Charlie Hebdo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charlie Hebdo
Logo di Charlie Hebdo
Stato Francia Francia
Lingua francese
Periodicità settimanale
Genere Stampa satirica
Formato rivista
Fondazione 1970
Sede Parigi
Editore Les Éditions Rotative
Diffusione cartacea 45.000 (2012)
Direttore Gérard Biard
ISSN 1240-0068
Sito web http://www.charliehebdo.fr/
 

Charlie Hebdo[1] è un periodico settimanale satirico francese dallo spirito caustico e irriverente.

L'azione di critica è rivolta in primis alla difesa delle libertà individuali, civili e collettive, com'è difeso il diritto alla libertà d'espressione a partire dal proprio interno: non è infatti raro che i differenti redattori si siano trovati in disaccordo su temi più o meno importanti, per esempio in occasione del Referendum sulla Costituzione Europea.

Le sede del Charlie Hebdo a Parigi

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima di Charlie Hebdo[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Charlie Hebdo iniziò con il mensile Hara-Kiri. Nel 1960, Georges Bernier, alias Professeur Choron, e François Cavanna iniziarono le pubblicazioni, definendo il proprio giornale satirico come «journal bête et méchant» (giornale stupido e cattivo). Choron ne divenne il direttore. Cavanna, redattore capo, costruì progressivamente una squadra comprendente Topor, Fred, Reiser, Wolinski, Gébé, Cabu. La pubblicazione fu interdetta dalla magistratura poco dopo, nel 1961, e nuovamente nel 1966. Quest'ultimo divieto fu ritirato sei mesi più tardi, ma certi collaboratori non ritornarono alla redazione (come Gébé, Cabu, Topor, Fred), mentre arrivarono Delfeil de Ton, Fournier e Willem.

1969-1981[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969, lo stesso gruppo, sotto la guida di Cavanna, decise di trasformare il mensile in settimanale. Gébé e Cabu tornarono nel gruppo. Nel febbraio 1969 fu lanciato Hara-kiri-hebdo che più avanti, nel maggio 1969, prese il nome di L'hebdo hara-kiri.

Nel novembre 1970 il generale Charles de Gaulle morì, mentre dieci giorni prima un incendio in una discoteca aveva causato 146 morti. In quell'occasione, l'Hebdo titolò in copertina «Bal tragique à Colombey - un mort» (Tragico ballo a Colombey [=residenza di De Gaulle] - un morto). A causa di ciò la pubblicazione dell'Hebdo hara-kiri fu bloccata dal Ministro dell'Interno. Senza considerare l'interdizione, il gruppo decise che le pubblicazioni sarebbero continuate, aggirando il divieto con il cambio di nome del giornale in Charlie Hebdo. Il nuovo titolo derivava dal mensile Charlie, che Bernier e Delfeil de Ton avevano lanciato nel 1968.

"Charlie" deve la sua fama anche ai Peanuts: Delfeil de Ton fu, per un anno, redattore capo del "Charlie Mensuel" e pubblicò, introducendoli in Francia, i Peanuts di Charles M. Schulz. C'era un riferimento a Charlie Brown, come quel mensile « pieno di humour e di fumetti », e venne perciò nominato Charlie (alla stregua di Linus van Pelt che aveva già dato il nome alla omonima rivista italiana). Charlie Hebdo continuò le pubblicazioni con lo stesso titolo senza riprendere i titoli iniziali (Hara-kiri hebdo o l'hebdo Hara-kiri). Il direttore delle pubblicazioni era Georges Bernier. Il redattore capo era Cavanna, nominato dall'intera équipe «angelo custode».

Nel 1971 Fournier rivela nel numero 14 che un tecnico del Commissariato all'energia atomica di Saclay avrebbe tentato di suicidarsi due anni prima appiccando un incendio nel suo laboratorio.

Nel dicembre 1981, a causa della diminuzione dei lettori, la pubblicazione fu interrotta. Il giornale, infatti, non aveva abbastanza introiti pubblicitari, ma soprattutto non aveva un numero sufficiente di abbonati, sua principale fonte di sostentamento.

1992[modifica | modifica wikitesto]

La vicinanza tra il Charlie Hebdo pubblicato nel 1992 e quello degli anni passati era più intellettuale che effettiva. Anche se due disegnatori, Gébé et Cabu, reduci da Hara-kiri collaborarono a La Grosse Bertha (editore: Jean-Cyrille Godefroy), questo settimanale creato nel 1991 non aveva un vero legame diretto con Hara-kiri o Charlie Hedbo, né lo avevano le éditions du Square. È con la scissione dalla Grosse Bertha che, Philippe Val, Gébé, Cabu e alcuni giovani disegnatori talentuosi iniziarono a perseguire un solo progetto, quello di creare il loro proprio settimanale.

È allora che, davanti alle difficoltà di una tale impresa, faranno appello agli anziani Cavanna, Delfeil de Ton e Wolinski, sollecitando la loro collaborazione. Questi accetteranno senza esitare. Nel corso di una riunione-banchetto, alla ricerca di un titolo, Wolinski propose «et pourquoi pas Charlie Hebdo?» (e perché non Charlie Hebdo?): la proposta fu immediatamente accettata.

Philippe Val, Gébé e Cabu procurarono il capitale per finanziare il primo numero. Fu creata una società per azioni. Detenendone l'80%, i tre si resero praticamente i proprietari del giornale e ne assicurarono l'indipendenza politica.

È così che Charlie Hebdo nacque nella sua nuova versione nel luglio 1992. Per il suo lancio beneficiò della prestigiosa notorietà del Charlie Hebdo storico, tanto più che vi si ritrovarono le firme d'avanguardia degli anni settanta: Cavanna, Delfeil de Ton, Gébé, Wolinski, Cabu e un formato identico. Fu presentato e accolto non come un nuovo settimanale ma come il seguito, la ricomparsa del predecessore. Del primo numero sarebbero state vendute 100.000 copie: un grande successo.

Il Professor Choron, al quale non si era proposto un ruolo per lui accettabile, tentò da parte sua il rilancio simultaneo di un Hara-Kiri settimanale, ma la sua avventura fu breve.

Dal 1992 in poi[modifica | modifica wikitesto]

In questo nuovo Charlie Hebdo, Philippe Val, Gébé e Cabu detenevano tutte le responsabilità. Philippe Val redattore capo, Gébé responsabile artistico.

Sotto la direzione di Philippe Val portò avanti delle battaglie che ricordano la linea contestataria d'estrema sinistra. In questo si differenziava dalla linea editoriale dell'anziano Charlie Hebdo, che non mostrava particolari preferenze politiche, cosa che il talento individuale riconosciuto dei redattori e dei disegnatori - umore caustico e satira efficace - e la stabilità del gruppo rafforzò ancora.

L'attuale Charlie non ha questa continuità e stabilità, difatti durante questa nuova linea editoriale parecchi collaboratori lasciarono il giornale. La maggior parte, a leggere le loro stesse dichiarazioni, licenziati dal redattore capo.

Il 26 aprile 1996 Cavanna, Val e Charb depositarono al Ministero dell'Interno 173.704 firme, ottenute in 8 mesi, con lo scopo di bandire il Front National, essendo quest'ultimo, a loro dire, irrispettoso degli articoli 1, 2, 4, 6 e 7 della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino.[2]

Il giornale viene pubblicato tutti i mercoledì e pubblica ugualmente un certo numero di numeri extra, con frequenza variabile.

Simbolo dell'anticonformismo e della sinistra radicale, Charlie Hebdo, con Hara Kiri oggi scomparso, rimane il simbolo di una stampa che dispone di una libertà che ad oggi tende a sparire in Francia eccetto che con il Le Canard enchaîné (tendenzialmente a sinistra), Minute (d'estrema destra) e il Marianne (della sinistra riformista).

2002[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2002, il cronista filosofico Robert Misrahi del Charlie Hebdo pubblicò una tribuna dibattito intitolata Coraggio intellettuale che trattava l'opera della scrittrice fiorentina Oriana Fallaci La rabbia e l'orgoglio. In questo articolo si manifestava chiaramente un appoggio all'opera: "Oriana Fallaci dà prova di coraggio intellettuale [...] Non protesta solamente contro l'islamismo assassino. [...] Protesta anche contro la negazione in corso nell'opinione pubblica europea, sia italiana, sia francese, per esempio. Non si vuole vedere condannare mentre afferma con chiarezza il fatto che è l'Islam a partire in crociata verso l'Occidente, e non il contrario".

L'articolo fece scoppiare una polemica presso diverse associazioni convinta che l'opera contenesse propositi razzisti. Il sostegno di Charlie Hebdo all'autrice italiana fu vivamente criticato anche da pubblicazioni francesi come Acrimed. La settimana seguente la pubblicazione dell'articolo, diverse lettere di lettori sbalorditi furono pubblicate da Charlie Hebdo, e una risposta del settimanale a queste missive sconfessò parzialmente il cronista autore dell'elogio.

2004[modifica | modifica wikitesto]

Morì Gébé. Philippe Val, sempre redattore capo, gli succedette come direttore. Le vendite erano di circa 60 000 copie. In novembre fu creata una nuova rubrica, dedicata all'influenza della scienza sulla società, essenzialmente animata da Guillaume Lecointre e poi da Antonio Fischetti.

Alla fine del 2004, il giornalista Philippe Corcuff lasciò Charlie Hebdo in seguito a disaccordi editoriali con il gruppo editoriale e in particolare con Philippe Val[3].

2006[modifica | modifica wikitesto]

"L'affaire" delle caricature di Maometto[modifica | modifica wikitesto]

Dei gendarmi presidiano Charlie Hebdo in seguito alla pubblicazione delle caricature; nessun manifestante in vista.

Mentre la tiratura era solitamente di 140 000 copie, l'8 febbraio 2006 160 000 copie furono pubblicate e tutte vendute. Il giornale decise allora due ristampe, giungendo alle 400 000 copie.

Quella settimana, Charlie Hebdo pubblicava la serie delle caricature di Maometto del giornale Jyllands-Posten. Le vignette scandinave avevano scatenato delle proteste la settimana precedente in alcuni paesi musulmani dopo che alcuni imam danesi avevano animato una campagna contro le vignette nel mondo musulmano.

Alcune organizzazioni musulmane francesi, come il Consiglio francese del culto musulmano, chiesero la messa al bando del numero del giornale che conteneva anche delle caricature di Maometto disegnate da collaboratori regolari del giornale. Questa richiesta non andò a buon fine a causa di un vizio di procedura.

L'episodio delle vignette portò alla pubblicazione del Manifesto dei dodici il primo marzo 2006.

Il 15 marzo 2006, il ministero della Cultura organizzò una serata in onore dei disegnatori della carta stampata, proprio a causa della questione delle caricature di Maometto. Plantu, Cabu, Wolinski e i più giovani Sattouf, Jul, Charb e Luz, tutti i disegnatori di Charlie, furono omaggiati. Un omaggio nel quale il direttore del gabinetto del ministro, Henri Paul, riaffermò lo statuto di «agenti della libertà» dei vignettisti, e parlò della creazione di una «missione per la conservazione e la valorizzazione del disegno della carta stampata», patrocinata da Wolinski. L'associazione degli amici d'Honoré Daumier, aveva ispirato l'avvenimento. (Cf. Le Point del 23/03/2006)

2009[modifica | modifica wikitesto]

Il disegnatore Stephane Charbonnier detto Charb sostituì, quale direttore responsabile, Philippe Val, dopo la vicenda riguardante il licenziamento del disegnatore Siné, accusato di antisemitismo.

Attentati subiti[modifica | modifica wikitesto]

Attentato del 2 novembre 2011[modifica | modifica wikitesto]

Gli uffici del Charlie Hebdo dopo l'attentato del 2 novembre 2011

Nella notte tra il 1° e il 2 novembre 2011 la sede del giornale venne distrutta a seguito del lancio di diverse bombe Molotov, appena prima dell'uscita del numero del 2 novembre dedicato alla vittoria del partito fondamentalista islamico nelle elezioni in Tunisia[4]. Sulla copertina del numero in questione sono apparsi una vignetta satirica con Maometto che dice "100 frustate se non muori dalle risate" e il titolo "Charia Hebdo", gioco di parole tra Sharia e il nome del giornale[5]. Anche il sito internet della rivista è stato bersaglio di un attacco informatico[4].

Attentato del 7 gennaio 2015[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Attentato alla sede di Charlie Hebdo.

Il 7 gennaio 2015, attorno alle ore 11.30, un commando di due uomini armati con fucili d'assalto kalashnikov (uno dei quali alla guida di un'auto pronta per la fuga) ha attaccato la sede del giornale durante la riunione settimanale di redazione. Dodici i morti, tra i quali il direttore Stéphane Charbonnier, detto Charb, e diversi collaboratori storici del periodico (Cabu, Tignous, Georges Wolinski, Honoré), due poliziotti e numerosi feriti. Pochi istanti prima dell'attacco, il settimanale satirico aveva pubblicato sul proprio profilo Twitter una vignetta su Abu Bakr al-Baghdadi, leader dello Stato Islamico.[6] Dopo l'attentato il commando, che durante l'azione ha gridato frasi inneggianti ad Allah e alla punizione del periodico Charlie Hebdo, è fuggito. Nei giorni successivi, durante la caccia ai criminali, sono morte altre otto persone, una poliziotta, quattro ostaggi colpiti dal fuoco dei terroristi islamici ed i 3 attentatori colpiti dalla gendarmeria francese.

Si è trattato del più grave attentato terroristico in Francia dal 1961.[7]

In seguito agli attentati, è tornato ad uscire in edicola il 14 gennaio con il numero 1.178 con una tiratura di 7 milioni di copie e in 16 lingue uscendo in Italia allegato assieme a Il Fatto Quotidiano dove ha subito esaurito le 268 mila copie destinate all'Italia[8]. La redazione del settimanale è stata ospitata presso quella del giornale Libération. Dopo l'uscita di questo numero, è stato deciso di sospendere le pubblicazioni del numero 1180 almeno fino a metà di febbraio 2015.[9]

Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Professeur Choron[modifica | modifica wikitesto]

Georges Bernier (Professor Choron, dal nome della strada del IX Arrondissement di Parigi dove si trovava la sede di Charlie) era per ragioni storiche proprietario del titolo Hara-Kiri e di altri titoli delle Éditions du Square. Il titolo Charlie Hebdo non fu mai depositato legalmente. Era stato direttore di tutte le pubblicazioni hara-kiriane delle Éditions du Square, assicurandone la gestione finanziaria. Secondo Cavanna, senza lui, Hara-Kiri non sarebbe mai potuto esistere e le opere diventarono quindi, da Hara-Kiri hebdo, per la sola ragione dell'interdizione del primo. Se accettò di farsi carico di tutti i rischi finanziari (numerosi processi e vendite scarse per alcuni titoli), fu a causa della sua personalità un cattivo tesoriere.

Non proponendogli un posto all'altezza delle sue ambizioni nel nuovo Charlie-Hebdo del 1992, la sua reazione immediata fu di:

  • lanciare un suo settimanale satirico chiamato Hara-Kiri, che ebbe molto poco successo e finì per sparire
  • portare in tribunale Charlie-Hebdo lasciando a disposizione il titolo alla nuova squadra per sei mesi

Per ragioni strettamente giuridiche, i membri storici della redazione non fecero valere il loro diritto a essere insieme i legittimi detentori del titolo, ma gli fu contestato il diritto d'autore. Georges Bernier perse il processo: per decisione della III Camera del Tribunale de grande istance di Parigi, il 30 gennaio 1993, Cavanna è riconosciuto, di diritto, come l'autore del titolo.

Georges Bernier si scagliò violentemente contro Philippe Val nel suo mensile, Zéro, e lanciò un altro giornale satirico chiamato La Mouise, venduto da e per SDF. Non è mai stato né proprietario né collaboratore de La Grosse Bertha, e il suo risentimento non deriva dalla fine di quella squadra, ma dal fatto di essere stato escluso dal lancio del nuovo Charlie-Hebdo, in pratica dalla propria famiglia.

Direzione di Philippe Val[modifica | modifica wikitesto]

Durante la direzione di Philippe Val (durata sino al 2009), il giornale conobbe delle polemiche in rapporto alla sua linea editoriale e al suo funzionamento interno:

  • Philippe Val è stato criticato per una supposta conduzione del giornale troppo autoritaria, capitalista e, tra le altre cose, di aver licenziato giornalisti non graditi.
  • Alcuni collaboratori di Charlie Hebdo come Olivier Cyran hanno partecipato al giornale CQFD. Libération ha descritto CQFD come il giornale degli scomparsi di Charlie Hebdo.
  • Philippe Val rifiutava che Charlie Hebdo utilizzasse Internet per comunicare. Ha fatto chiudere un sito che faceva un riassunto settimanale delle edizioni di Charlie Hebdo.
  • Benché indipendente da ogni introito pubblicitario, Charlie Hebdo ha concluso un accordo con Libération per la pubblicazione ogni settimana di una pubblicità con i titoli di questo giornale.
  • Charlie Hebdo è stato criticato per una presunta carenza di memoria editoriale, Choron e altrui redattori storici sarebbero stati in parte dimenticati.
  • Cavanna ha definito il computer come un oggetto inutile per le persone, conseguenza della società di consumo.
  • In occasione del referendum sulla Costituzione Europea nel maggio 2005, Philippe Val ha lanciato un appello a votare sì attraverso i suoi editoriali. Siné, Cavanna e Charb, nei loro articoli, hanno preso posizione per il no.
  • Nell'estate 2008 la direzione è stata duramente criticata per il licenziamento di un vignettista storico, Siné, accusato di antisemitismo.

Redazione[modifica | modifica wikitesto]

Redattori[modifica | modifica wikitesto]

Disegnatori[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Hebdo è l'abbreviazione dell'aggettivo francese hebdomadaire, cioè "ebdomadàrio", "settimanale", dal latino hebdŏmas, -ădis, cioè "settimana" o "il settimo giorno" (cfr. hebdomadaire sul Sabatini-Coletti; ebdomadario sul vocabolario Treccani; hebdŏmas, -ădis sul dizionario DeAgostini; (PT) Antônio Martinez de Rezende e Sandra Braga Bianchet, Dicionário do latim essencial, Autêntica).
  2. ^ Antoine Guiral, Les 173 704 signatures de Charlie Hebdo in Libération, 12 settembre 1996.
  3. ^ BELLACIAO - Philippe Corcuff quitte Charlie Hebdo - Philippe Corcuff
  4. ^ a b Attentato incendiario al Charlie Hebdo. Distrutta la sede del giornale, pista islamica in La Repubblica, 2 novembre 2011. URL consultato il 3 novembre 2011.
  5. ^ Il direttore Charb mostra il numero del 2 novembre 2011 con la vignetta satirica su Maometto, con la sede della rivista devastata sullo sfondo in La Repubblica, 2 novembre 2011. URL consultato il 3 novembre 2011.
  6. ^ L'ultima vignetta prima dell’attacco e le vignette contestate in Corriere.it.
  7. ^ Piera Matteucci, Anais Ginori e Valeria Pini, Assalto al giornale Charlie Hebdo: 12 morti. Due dei tre killer reduci dalla Siria in La Repubblica, 7 gennaio 2015.
  8. ^ Charlie Hebdo, esaurite 3 milioni di copie. Annunciata ristampa fino a 5 milioni
  9. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/02/01/charlie-hebdo-non-in-edicola-prima-bisogna-superare-trauma/1387815/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]