Khadija bint Khuwaylid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Khadīja (in in arabo: خديجة بنت خويلد), il cui nome è spesso reso in italiano con Cadigia, era figlia di un ricco commerciante di Mecca, appartenente al clan dei Banū ʿAdī, della tribù dei Banū Quraysh. Rimasta vedova due volte, Khadīja mandò da sola avanti, con buona efficienza, l'attività mercantile ereditata, a dimostrazione che il ruolo delle donne nella società preislamica era tutt'altro che relegato a quello di figlie e di mogli, supine al volere dei padri e dei mariti.

Venne presto a sapere delle capacità e dell'onestà del giovane Maometto (che lavorava in piccolo alle dipendenze dello zio-tutore Abū Tālib ibn ʿAbd al-Muṭṭalib) e ne richiese i servigi professionali in veste di fiduciario, rincuorata dal soprannome che gli era normalmente attribuito di al-Amīn (il Fidato).

Dopo un certo numero di viaggi d'affari che portarono Muhammad in Siria e in Yemen, la donna s'innamorò del suo valido sottoposto, più giovane di lei di circa 15 anni (Khadīja ne aveva al momento 40).

L'intatta grande bellezza di Khadīja - rinomata fra gli abitanti di Mecca - ma anche la sua ricchezza convinsero Muhammad all'impegno matrimoniale, trattato per il tramite di un'intermediaria, secondo l'uso consuetudinario.

Col matrimonio Khadīja abbandonò la cura della sua impresa, totalmente affidata da quel momento al marito, dedicandosi alla cura della prole che era riuscita finalmente ad avere grazie al Profeta: due maschi (morti in tenera età) di nome al-Qāsim e, forse, ʿAbd Allāh e quattro femmine (Zaynab, Ruqayya, Umm Kulthūm e Fāṭima).

Condivise per prima in assoluto fra gli esseri umani l'esperienza religiosa del marito quando questi le riferì di essere stato scelto da Dio per la Sua Rivelazione, trasmessagli dall'arcangelo Gabriele (Jibrīl) e lo sostenne psicologicamente allorché Muhammad temette di essere stato vittima dei jinn che potevano invasare l'uomo a loro dispettoso piacimento.

Patì con lui le difficoltà inflitte dai pagani di Mecca all'esiguo gruppo dei musulmani e alla misura di boicottaggio dei Quraysh politeisti (reso tuttavia abbastanza presto inefficace dai troppi vincoli parentali esistenti fra i primi e i secondi).

Morì nel 619, lo stesso anno di morte di Abū Ṭālib, tanto da far parlare le fonti musulmane di "anno del dolore", lasciando nel suo sposo un doloroso vivido ricordo che non si spegnerà mai più e che causerà alle future mogli - e specialmente in ʿĀʾisha bt. Abī Bakr - sentimenti di vivace gelosia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 3836302 LCCN: n82251178