Yoann Lemoine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Woodkid
Woodkid-Rock im Park 2014- by 2eight DSC0275.jpg
Lemoine al Rock im Park di Norimberga nel 2014
NazionalitàFrancia Francia
GenereMusica contemporanea[1]
Musica elettronica[1]
Pop barocco[2]
Periodo di attività musicale2006 – in attività
Album pubblicati2
Studio2
Sito ufficiale

Yoann Lemoine, noto anche con il nome d'arte di Woodkid (Lione, 16 marzo 1983), è un cantautore, compositore e regista francese.

Dopo aver pubblicato il suo primo EP Iron EP il 28 marzo 2011, ha pubblicato due album in studio: The Golden Age (2013) e S16 (2020).[3]

È noto anche per aver diretto vari videoclip musicali, tra cui Teenage Dream di Katy Perry, Back to December di Taylor Swift, Born to Die di Lana Del Rey e Sign of the Times di Harry Styles.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Avvia la sua carriera studiando animazione all'Emile Cohl School di Lione, ottenendo una laurea a pieni voti.

Nel 2004 si trasferisce a Parigi lavorando temporaneamente presso la H5, per poi collaborare, nel 2006, con Luc Besson nella creazione del film animato Arthur e il popolo dei Minimei e con Sofia Coppola per il film Marie Antoinette[4].

Nel 2010 vince cinque Leoni al Festival internazionale della pubblicità di Cannes per il video Graffiti, sviluppato per la Campagna di sensibilizzazione per la lotta contro l'Aids[5].

Nel 2012 riceve un Award come "miglior regista dell' anno" agli MVPA Awards di Los Angeles.[6]

Come Woodkid[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 gestisce, sotto il nome di Woodkid, un progetto musicale alternativo che ha preso ufficialmente il via con lo sviluppo dell'EP Iron, pubblicato il 28 marzo e pubblicizzato su YouTube con un videoclip diretto dall'artista stesso, in collaborazione con la modella Agyness Deyn[7].

Il brano omonimo dell'album è stato utilizzato come colonna sonora del trailer di lancio di Assassin's Creed: Revelations, e nel film Hitchcock, nonché per la serie TV Teen Wolf.

Il 6 ottobre del 2011, durante una live performance a Bruxelles si esibisce con una cover di Teenage Dream, di Katy Perry. Il 15 ottobre dello stesso anno si esibisce sul palco insieme a Lana Del Rey a New York. Con la cantautrice statunitense collaborerà nella direzione del videoclip della canzone Born to Die. Il 15 novembre del 2012 si esibisce al London Jazz Festival. Per la sua collezione maschile del 2013, A Soldier on My Own, il brand di moda Dior si ispira alle ritmiche di Iron, usando una frase del testo per nominarla. La canzone stessa venne utilizzata come colonna sonora per la sfilata.

The Golden Age (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Woodkid al Melt! Festival di Gräfenhainichen, nel 2013.

Il 15 dicembre del 2012 viene annunciato, via Facebook, lo sviluppo di The Golden Age[8], il primo effettivo album di debutto del progetto Woodkid, anticipato dall'EP Run Boy Run, accompagnato anch'esso da un videoclip diretto dal musicista stesso; inoltre, il brano è stato utilizzato come colonna sonora del trailer di lancio del videogioco Dying Light e fa parte della colonna sonora di Gran Turismo Sport.

Il 14 dicembre, sempre sulla pagina Facebook ufficiale del cantante, viene annunciata la effettiva data di uscita dell'album, prevista per il 18 marzo 2013[9], con i pre-ordini aperti dal 4 febbraio 2013, in concomitanza con l'uscita del singolo I Love You.

Nel 2013, durante il Golden Age tour, Woodkid si esibisce al London Brixton Academy con l'orchestra della BBC, e venne invitato al Montreux Jazz Festival, esibendosi per la seconda volta con la Sinfonietta de Lausanne allo Stravinsky Auditorium.

Nel febbraio del 2014, Woodkid riceve un premio come miglior musicista all'equivalente francese dei Grammy Awards, il Les Victoires de la Musique. Il 29 settembre 2014 il video di lancio della nuova GoPro Hero 4, contiene la traccia Run Boy Run in versione strumentale. Nel 2014, il brano completo, insieme a I Love You viene utilizzato come colonna sonora del film Divergent.

The Golden Age viene utilizzata come colonna sonora del cinematic trailer, che presenta il personaggio di Élise De la Serre, del videogioco Assassin's Creed: Unity.

Nel 2015 vengono pubblicati digitalmente altri singoli, tra cui Volcano, brano in precedenza realizzato solamente per il Golden Edge Live.

S16 (2020)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2020 sono stati pubblicati i singoli Goliath, Pale Yellow e Horizons Into Battlegrounds, successivamente inclusi nel suo secondo album S16, pubblicato il 16 ottobre 2020[10].

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2015 incide interamente la colonna sonora del film Desierto, diretto da Jonás Cuarón, basato sul tema dell'immigrazione. Nel 2016 pubblica con un videoclip, sul suo canale ufficiale di YouTube, il brano Land of All, apripista della colonna sonora nonché unico brano cantato.[11]

Nel luglio 2016 viene pubblicato un nuovo EP in collaborazione con il pianista Nils Frahm, che racchiude la colonna sonora del corto Ellis, diretto dal fotografo francese JR e con attore protagonista Robert De Niro.[12]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – Iron E.P.
  • 2012 – Run Boy Run E.P.
  • 2013 – I Love You E.P.
  • 2015 – Volcano E.P.
  • 2016 – Ellis (con Nils Frahm)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – Iron
  • 2012 – Run Boy Run
  • 2013 – I Love You
  • 2013 – The Golden Age
  • 2015 – Never Let You Down (feat. Lykke Li)
  • 2015 – Volcano
  • 2016 – Land of All
  • 2016 – Winter Morning I (con Nils Frahm)
  • 2018 – L'aérogramme de Los Angeles (con Louis Garrel)
  • 2020 – Goliath
  • 2020 – Pale Yellow
  • 2020 – Horizons Into Battlegrounds

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

  • 2015 – Desierto (Original Motion Picture Score)
  • 2016 – Ellis (con Nils Frahm)

Video[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip per il progetto Woodkid[modifica | modifica wikitesto]

  • 2011 – Iron
  • 2012 – Run Boy Run
  • 2013 – I Love You
  • 2014 – The Golden Age
  • 2015 – Land of All (da Desierto)
  • 2020 – Goliath
  • 2020 – In Your Likeness

Videoclip su commissione[modifica | modifica wikitesto]

Video vari[modifica | modifica wikitesto]

  • 2010 – Graffiti

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 - Festival internazionale della pubblicità di Cannes – ‘Tiji’ – Argento – Miglior Film
  • 2010 - Festival internazionale della pubblicità di Cannes – ‘Aides Graffiti’ – Leone d'Oro (2) – Miglior Film
  • 2010 - Festival internazionale della pubblicità di Cannes – ‘Aides Graffiti’ – Bronzo (2)
  • 2010 - Festival Europeo della Pubblicità – ‘Aides Graffiti’ – Bronzo – Miglior Film

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Jon O'Brien, Woodkid, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ (EN) Chris DeVille, Pharrell – "Happy (Woodkid Sad Remix)" (Stereogum Premiere), su stereogum.com, Stereogum, 26 marzo 2014. URL consultato il 14 aprile 2016.
  3. ^ (EN) Gerry Visco, Woodkid is On Point, Interview Magazine, 29 aprile 2014. URL consultato il 10 dicembre 2018.
  4. ^ Copia archiviata, su web.mac.com. URL consultato il 20 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2011).
  5. ^ Official Website Awards, su yoannlemoine.com, 8 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2011).
  6. ^ MVPA Award winners on VideoStatic, su videostatic.com.
  7. ^ Work with Agyness Deyn, su vogue.it, Vogue, 8 giugno 2011. URL consultato l'8 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2011).
  8. ^ The Golden Age :.... Facebook. Retrieved on 2012-01-22.
  9. ^ WOODKID - The Golden Age - March 18 2013 (album teaser) - YouTube
  10. ^ Pagina Facebook ufficiale dell'artista, su facebook.com. URL consultato il 17 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2020).
  11. ^ WOODKID, Woodkid - Land of All (Official Lyrics Video), 8 aprile 2016. URL consultato il 14 aprile 2016.
  12. ^ WOODKID, Nils Frahm and Woodkid Accompany Robert De Niro in Ellis Trailer: consultato, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90767728 · ISNI (EN0000 0000 6582 3412 · Europeana agent/base/127861 · LCCN (ENno2013116226 · GND (DE1033022411 · BNF (FRcb16097304r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2013116226