'Omer (o Sefirat Ha'omer, Ebraico: ספירת העומר) nell'Ebraismo, è una benedizione con cui si contano i 49 giorni che intercorrono tra la seconda sera di Pesach e la festività di Shavuot in memoria della cerimonia dell'offerta dell' Omer che veniva effettuata presso il Tempio di Gerusalemme.

Origine[modifica | modifica sorgente]

L'origine della tradizione è rintracciabile nel Levitico 23:15-16:

15. Dal giorno dopo il sabato, cioè dal giorno che avrete portato il covone da offrire con il rito di agitazione, conterete sette settimane complete.[1]
16. Conterete cinquanta giorni fino all'indomani del settimo sabato e offrirete al Signore una nuova oblazione.[1]

In Israele la mietitura dell'orzo inizia solitamente durante la festività di Pesach; L'Omer è una misura citata nella Bibbia che indica una quantità di circa 1,3 Kilogrammi di grano. La tradizione voleva che venisse offerta una tale quantità di grano presso il Tempio di Gerusalemme.

Il conteggio[modifica | modifica sorgente]

Ogni sera, tra il secondo giorno di Pesach e la notte precedente lo Shavuot, viene pronunciata una benedizione in cui si indica l'ordinale del giorno espresso sia in giorni che in settimane più giorni. Nel 23º giorno si direbbe Oggi è il 23º giorno che è il secondo giorno dopo le tre settimane dell'Omer

Un periodo di "lutto"[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lag b'omer.

I primi 33 giorni dell'Omer sono vissuti come un periodo di lutto durante il quale non vengono organizzate feste, matrimoni e cene danzanti, in ricordo della peste che uccise circa 24000 studenti di Rabbi Akiva. Questa usanza è anche in ricordo degli ebrei uccisi durante le Crociate.

Durante questo stesso periodo c'è l'uso di non tagliare i capelli e la barba e non intrattenersi in svaghi quali il cinema e la musica. Le usanze, comunque, sono molto variabili a seconda delle comunità locali. Dal conteggio del giorno 33 alcune tra queste proibizioni decadono (nel caso in cui il giorno 33 capiti di Shabbat è permesso anticipare il taglio dei capelli ma in casi differenti si possono tagliare dalla mattina del giorno 34), altre sino al giorno 34; Alcune di esse sono:

Proibizioni[modifica | modifica sorgente]

  • sino a dopo Lag b'omer viene proibito tagliare capelli e barba (tranne "spuntare" i baffi per evitare "difficoltà" per quando si mangia): si permette talvolta, nel caso in cui l'ultimo giorno capiti di Shabbat, prima di esso;
  • proibito ascoltare musica.
  • ...

Halakhah sul conteggio[modifica | modifica sorgente]

Il conteggio inizia dalla seconda sera di Pesach con la relativa benedizione sino a Shavuot. Qualora si sia dimenticato o non si sia fatto il conteggio lo si reciti durante il giorno ma senza la Berakhah continuando poi con la sera successiva recitando ancora la benedizione sino a Shavuot; se però non viene contato neanche durante il giorno si continui il conteggio sino a Shavuot senza più recitare la benedizione.

Qualora si debba ricordare a voce o si debba rispondere alla domanda su quale giorno intercorra in un momento presente, si risponda "ieri era il giorno..." specificando quindi il giorno precedente infatti la citazione a voce del giorno esatto corrispondente a quel momento presente equivarrebbe al conteggio e quindi non si potrebbe più tornare a ripetere il conteggio di quel giorno con la relativa benedizione.

Berakhah necessaria[modifica | modifica sorgente]

"Baruch atah A-donai E-loheinu Melekh Ha-olam asher kid'shanu b'mitzvotav v'tzivanu al S'firat Ha-omer

(Benedetto Tu Hashem, nostro Dio, Re del mondo, che ci ha santificato con i Suoi precetti e ci ha comandato di contare l'omer)

Qabbalah[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sefirot.

I maestri mistici ebrei hanno stabilito che i 49 giorni corrispondono alle coincidenze delle 7 Sefirot inferiori nelle loro connessioni sino a giungere infatti a 49 differenti combinazioni nella totalità dei giorni, una combinazione diversa per ciascun giorno del conteggio dell'omer e così, sino a Shavuot, recitata nella preghiera di ricordo del giorno dopo la benedizione necessaria e nel brano finale di Tiqqun.

Brani aggiuntivi nella preghiera[modifica | modifica sorgente]

  • In lingua italiana (cfr Siddur): Il Misericordioso ripristini il culto del Santuario nel suo luogo, presto, ai nostri giorni, Amen, selah.
  • Preghiera per purificazione delle anime Nefashot, Ruchot e Neshamot degli/per gli ebrei dopo il riferimento biblico all'omer di orzo riguardo al periodo di "7 di 7", cioè 49, da uno "Shabbat" all'altro, in questo caso intendendo Pesach e Shavuot come comandato nella Torah a Mosè, ed infine, precedentemente, ricordo del grado di coincidenza delle Sefirot in quel giorno contato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Progetto LiberLiber. URL consultato il 13-05-2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Anche:

Pure:

Altro:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

festività Portale Festività: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di festività