Cantagallo (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cantagallo
comune
Cantagallo – Stemma Cantagallo – Bandiera
Cantagallo – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Tuscany.svg Toscana
Provincia Provincia di Prato-Stemma.png Prato
Amministrazione
Sindaco Bongiorno Guglielmo (PD) dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 44°01′00″N 11°05′00″E / 44.016667°N 11.083333°E44.016667; 11.083333 (Cantagallo)Coordinate: 44°01′00″N 11°05′00″E / 44.016667°N 11.083333°E44.016667; 11.083333 (Cantagallo)
Altitudine 423 m s.l.m.
Superficie 95,67 km²
Abitanti 3 156[1] (31-12-2013)
Densità 32,99 ab./km²
Frazioni Carmignanello, Fossato, Gavigno, Gricigliana, Il Fabbro, L'Acqua, La Villa, Luicciana, Migliana, La Rocca di Cerbaia, Usella,
Comuni confinanti Barberino di Mugello (FI), Camugnano (BO), Montale (PT), Montemurlo, Pistoia (PT), Sambuca Pistoiese (PT), Vaiano, Vernio
Altre informazioni
Cod. postale 59025
Prefisso 0574
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 100001
Cod. catastale B626
Targa PO
Cl. sismica zona 2 (sismicità media)
Cl. climatica zona E, 2 960 GG[2]
Diffus. atmosf. media
Nome abitanti cantagallesi
Patrono san Michele Arcangelo
Giorno festivo 29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cantagallo
Posizione del comune di Cantagallo all'interno della provincia di Prato
Posizione del comune di Cantagallo all'interno della provincia di Prato
Sito istituzionale

Cantagallo è un comune di 3.156 abitanti[1] della Provincia di Prato. Il Comune di Cantagallo, nella Val di Bisenzio, si distende a cavallo di più contrafforti appenninici.

Elemento di immediata identificazione dell'area è senza dubbio la presenza di estese foreste, dominate soprattutto da dense faggete e castagneti, oltre a rimboschimenti di conifere e boschi misti di latifoglie, in cui spiccano alcuni episodi monumentali, come il secolare Faggione di Luogomano, la cui chioma copre una superficie di circa 900 m². La copertura arborea, è interrotta solo raramente da praterie e da arbusteti, residuo di aree anticamente coltivate o destinate al pascolo, ed oggi dominio del cervo, presente con una popolazione nota a livello nazionale sia per la complessità della sua struttura che per la maestosità degli esemplari.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Storia del Comune[modifica | modifica wikitesto]

Poche notizie sono pervenute fino ai giorni nostri sulla storia di questo territorio nei secoli antecedenti il XIV comunque, già nel 1234, l'odierno Comune di Cantagallo appariva già dotato di un consolidato apparato amministrativo con la presenza dei consoli, dei consiglieri e del camarlingo comunale i quali concedevano un privilegio dal pagamento del Datio pro Comune a Guerrozzo di Domenico.

Infatti il 2 gennaio 1224, i consoli di Cantagallo intervennero per la risoluzione di una lite fra alcuni uomini dello stesso Comune in merito alla divisione dei diritti su un mulino e il 22 febbraio 1227 i consoli della vicina Torri conclusero una lite fra il monastero di Fontana Taona ed il Comune di Cantagallo per il controllo di alcune terre. I consoli esercitarono "liberam et plenam potestatem ponendi terminos et distinguendi loca predicta".

IL COMUNE E LA SUA COSTITUZIONE

Firenze si era impadronita della zona meridionale del contado pistoiese nel 1329 lasciando a Pistoia e al consiglio cittadino la facoltà di nominare i podestà delle comunità minori. I capitoli del trattato rogato in Firenze da Cambio di michele e Mortello di Jacopo prevedevano l'assoluta riduzione di pistoia alla parte Guelfa e la restituzione di tutti i beni ai suoi componenti; la restituzione reciproca di tutti i prigionieri, la proibizione di accogliere in città i ribelli della chiesa, la pacificazione genenrale oltre che con Firenze, anche con Bologna, Siena, Volterra e S. Miniato, oltre all'obbligo per Pistoia di reggersi in Comune. Sotto l'aspetto territoriale , Pistoia era obbligata a restituire a Firenze, Montemurlo ed il suo territorio, carmignano, Artimino, Castellina, Vitolini e Bacchereto; a Pistoia rimanevano Luicciana in Val di Bisenzio, Lamporecchio, Castra e Conio.

Il 6 giugno successivo, Firenze dispose che gli uomini di Lamporecchio, di castro, di Conio e di Luicciana riconoscessero " I Pistojesi per loro signori quali l'istesso giorno de' 24 maggio per rogito di Ser Andrea di Lapo Notaio, si protestarono di non accettare il capitolo che dice, che i Castelli di Carmignano, Artimino, Vittorino, Castellina e Bacchereto rimanghino a' Fiorentini non intendendo pregiudicarsi per la detta pace alle ragioni e possesso di detti castelli".

Nel 1330 fu disposto che alle varie località della montagna e della pianura pistoiese venisse assegnato un podestà con altro subordinato ministro per governarli. Fra le 36 podesterie istituite figurano Luicciana e Cantagallo. Alla fine del sec. XIV si registrava che la Podesteria di Luicciana fosse dotata di una coorte con la presenza di un Podestà e di un Notaio; tuttavia è probavile che il Podestà di Pistoia si configurasse giudice per tutte le cause che riguardavano i cittadini come anche per quelle di maggiore rilevanza, mentre ai Podestà del contado dovevano spettare competenze limitate, sia in campo civile che in quello criminale.

LO STATUTO DELLA PODESTERIA DI LUICCIANA - CANTAGALLO

Fin dal primo '400 il dominio e conseguentemente il territorio di Firenze era strutturato in una fitta maglia di circoscrizioni periferiche, delle quali i Vicariati costituivano le strutture portanti, suddivisi a loro volta in un numero più o meno alto di circoscrizioni territoriali definite Podesterie.

Lo Statuto di Luicciana datato 1415, configurava l'omonima Podesteria come complesso organico che riunito in se' sia caratteristiche di ente locale, sia funzioni di organo periferico dello Stato amministrativo e giudiziario. La comunità rurale di Luicciana era una delle circoscrizioni amministrative dipendenti dalla Lega del Montale, il cui Podestà era tenuto ad applicare in ciascun territorio circoscrizionale il rispettivo Statuto.

Il più antico documento che rammenta Luicciana risale al 1099: vi si legge della concessione di alcune case ad un locale monastero, poste in territorio di Luicciana.

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Altri luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

Luoghi di divertimento[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]


Residenti stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 172 persone (84 maschi e 88 femmine). Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il Comune di Cantagallo è gemellato con:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat] - Popolazione residente al 31 ottobre 2013.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Toscana Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Toscana