Caroline Fourest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Caroline Fourest

Caroline Fourest (Aix-en-Provence, 19 settembre 1975) è una scrittrice, giornalista e femminista francese, editrice della rivista "Prochoix," ed autrice del saggio Frère Tariq (Fratello Tariq), un libro che lancia una luce critica sul lavoro dell'intellettuale Tariq Ramadan.

Diplomatasi in sociologia e scienze politiche, ha scritto diversi libri su argomenti quali la destra conservatrice, i movimenti a difesa della vita e le attuali tendenze del fondamentalismo nelle religioni abramitiche (Fondamentalismo ebraico, cristiano e musulmano). All'inizio del 1999 è stata presidente del Centro per Omosessuali e Lesbiche ("Centre Gai et Lesbien").

Nel marzo 2006 è stata tra i firmatari dell'appello Insieme contro il nuovo totalitarismo, una risposta alle violente proteste censorie seguite alla pubblicazione delle Caricature di Maometto sul Jyllands-Posten e per questo, al pari di altri firmatari (Salman Rushdie, Ibn Warraq, Maryam Namazie, Taslima Nasreen e Ayaan Hirsi Ali), ha ricevuto minacce di morte [1].

Tra i riconoscimenti ricevuti c'è il "premio nazionale francese della laicità" (2005) ed il "premio del libro politico" (2006).

È stata condannata per diffamazione contro Marine Le Pen nel 2012 e nel 2013 contro Frédéric Chatillon.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 103387844 LCCN: n/98/60566