Bilal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bilal (disambigua).
Abū ʿAbd Allāh Bilāl ibn Rabāḥ al-Ḥabashī

Abū ʿAbd Allāh Bilāl ibn Rabāḥ al-Ḥabashī, in arabo: بلال بن رباح, Abū ʿAbd Allāh Bilāl ibn Rabāḥ al-Ḥabashī, l'Abissino, (580 circa – 642 circa), noto col nome di Ibn Ḥamāma, dal nome di sua madre (forse una schiava di Mecca o di Sarat), fu Compagno e il primo muezzin di Maometto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini etiopiche, nacque verso il 580. Era anch’egli schiavo nel clan dei Jumaḥ. Il nome di suo padre era Rabāḥ.

Secondo alcune fonti il padrone era Umayya ibn Khalaf b. Wahb b. Hudhāfa b. Jumaḥ, un ricco mercante pagano, il quale sottopose Bilāl, invano, a grandi tormenti a causa del suo credo islamico, che egli abbracciò fin da giovane. Bilāl per questo fu sottoposto a torture dal suo padrone, che tra le altre cose lo obbligava a stendersi sulla sabbia bollente nell’ora più calda del giorno, gli metteva un macigno sul petto, dicendogli che sarebbe rimasto in quella posizione fino alla morte se non avesse abiurato e testimoniato la sua fede in Allat e al-Uzza: ma le uniche parole che Bilāl pronunciava erano: Aḥad! Aḥad! (un solo [Dio]! Un solo [Dio]!).

Venuto a conoscenza del fatto, Abū Bakr al-Ṣiddīq decise di affrancarlo.

La maggior parte degli studiosi attesta che Ibn Rabāḥ fu scambiato con uno schiavo di Abū Bakr che non si era voluto convertire all’Islam, mentre altri dicono che fu comprato da Abū Bakr per 7-9 ūqiyya d'oro.[1]

Subito dopo essere stato liberato, Abū Bakr incaricò Bilāl di occuparsi delle provviste per i lunghi viaggi. Più tardi Bilāl passerà al servizio di Maometto.

Bilāl seguì il Profeta anche nell’Egira, andando a vivere nella casa di Abū Bakr.

Per indicare il momento d’elezione della preghiera, il Profeta pensò di usare uno strumento a fiato, come facevano gli ebrei; ma optò per uno strumento a percussione. Un Emigrato (ʿAbd Allāh b. Zayd b. Thaʿlaba b. ʿAbd Rabbihi) gli raccontò di aver fatto un sogno, in cui un angelo gli mostrava la via migliore per chiamare i fedeli alla preghiera: la voce, e pronunciò l’adhān. A recitare la formula fu allora chiamato Bilal per la profondità della sua voce.
Bilāl accompagnò il Profeta anche durante la battaglia di Badr, dove uccise il suo vecchio padrone, Umayya b. Khalaf, al grido di: “Possa io morire se continua a vivere!”.

Nel gennaio del 630, presa Mecca, a Bilāl fu chiesto di recitare per la prima volta l’adhān dal tetto della Kaʿba.

Dopo la morte di Maometto si dice che egli diventasse il muezzin di Abū Bakr, ma che abbia declinato l’invito di ʿUmar a svolgere lo stesso compito; ma la maggior parte degli storici ritiene che Bilāl abbia partecipato alle campagne militari in Siria, fino alla morte, e che abbia recitato l’adhān solamente altre due volte. La prima quando ʿUmar visitò Damasco e la seconda quando Bilal si recò a Medina e al-Ḥasan e al-Ḥusayn gli chiesero di lanciare l’appello alla preghiera.

Bilāl morì nel 20 dell’Egira a Damasco, forse di pestilenza, nella gioiosa certezza d’incontrare il Profeta e i suoi compagni già morti.

La sua tomba a Damasco è ancora oggi meta visitatori. Bilal morì senza eredi o discendenti.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il nome "Bilal" è stato usato dal giornalista Fabrizio Gatti per infiltrarsi nel Centro di identificazione ed espulsione di Lampedusa, una vicenda raccontata nell'omonimo libro, Bilal.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Una ūqiyya era un'unità di peso che corrispondeva a circa 23 grammi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lemma «Bilāl b. Rabāḥ» (W. ʿArafat), in: The Encyclopaedia of Islam/Encyclopédie de l’Islam, nuova edizione, Leida, E.J. Brill, 1960-2005.
  • Alfred Guillaume, The life of Muhammad, Oxford, Oxford University Press, 1955 (trad. inglese della al-Sīra al-nabawiyya, "Vita del Profeta" di Ibn Isḥāq).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie