Moby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la compagnia di navigazione, vedi Moby Lines.
Moby
Moby nel 2009
Moby nel 2009
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica elettronica[1]
Pop[2][3]
Techno[4]
Dance[1]
Periodo di attività 1986 – in attività
Album pubblicati 19
Studio 18
Raccolte 1
Sito web

Richard Melville Hall, noto come Moby (New York, 11 settembre 1965), è un cantante e compositore statunitense.

Moby a Copenaghen nel 2009

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce da James Hall, professore di chimica, ed Elizabeth McBride Warner, segretaria. È lei che conia lo pseudonimo "Moby", in onore del prozio Herman Melville, autore del celebre romanzo Moby Dick.

Le prime note[modifica | modifica wikitesto]

Nei mesi che seguono la nascita, vive con i genitori in un appartamento di New York. Il padre muore in un incidente automobilistico quando Richard ha solo due anni. Nel 1969, dopo un passaggio attraverso la San Francisco hippie, si trasferisce con la madre dai nonni a Darien (Connecticut).

Nel 1973 frequenta la Royle Grammar School e il suo migliore amico è Robert Downey Jr., oggi attore cinematografico. Nel 1975 comincia a suonare la chitarra. Fonda un gruppo nel 1979, che suona Money dei Pink Floyd e Birthday dei Beatles. Fa parte quindi di un gruppo punk nel 1980, i Vatican Commandos.

Verso la scena techno[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 riceve il suo primo registratore a 4 piste. Nello stesso anno entra all'università del Connecticut, da cui esce l'anno dopo, per lavorare come DJ a New York. Per cinque anni sopravvive, dormendo in hangar e fabbriche abbandonate. Si impone però come DJ al club MARS di New York. Nel 1989, suscita interesse in una nuova etichetta di New York, la Instinct Records, e conosce un primo successo con il gruppo Ultra Vivid Scene, il cui album esce con l'etichetta 4AD.

La star dell'elettronica[modifica | modifica wikitesto]

Incide il suo primo disco Time's Up nel 1990. Le sue performance sceniche contribuiscono positivamente alla sua reputazione. Nel 1991 esce il suo quarto singolo, Go, un inno tecno la cui linea di basso è ispirata allo sceneggiato di David Lynch Twin Peaks. Il successo è immediato: più di un milione di copie vendute fino ad oggi. Nel 1991 pubblica un remix di Chorus (un successo del gruppo inglese Erasure) e un remix di Miserablism dei Pet Shop Boys (contenuta nel CD singolo Was It Worth It?).

Ricade quindi in un relativo anonimato e pubblica numerosi singoli di musica elettronica, a suo nome o con degli pseudonimi vari quali Voodoo Child, Barracuda, UHF, DJ Cake, Lopez e Brainstorm/Mindstorm. Nonostante le sue qualità, il suo album Ambient (1993) passa inosservato. L'album successivo, il primo per la Elektra Records, si intitola Everything Is Wrong (con la partecipazione di Mimi Goese, storica cantante degli Hugo Largo). Uscito nel 1995, ottiene lo stesso scarso successo del precedente, nonostante un'accoglienza favorevole della critica. Il musicista pubblica quindi Animal Rights nel 1996, preceduto dal singolo controverso That's When I Reach for My Revolver. Il ritorno al punk rock disorienta completamente i fan che si aspettavano un disco di musica ambient.

Avvia intanto il progetto Voodoo Child, con cui pubblica The End of Everything (1996). Con lo stesso pseudonimo pubblicherà molti anni più tardi Baby Monkey (2004).

Torna quindi all'elettronica con I Like to Score, una raccolta di composizioni, alcune delle quali vengono poi riprese in alcuni film, come il pezzo God Moving Over the Face of the Water che accompagna la scena finale di Heat di Michael Mann. Nel 1998 la madre muore di cancro.

La consacrazione mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 lascia Elektra Records e firma con la V2 Records. Nel mese di giugno esce Play, che diventa un successo planetario nel 2000 con più di 9 milioni di copie vendute. Nel 2001 suona assieme a quello che era il suo artista preferito in gioventù, David Bowie. Il giorno del suo compleanno assiste attonito agli attentati dell'11 settembre 2001 dal tetto del suo immobile. Qualche mese dopo è al centro di una polemica con il cantante rap Eminem dopo aver bollato la sua musica come misogina e omofoba.

Il 24 febbraio 2002 l'artista partecipa alla cerimonia di chiusura dei XIX Giochi olimpici invernali a Salt Lake City. Il 14 maggio pubblica l'atteso 18, che contiene i singoli di successo We Are All Made of Stars e In This World. Dopo aver partecipato attivamente alla campagna anti-Bush del 2004, torna a lavorare al nuovo album Hotel, uscito il 14 marzo 2005.

Nel 2005 compone la colonna sonora del film animalista Earthlings intitolata 18-21st century dell'album 18 RETAIL.

Nel 2006 fa uscire Go - The Very Best of Moby una raccolta dei suoi migliori brani, accompagnata dall'inedito New York New York cantato da Debbie Harry.

Il disco successivo, annunciato il 4 ottobre 2007 sul suo sito moby.com, si intitola Last Night, è un omaggio alla dance degli anni settanta e ottanta e trae ispirazione dalle dive della disco. Il disco esce il 31 marzo 2008 nel Regno Unito, la pubblicazione negli USA è invece per il 1º aprile 2008. Il primo singolo tratto dall'album è Alice.

Polistrumentista, suona tastiera, chitarra e basso elettrico. Artista impegnato politicamente, ha sostenuto John Kerry alle elezioni presidenziali del 2004. È cristiano e vegano[5][6]. Si è spesso battuto per una fruizione libera della musica, scagliandosi contro le sentenze esemplari volte a punire il download illegale.[7] Abita da più di 10 anni a New York e ha aperto una sala da tè, il TeaNy, ove si reca di frequente.

Nel 2008 lancia Disco Lies con un nuovo video e partecipa al nuovo album della cantante francese Mylène Farmer con la traccia Looking for My Name. Moby aveva già cantato con la Farmer nel 2006 nella traccia del suo best of, Slipping away (Crier la vie).

Nel 2009 esce il nono album in studio della sua carriera, Wait for Me.

Nel 2010 ha collaborato nuovamente con Mylène Farmer, partecipando alla produzione di sette tracce contenute nell'ottavo album della cantante, Bleu noir, pubblicato il 6 dicembre.[8]

Nel 2011 esce il suo decimo album, Destroyed.

Impiegherà un anno intero per la creazione del suo ultimo album, Innocents, uscito il 1º luglio 2013.

Nel 2014 partecipa all'album tributo ai Duran Duran, Making Patterns Rhyme, pubblicato dall'etichetta Manimal Vinyl, con la cover di Rio.[9]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Durante la propria carriera, Moby si è cimentato in innumerevoli stili diversi quali la techno,[4] il pop elettronico,[2] e la musica dance,[1] proponendo talvolta brani più meditativi, come quelli presenti nella sua antologia di inediti Ambient (1993).[10] Egli si ispira a tratti alla disco music e a varianti più pesanti del rock quali il punk e l'heavy metal.[11][12] I testi delle sue canzoni riflettono sovente la sua cultura in ambito filosofico, la sua credenza cristiana e il suo veganismo.[11][12]

Dopo aver pubblicato pressoché techno e musica da club nei primi anni novanta,[4] Moby mostra il suo stile estremamente eterogeneo già a partire da Everything is Wrong (1995), considerato il suo primo vero album solista.[11][12] Questa uscita si caratterizza per la presenza di brani frenetici, ispirati contemporaneamente al metal e alla techno, che si alternano a brani più pacati per tastiera vicini al chillout.[10][13] Con il seguente Animal Rights (1996), l'artista vira in modo più deciso verso il rock alternativo,[11][12] mentre l'album del successo internazionale Play (1999) è considerato il suo primo album compiuto.[14] L'album si esprime con un "linguaggio moderno e al contempo classico",[12] utilizzando un tappeto di ritmi elettronici e arrangiamenti per tastiera che fungono da accompagnamento insieme ai numerosi campionamenti ivi presenti. I brani di Play spaziano dal pop, all'hip-hop, al blues, al gospel, al country[12][14][15] pur non mancando di momenti ritmici e ballabili prettamente ispirati al big beat e alla techno.[4][15][16] 18 (2002) prosegue il percorso tracciato da Play presentando tuttavia più brani riflessivi,[10][13] mentre Hotel (2005) semplifica lo stile dell'artista avvicinandolo al synth pop e, nel secondo cd, alla musica ambient.[10][4] Dopo Last Night (2008), vicino a diverse tendenze della disco music,[17] è ritornato sui passi di Play con lo "statico" Wait for Me (2009),[18] seguito dagli altrettanto malinconici Destroyed (2009)[11] e Innocents (2013).[19]

Con l'alias Voodoo Child, Moby ha pubblicato The End of Everything (1996), un album per sintetizzatore ispirato alla new age e Baby Monkey (2004), un album di musica dance.[4]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Moby.

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Michael Paoletta, Attack of the Growing Niche in Billboard, 21 luglio 2001.
  2. ^ a b Ondarock: Hotel. URL consultato il 5 agosto 2015.
  3. ^ Ondarock: Innocents. URL consultato il 5 agosto 2015.
  4. ^ a b c d e f Moby - Scaruffi.com. URL consultato il 3 agosto 2015.
  5. ^ vegan | moby.com
  6. ^ Moby on being a vegan
  7. ^ Giorgio Pontico. Moby: RIAA deve sparire «Punto-informatico.it», 23 giugno 2009
  8. ^ Mylene.Net - Le site référence sur Mylène Farmer
  9. ^ My Way
  10. ^ a b c d Giuseppe Rausa, Dizionario della musica rock: Europa, USA, Canada e Australia, Bur, 2005, profilo di Moby.
  11. ^ a b c d e (EN) AllMusic: Moby. URL consultato il 5 agosto 2015.
  12. ^ a b c d e f Eddy Cilía, Enciclopedia Rock - '90 (quinto volume), Arcana, 2001, pp. 486-487.
  13. ^ a b (EN) Peter Buckley, The Rough Guide to Rock, Rough Guides, 2003, p. 683.
  14. ^ a b Eddy Cilía, Federico Guglielmi, Rock 500 dischi fondamentali, Giunti, 2002, p. 142.
  15. ^ a b Robert Dimery, 1001 album, Atlante, 2013, p. 847.
  16. ^ (EN) AllMusic: Play. URL consultato il 5 agosto 2015.
  17. ^ (EN) AllMusic: Last Night. URL consultato il 5 agosto 2015.
  18. ^ Moby - Wait For Me :: Le recensioni di OndaRock. URL consultato il 3 aqgosto 2015.
  19. ^ (EN) AllMusic: Innocents. URL consultato il 5 agosto 21015.
  20. ^ Brani e videointervista a Moby da Repubblica.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN6985133 · LCCN: (ENno96031399 · ISNI: (EN0000 0000 7824 3206 · GND: (DE12456481X · BNF: (FRcb13974306f (data)