Avilés

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avilés
comune
Avilés – Stemma Avilés – Bandiera
Avilés – Veduta
Dati amministrativi
Stato Spagna Spagna
Comunità autonoma Flag of Asturias.svg Asturie
Provincia Flag of Asturias.svg Asturie
Territorio
Coordinate 43°33′22″N 5°54′30″W / 43.556111°N 5.908333°W43.556111; -5.908333 (Avilés)Coordinate: 43°33′22″N 5°54′30″W / 43.556111°N 5.908333°W43.556111; -5.908333 (Avilés)
Altitudine 0-139 m s.l.m.
Superficie 26,81 km²
Abitanti 84 242 (2009)
Densità 3 142,19 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 33401-03
Fuso orario UTC+1
Targa O
Nome abitanti avilesino/a
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Spagna
Avilés
Avilés – Mappa
Sito istituzionale

Avilés è un comune spagnolo situato nella comunità autonoma delle Asturie. È composto da sei località delle quali il capoluogo è Avilés, posta alla foce della ria (foce a fiordo di un fiume, tipica delle coste galiziane e asturiane) omonima, dista 25 km da Gijon e 27 da Oviedo.

Avilés è una città industriale, secondo porto commerciale per importanza delle Asturie. La sua posizione centrale ne fa un nodo di comunicazioni stradali per la regione e l'Aeroporto delle Asturie dista 14 km dal centro abitato. È pure il più importante porto di pesca della regione.

Il Comune di Avilés ha avuto un notevole incremento demografico alla metà del secolo scorso dovuto all'emigrazione da altre province di Spagna richiamata dal forte sviluppo industriale verificatosi in quegli anni con l'insediamento sulle due rive della ria di numerosi stabilimenti industriali che si sono aggiunti o sostituiti alla preesistente grossa industria siderurgica. Ciò ha portato anche a forme notevoli d'inquinamento sicché Avilés è stata considerata nel 1981 la città di Spagna con il maggior inquinamento atmosferico, seconda in Europa alla sola città polacca di Katowice. Oggi con il recupero ambientale della ria e del centro storico vuole rinforzare la sua caratteristica marinara tradizionale. Oltre che sull'industria, la sua economia attualmente si basa sull'attività commerciale portuale, sull'artigianato, sulla pesca ed anche sul turismo; è infatti dichiarata "zona d'interesse turistico monumentale" grazie al suo centro storico con caratteristiche strade a portici ed edifici monumentali negli stili dal romanico, al gotico, al barocco, al modernista ed alle belle spiagge della "Costa Verde" che la contornano come Salinas a 5 km dal centro, una delle più belle e rinomate località balneari asturiane.

Bandiera di Avilés

Araldica civica[modifica | modifica sorgente]

Lo scudo della città di cui è riprodotta l'immagine rappresenta una nave contrapposta alla catena che congiunge le torri del Oro di Siviglia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

I ritrovamenti archeologici presso la costa indicano che le prime presenze umane di popolazioni iberiche nella zona risalgono al Paleolitico, si hanno anche resti della dominazione romana in una località detta dai romani Avils. I primi documenti storici sulla città risalgono al X secolo nei quali si parla di una località posta allo sbocco al mare del fiume Aviles protetta dal castello di Gauzon costruito da Alfonso III il Magno a difesa del porto e dalle incursioni di pirati. I resti del castello sono tuttora visibili all'entrata del porto di Salinas. In quell'epoca fu il porto di Oviedo ed ebbe il monopolio del commercio del sale. Nel 1285 Alfonso VI di León concesse il Foro, cioè lo statuto comunale che specifica gli obblighi verso la Corona e i privilegi accordati. Iniziò così la tradizionale fedeltà verso la Castiglia che caratterizza tutta la storia di Avilés.

Nel XIX secolo ebbero inizio gli insediamenti industriali che portarono ad incrementare l'attività del porto e, nella turbolenza della vita spagnola nella prima metà del secolo, la città sopportò l'occupazione da parte dei Francesi e e delle truppe carliste del generale Sanz. Alla metà del XX secolo crebbero gli insediamenti industriali generando correnti di emigrazione dal resto della Spagna con notevole incremento della popolazione residente, che raddoppiò nel giro di pochi anni.

Via Galiana
Chiesa di San Nicola di Bari
Camposagrado Palazzo
Fonte e la Cappella Rivero
Ria de Avilés
Giardino alla francese nel Parco Ferrera

Monumenti e luoghi di interesse[modifica | modifica sorgente]

  • Palacio del marques de Camposagrado, del XVII secolo.
  • Palacio de Valdecarzana, gotico del XIV secolo.
  • Palacio del marques de Ferrera, romanico dei secoli XII-XIII.
  • Palacio de Balsera, del 1909.
  • Ayuntamento, del XVII secolo.
  • Casa de Eludio Muñiz, del 1905.
  • Teatro Palacio Valdés, neobarocco del XX secolo.
  • Casa de Ardià de Noceda, del 1883.
  • Casa de Garcia Pumarino, del XVII secolo.
  • Capilla de los Alos, del XIV secolo.
  • Iglesia de los Padres Franciscanos, del XIV secolo.
  • Iglesia de San Nicolàs de Bari, chiesa facente parte del Convento francescano dei secoli XII-XIII.
  • Iglesa Vieja de Sabugo, del XIII secolo.
  • Cemeterio de la Carriona, cimitero in splendida posizione con numerose cappelle e mausolei di pregio architettonico di diverse epoche, giudicato uno dei più belli di Spagna.
  • Centro Culturale Internazionale Oscar Niemeyer inaugurato nel 2011.
Centro Culturale Internazionale Oscar Niemeyer
Piazza Sabugo

Dintorni[modifica | modifica sorgente]

  • A 75 km Luarca, capoluogo del comune di Valdés, porto di pesca e stazione balneare.
  • A 23 km El Pito con il Palacio de Selgas riccamente arredato con arazzi, porcellane, mobili dei secoli XVII-XVIII e una preziosa pinacoteca con opere di Brueghel, El Greco, Rubens, Van Dyck, Goya.
  • A 34 km Cudillero, pittoresco borgo di pescatori della Costa Verde.
  • A 39 km percorrendo una strada con bellissimi panorami sulla costa, Soto de Luiña.

Feste[modifica | modifica sorgente]

Oltre alle feste comuni a tutte le località spagnole come la Cabalgada de los Reyes magos per l'Epifania, le feste di Carnevale e della Settimana Santa, sono caratteristiche di Avilés le feste del Bollo alla domenica e lunedì di Pasqua, dichiarate d'interesse turistico internazionale, in cui migliaia di persone pranzano nelle strade del centro storico con tavole ben apparecchiate. Fra le cibarie è d'obbligo la specialità gastronomica locale detta il bollo mantecato.

Il martedì seguente la settima domenica dopo Pasqua c'è la festa del Pudiero in cui coppie di fidanzati in costume asturiano rompono in pubblico una brocca di ceramica e si scambiano tanti baci quanti sono i pezzi in cui la brocca si è rotta. È un'usanza risalente ad alcuni secoli fa con valore di auspicio di fertilità.

La notte del 24 giugno si tiene la Danza prima de San Juan. danza collettiva di migliaia di persone attorno ad un falò acceso nella piazza di San Giovanni. La notte del 29 giugno c'è la Danza prima de San Pedro che inizia nella piazza di Spagna e si snoda poi lungo le strade del centro fino alla Cappella di San Pedro. Il 15 luglio si hanno le Fiestas del Carmen e la Danza prima del Carmen che inizia col canto della Salve marinera e si snoda per le strade del centro fino a piazza di Spagna. Altra danza collettiva si tiene il 26 luglio con la Danza prima de Santa Ana nella plaza de la Merced.

Nella seconda metà di luglio si svolge il Festival Interceltico de Avilés importante a livello internazionale al quale partecipano diversi gruppi di rappresentanti di comunità celtiche dall'Irlanda, della Galizia, delle Asturie, del Galles, della Scozia e della Bretagna. Durante questo periodo si effettuano diverse manifestazioni culturali e sportive, gare celtiche, canti e danze tipiche, musica con la cetra celtica e concorso di assaggiatori di sidra, sidro di mele tipico delle Asturie che viene bevuto dallo zampillo fatto uscire da un beccuccio del recipiente tradizionale tenuto alto al di sopra della testa.

Ci sono poi le feste patronali delle diverse parrocchie e in particolare quella di San Agustin patrono della città con diverse manifestazioni il 28 agosto. Dal 21 al 27 agosto si celebra anche il Festival de la Cerveza (festival della birra).

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Spagna Portale Spagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Spagna