Al-Arqam ibn Abi l-Arqam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Al-Arqam b. Abī l-Arqam (arabo: ﺍلاﺭﻗﻢ ﺑﻦ ﺍﺑﻲ ﺍلاﺭﻗﻢ‎, ricordato talora nelle fonti arabe come Abū ʿAbd Allāh al-Arqam; La Mecca, 595 – 673, 674 o 675) è stato un Sahaba appartenente al clan meccano dei Banu Makhzum.

In un periodo di acuta difficoltà di Maometto, il giovane al-Arqam gli offrì nel 614 la propria abitazione perché potesse riunirsi coi suoi pochissimi seguaci, per poter meglio dibattere della religione che il profeta predicava, lontano dagli occhi degli oppositori e in condizioni di relativa tranquillità.

In questa "Casa di al-Arqam" (Dār al-Arqam ) si convertirono alcuni tra i più importanti musulmani, tra cui ʿUmar b. al-Khattāb.

Al-Arqam fu tra i pochi che presero parte alla cosiddetta "Piccola Egira" in Abissinia del 618. Fu poi a Badr.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]