Violante Beatrice di Baviera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Violante Beatrice Wittelsbach
Violante of Bavaria.jpg
Gran Principessa di Toscana
Stemma
In carica 9 gennaio 1689 – 31 ottobre 1713
Predecessore Margherita Luisa d'Orleans
Successore Anna Maria Francesca di Sassonia-Lauenburg
Governatrice di Siena
In carica 12 aprile 1717 – 30 maggio 1731
Predecessore Francesco Maria de' Medici
Successore Incarico abolito
Altri titoli Duchessa di Baviera
Nascita Castello di Nymphenburg, Monaco, Baviera, 23 gennaio 1673
Morte Palazzo Pitti, Firenze, Toscana, 30 maggio 1731
Luogo di sepoltura Convento di Santa Teresa, Firenze
Dinastia Wittelsbach
Padre Ferdinando Maria, Elettore di Baviera
Madre Enrichetta Adelaide di Savoia
Consorte Ferdinando de' Medici

Violante Beatrice di Baviera (Monaco di Baviera, 23 gennaio 1673Firenze, 30 maggio 1731) è stata la moglie di Ferdinando de' Medici, principe ereditario al trono di Toscana e Governatrice della città di Siena dal 1717 al 1731. Sotto il suo governatorato venne emesso il bando Nuova divisione dei confini delle Contrade del Palio di Siena, ancora oggi in vigore.

Giovinezza a Monaco[modifica | modifica wikitesto]

Violante nacque il 23 gennaio 1673, quarta figlia di Ferdinando Maria di Baviera, duca di Baviera ed Elettore del Sacro Romano Impero, e di Enrichetta Adelaide di Savoia, discendente dal ramo francese dei Borbone e il cui nonno era il Enrico IV di Francia. Rimase presto orfana della madre, all'età di tre anni, e del padre, all'età di sei anni. Ad occuparsi della sua crescita e alla sua educazione fu la baronessa piemontese Federica Simeoni, che la introdusse fin da subito allo studio del liuto e del canto; della lingue straniere quali il francese, il turco e lo spagnolo; del teatro e della poesia, che coltivò fino alla fine dei suoi giorni. Questi anni di giovinezza furono per la piccola principessa fatti di vita all'aria aperta, esercizio fisico, caccia ed equitazione. Attività che non poté più praticare quando, a quindici anni, raggiunge la corte fiorentina, ambiente formale e tradizionalista.

Il periodo fiorentino[modifica | modifica wikitesto]

La scelta e il contratto[modifica | modifica wikitesto]

Nel Granducato di Toscana, negli stessi anni, Cosimo III de' Medici vorrebbe che la propria stirpe proseguisse, ma il figlio, Ferdinando de' Medici, era reticente al matrimonio. Si trovò un compromesso nella possibilità data al giovane di compiere un lungo viaggio a Venezia, in cambio l'erede convolerà a nozze. La prima scelta ricase sull'erede al trono del Portogallo, tuttavia dal sovrano lusitano giunsero così numerose condizioni, tra cui l'annessione della Toscana sotto il regno portoghese, che i Medici ripiegarono su una soluzione meno drastica, ma pur sempre strategica. Il matrimonio con Violante di Baviera, infatti, avrebbe rafforzato i rapporti d'alleanza con i Borbone, in un momento in cui la piccola Toscana era oggetto di mira da parte delle grandi potenze - Regno di Francia, Sacro Romano Impero e Regno d'Inghilterra -, poiché luogo nevralgico al confine con lo Stato Pontificio. Il 24 maggio 1688 venne stilato il contratto di matrimonio tra i due: Violante porterà una dote di 400.000 talleri e, in caso di morte del marito, il Granducato dovrà restituirgliene la metà; inoltre i Medici si impegnarono, in caso di vedovanza, a risarcirla con l'importante somma di 20.000 ungheri, sotto forma di rendite di una città del Granducato da lei amministrabile. Per non turbare gli equilibri della corte fiorentina, Violante potrà portare con sé solo una damigella di compagnia e una ragazza come servitù, mentre la principessa avrebbe preferito al seguito una corte più numerosa.[1]

Le nozze[modifica | modifica wikitesto]

Il calcio fiorentino in piazza Santa Croce a Firenze nel 1688.

Salutata da una Monaco festante con cerimonie e banchetti e dopo un viaggio durato quasi un mese, Violante arrivò alle porte del Granducato, dove però ad accoglierla trovò soltanto il cognato Gian Gastone, essendo Ferdinando ancora impegnato nei suoi viaggi di piacere pre-matrimoniali. Nonostante fosse a Firenze già dal 29 dicembre del 1688, anche il suo ingresso ufficiale venne ritardato di qualche giorno, per permettere alla corte di terminare i preparativi secondo il gusto ricco e fastoso della casa regnante.[2] Il 9 gennaio 1689 si celebrò il solenne matrimonio. Come riportato dalle cronache del tempo, prima della cerimonia Violante sfilò per le strade di Firenze in un corteo seguito dal Granduca, gli ordini superiori dello Stato e i soldati, seduta in uno sfarzoso baldacchino portato da giovani rampolli della nobiltà toscana. La cappella era riccamente adornata, con le più alte istituzioni politiche e clericali riunite e il futuro cardinale Jacopo Antonio Morigia ad officiare la cerimonia; al termine della quale il Granduca pose sul capo della sposa la corona utilizzata per l'incoronazione di Cosimo I. Dopo solenni orazioni, a palazzo Riccardi iniziò il ricevimento, primo festeggiamento di un ricco programma che, in concomitanza col periodo carnevalesco, previde: feste in maschera, banchetti, rappresentazioni teatrali, giostre e una partita di Calcio storico fiorentino organizzata per l'occasione. Celebrazioni alle quali furono dedicati numerosi odi e sonetti, nonché dipinti e medaglie commemorative. Il matrimonio durò diciott'anni, fino a quando, nel 1713, Ferdinando morì per la sifilide contratta durante il viaggio a Venezia. L'unione non era mai stata delle più felici: Ferdinando infatti non aveva mai fatto mistero di essersi sposato solo per compiacere il padre, senza mai prova nulla di profondo per la moglie; da parte sua “questa giovane e gentile, forse per inesperienza e certamente per la sua educazione religiosa, era incapace d esercitare un'attrattiva su suo marito” come scrisse nelle sue lettere Paolo Minucci.[2][3]

La sua corte[modifica | modifica wikitesto]

A Firenze Violante, senza la propria corte, si trovò circondata di soli toscani. Fra questa aristocrazia, ebbero un ruolo importante la senese Vittoria Piccolomini Bichi d'Aragona come Maestra di Camera, Piero Capponi che la servì per venticinque anni scandendo il suo cerimoniale, e Jacopo Guidi come primo segretario sia alla corte fiorentina che nel periodo senese.

Violante costituì una schiera personale, parallela a quella del marito, composta principalmente da giovani paggi e soprattutto giovinette aristocratiche, con le quali stringe strette relazioni dando così all'universo femminile una dimensione di protagonismo all'interno del palazzo granducale. Questi anni a Firenze li trascorre principalmente con loro, attribuendo alle sue dame, come era usanza nelle accademie letterarie da lei frequentate, soprannomi e nomignoli che solo grazie alle composizioni poetiche del canonico Marco Antonio Mozzi Sonetti sopra i Nomi dati ad alcune Dame Fiorentine della Ser. Principessa Violante oggi possiamo associare i soprannomi alle persone.[1]

Crisi dinastica[modifica | modifica wikitesto]

Le speranze di Cosimo III per garantire una discendenza alla famiglia furono tutte riposte nel matrimonio fra Violante e Ferdinando II, ma la sterilità di lei (nonostante i tentativi del granduca per sopperire alla disgrazia con pubbliche funzioni religiose, che suscitarono solo il ludibrio del popolo), oltre che la sifilide di lui, delusero tali aspettative. Il granduca non poteva infatti contare sugli altri figli, in quanto Gian Gastone si rivelò impotente e omosessuale; mentre Anna Maria Luisa, data in sposa ad un Elettore del Palatinato, aveva già abortito due volte. In un estremo tentativo, nel 1709, ormai alla soglia dei cinquant'anni e malato, il fratello di Cosimo III, Francesco Maria, venne prosciolto dai voti di cardinale e fatto sposare con una giovane Gonzaga; ma la sposa non nascondeva la repulsione per il marito malandato e anche questo matrimonio non dà eredi. A nulla valgono pertanto gli sforzi di Cosimo III per perpetuare la dinastia e mantenere l'indipendenza del Granducato di Toscana, sempre più ambito da altre potenze europee più grandi e solide.[1]

La morte di Ferdinando[modifica | modifica wikitesto]

Col passare del tempo la salute di Ferdinando peggiorò in modo drammatico: la sifilide lo stava consumando, il fisico era sempre più debilitato e gli attacchi epilettici sempre più ricorrenti; numerosi luminari italiani e stranieri cercano invano di curarlo, fino alla morte che sopraggiunse il 30 ottobre 1713. Sebbene Violante avesse intenzione di tornare in Baviera dopo la morte del marito, Cosimo glielo impedì, non volendo pagare come da contratto, viste le scarse risorse economiche, quanto pattuito in termini di beni dotali. Si prospetta allora per Violante un nuovo scenario politico: il Governatorato della città di Siena, rimasto da poco vacante per la scomparsa di suo cognato Francesco Maria. Violante accetta pattuendo da subito con Cosimo l'entità dei suoi guadagni e la possibilità di portarsi la sua corte personale. La scelta di Violante fu vista dal ceto dirigente senese di buon occhio, sia perché, mancando da qualche tempo il governatore, la Consulta a lui sostituita non riusciva a sopperire con costanza ai suoi doveri, sia perché un governatore proveniente dalla famiglia granducale significava maggiore peso politico e giuridico per la città;[1] tanto di buon occhio che un sacerdote senese scrisse in una sua lettera: “Violante è per Siena come la benefica pioggia che, nel maggio 1716, aveva allontanato dalle campagne lo spettro della siccità e, quindi, della carestia”.[4]

Il governatorato di Siena[modifica | modifica wikitesto]

L'arrivo in città[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia commemorativa di Violante di Baviera

Violante da subito dimostra il suo pragmatismo e la sua sobrietà: prima ancora di fare il suo ingresso a Siena, fa sapere, tramite una lettera inviata alla Balìa l'8 aprile, di non gradire al suo arrivo nella città un'accoglienza carnevalesca e sfarzosa da parte del popolo, bensì che “fossero osservate tutte le buone costituzioni per la prammatica del vestire”.

La solennità e l'importanza dell'evento portarono però i senesi a non voler rischiare brutte figure: lunedì 12 aprile 1717 ad accogliere la principessa, nonostante le sue richieste, vi furono uno stuolo di dame alla guida di un corteo composto da tutti i membri della Balìa e dall'aristocrazia senese al gran completo. Violante venne scortata su una sfarzosa carrozza trainata da dodici cavalli, in mezzo a due ali di popolo festante, fino a Porta di Camollia, attesa dalle Contrade con le loro bandiere (in segno di coinvolgimento di tutta la città), fuochi d'artificio, madrigali e carri allegorici. Da fonte Gaia venne fatto sgorgare vino al posto dell'acqua, la Torre del Mangia rintoccò e un'orchestra venne fatta suonare per l'occasione. Dopo aver reso simbolicamente omaggio alle istituzioni passando davanti al Palazzo Comunale, il corteo si mosse in direzione del Duomo, dove erano in attesa l'Arcivescovo e il Rettore dell'Opera del Duomo. Qui viene recitato il Te Deum e, subito dopo, Violante si raccolse silenziosamente in preghiera davanti alla Madonna del Voto, immagine venerata da tutto il popolo sin dal 1267 in onore della Battaglia di Montaperti (1260) e rimasta poi punto di riferimento della città in tutte le emergenze storiche, come le aggressioni subite in occasione della Battaglia di Camollia e della Guerra di Siena o per scongiurare l'arrivo della peste del 1630[5].

Così facendo la nuova governatrice volle manifestare pubblicamente la propria adesione ai canoni della religiosità civica, in modo da mostrare le sue buone intenzioni alla cittadinanza intera. Gli impegni e i saluti istituzionali proseguirono nei giorni successivi, durante i quali Violante concedette udienza a tutti i rappresentanti locali (politici, aristocratici, religiosi, intellettuali).[1] Inoltre per l'occasione viene organizzato un Palio straordinario con l'allora consueta sfilata dei carri allegorici.[5]

Strutture di potere[modifica | modifica wikitesto]

Siena, insieme alla figura del governatore, era presieduta da magistrature vecchie e nuove: Auditore generale, Auditore fiscale, Depositario, Segretario delle leggi, Capitano di Giustizia, il Consiglio Grande, il Concistoro. Con il passaggio dalla Repubblica al Ducato di Siena, inserito poi all'interno dello Stato granducale mediceo insieme al Ducato di Firenze, le decisioni importanti rimasero di spettanza della Balìa, storica magistratura ordinaria composta da venti membri scelti dal Granduca in carica per un anno. Anche la Consulta, organismo vicario temporaneo operante in caso di assenza del Governatore, conquistò sempre più potere, diventando uno degli apparati più solidi anche dopo l'arrivo di Violante: quest'ultima infatti, non sciogliendo la Consulta, risultò di fatto una coordinatrice dell'attività dei ministri. Tuttavia, pur lasciando ad essa gran parte dei poteri, la principessa si assunse deleghe e impegni mai spettanti finora ad un Governatore: la sua giurisdizione andò a comprendere gli affari della comunità del contado; alcune nomine, per le quali attua una rigida e attenta scelta; e l'ascolto quotidiano delle suppliche del popolo.

Violante si dimostrò una solerte guardiana delle procedure istituzionali, senza rinunciare in caso di bisogno a chiedere consigli al suocero Cosimo in persona. Così facendo bilanciò equamente sia gli interessi dello Stato granducale sia l'autonomia locale senese, specialmente in un periodo in cui nel ceto elitario, detentore del potere, è in atto una ridefinizione non semplice da gestire. Violante approvò la proposta innovativa che prevedeva la nomina nobiliare anche per quei cittadini che, seppur provvisti dei requisiti, non avevano mai fatto parte, né loro né i loro familiari, della Signoria, andando a forzare così il rigido conservatorismo delle istituzioni senesi. Nonostante questa forte presa di posizione, si destreggiò abilmente fra le due ali, vecchia e nuova, riuscendo a mantenerne l'equilibrio, grazie alla consapevolezza che entrambe nutrivano l'ambizione di inserire la propria città in un contesto internazionale. La corte venne scelta in modo da distribuire equamente le cariche fra tutte le famiglie più importanti e i vari Terzi di residenza, confermando così la volontà della Governatrice di creare una struttura governativa precisa e bilanciata.[1]

La regolamentazione del Palio[modifica | modifica wikitesto]

Violante si appassionò fin da subito alle vicende cittadine, riconoscendo nelle contrade non un semplice aspetto pittoresco della città, ma dei veri e propri organi istituzionali. A tal proposito, acconsentì senza riserva alla richiesta della Balìa di istituire un regolamento delle corse del Palio, diventate un appuntamento importante al punto di essere ripetuto anche nel mese di agosto fin dai primi anni del secolo: è il 16 maggio 1721 quando il collegio di Balia emise il Bando che ancora adesso, seppur con l'aggiunta di modifiche, costituisce l'attuale regolamento del Palio. Redatto in 16 punti, sostituisce le norme anacronistiche proposte dal precedente Governatore Francesco Maria de' Medici, introducendo importanti novità fra cui: il limite di dieci contrade partecipanti ad ogni Palio previa estrazione a sorte; gli orari da rispettare; la normativa del corteo storico che precede la corsa; la vittoria assegnata al cavallo che, compiuti i tre giri, arriva primo al palco dei giudici; il comportamento, l'abbigliamento, il compenso del fantino e l'uso del nerbo; infine, vennero stabilite importanti regole sull'ordine pubblico a fine corsa.[1][6][7]

Il bando sui confini delle contrade[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di regolamentazione del mondo contradaiolo continuò in quegli anni, grazie ad un ulteriore Bando che sancì in via definitiva il territorio di ogni contrada, riconosciuta come ente avente specifici diritti sulla porzione di città assegnata. La necessità di questa puntualizzazione scritta derivò da un caso sorto nel 1718: la Contrada dell'Aquila, seppur sparita dalla scena paliesca da diverso tempo, al punto che il suo territorio era ormai stato spartito fra le contrade limitrofe, chiese di prender parte alle corse, suscitando il disappunto delle consorelle. La sua insistenza è tale che, nel 1719, le viene concesso di correre il Palio di luglio, di cui risultò vincitrice. Per non rischiare di creare un precedente, Violante chiese alla Balìa di occuparsi del caso e trovare una soluzione: qualche anno più tardi, nel 1729, dopo una spinta decisa da parte del popolo stesso delle contrade che rivendicava una maggiore autonomia, venne emanato il famoso Bando sulla Nuova divisione dei confini delle Contrade, il quale stabilì che le Contrade siano diciassette (impedendo dunque una possibile riabilitazione di quelle soppresse, o la creazione di nuove), e il numero di abitanti per ognuna, in un tentativo di redistribuzione più equa. Con tale Bando, messo a stampa l'anno successivo in modo che chiunque potesse prenderne visione, venne conseguentemente stabilito in quali strade e quali case ogni contrada potesse chiedere la questua.[6]

Gli ultimi anni di vita[modifica | modifica wikitesto]

I soggiorni a Firenze[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene i propositi fossero stati dei migliori e la nobiltà senese avesse creduto fortemente nello Stato Nuovo di Violante, le aspettative furono ridimensionate dalla delusione per un mancato, profondo cambiamento, che prevalse nel giudizio complessivo sulla sovrana. Violante infatti, pur attenta alle esigenze del popolo e collaborativa con le alte cariche dell'aristocrazia, passò la maggior parte del suo governatorato lontana dalle mura di Siena, rendendo troppo impegnativo per i magistrati senesi trattare da soli tutti gli affari, che prevedevano la sua approvazione e quindi l'obbligo di raggiungerla continuamente nei suoi spostamenti. Più di una ragione spinse Violante a vivere lontana da Siena: sia motivi futili, come il clima migliore nella sua amata residenza a Villa Lappeggi, vicino a Firenze, dove la sua corte era ancora riunita (“domani sera mi porterò a Lappeggi per godere un poca d'aria di campagna” scrive il 23 maggio del 1719); a quelli più strettamente politici e di salute. La corte fiorentina continuò ad essere per lei punto di riferimento e la speranza, vista nella morte di Cosimo III e nella mancanza di eredi di Gian Gastone, di una possibile successione, essendo la dinastia dei Medici ormai prossima al tramonto.

Con la sua condotta morale e il suo forte senso religioso cercò di arginare la sregolatezza di Gian Gastone e l'immagine pubblica ormai compromessa del Granducato. Inoltre, i buoni rapporti con il Pontefice la portarono spesso a Roma, accrescendo in lei il desiderio di vedere un giorno la corona toscana nelle mani della casa di Baviera. Secondo un'attenta stima di Giovanni Antonio Pecci, in quattordici anni di governo senese la Governatrice raccolse, sommando tutte le sue presenze nella città, appena due anni e mezzo di permanenza a Siena, dove la sua ultima apparizione avvenne il 2 febbraio del 1728.[1]

I soggiorni a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Se Firenze e la sua corte furono il punto di riferimento politico, oltre che di rifugio durante il suo governatorato a Siena, Roma non fu da meno, specialmente nella seconda metà degli anni Venti. Confortata da un'incrollabile fede religiosa, la principessa a partire dal 1725 fu spesso ospite a Palazzo Madama, anno in cui giunse a Roma per il solenne Giubileo, proprio come venticinque anni prima aveva fatto Cosimo III. Quest'atto, oltre a esser mosso dal sincero zelo religioso della principessa, rappresenta anche una continuità con l'operato del suocero nel saldare il rapporto fra trono e fede.

Anche l'arrivo nella città dei papi del 21 marzo, similmente a quello senese, viene riportato dal “gazzettiere” romano Francesco Valesio come un ingresso trionfale, accompagnato da un lungo corteo.[1] I suoi numerosi soggiorni a Roma la vedono sempre occupata tra impegni e cerimonie religiose (come la consacrazione del nipote ad Arcivescovo), eventi culturali (da lei amata la musica e la poesia) nonché eventi mondani per i quali a volte viene persino “chiacchierata”. L'11 gennaio 1728 entra a far parte della Compagnia di San Giovanni Decollato, gesto per il quale Papa Benedetto XIII decide di insignirla nello stesso anno con la Rosa d'oro, riconoscimento riservato a pochi in onore della virtù e del sostegno alla causa religiosa.

Ritratti di Violante di Baviera

L'impegno sociale e culturale[modifica | modifica wikitesto]

Donna devota e di profondo zelo religioso, ama raccogliersi in preghiera e meditazione, fuggendo spesso da un mondo di corte sempre più falso e soffocante; al tempo stesso, però, sempre in nome della sua fede si occupa di attività caritatevoli: visita i sudditi malati (come ricorda per esempio una lapide affissa in Via di Pantaneto), aiuta economicamente i bisognosi, offre istruzione e riparo a contadine e orfanelle.[8] Coltiva una grande passione per lo studio delle lingue (ne saprà parlare perfettamente quattro), ma, soprattutto, per la poesia e per il teatro: a lei spesso vengono dedicate delle rappresentazioni (come “Il greco in Troia”, nel giorno delle sue nozze, oppure “Il figlio delle Selve” di Carlo Sigismondi Capece, in onore della nascita dell'Accademia femminile del Cimento). Nella composizione si cimenta lei stessa, ma con scarsi risultati, preferendone la lettura e l'ascolto.

A palazzo, si contorna di poeti, fra i quali spicca il senese Bernardino Perfetti, che diventa suo protetto. La stima per il Senese è tale che Violante insiste perché il Papa gli conceda la Laurea solenne in Campidoglio (l'ultimo a cui era stata assegnata era Petrarca); Papa Benedetto XIII gliela concesse, data la profonda amicizia che lo legava alla mecenate, ma l'evento fu motivo di aspre critiche da parte degli altri letterati. L'interesse di Violante per la cultura e le lettere non si esaurisce solamente con poeti e letture, ma andando ben oltre la commissione: fonda infatti la già citata Accademia Femminile del Cimento, in opposizione alla corrispettiva maschile e all'Accademia degli Affiliati di Pescia, mantiene stretti rapporti con l'Accademia degli Intronati di Siena (la più antica accademia del mondo), della quale viene nominata “invittissima e magnanima Protettrice”, oltre che concedere favori alle altre importanti Accademie senesi dei Rozzi e del Casin de Nobili.

Inoltre, si rivelò fine intenditrice di pittura, si circondò di artisti, come il pittore e ceramista Ferdinando Maria Campani che per lei realizzò piatti in maiolica con decori tardo barocchi. È stata anche protettrice di uomini di scienza, dal medico personale Mariano Crescenzio Vaselli, che consiglierà come medico di corte dei Savoia, a Bernardo Santucci, diventato poi medico personale del re Giovanni V del Portogallo. Non sorprende quindi che molti tra letterati, poeti, musicisti e pittori le abbiano dedicato alcune tra le loro opere d'arte, non solo come gesto all'epoca consueto per impetrarsi favori e protezione, ma anche come sincero riconoscimento della sua statura intellettuale.[1]

La malattia e la morte[modifica | modifica wikitesto]

Sul finire degli anni Venti la salute di Violante, da sempre cagionevole, peggiora. Nel 1731 le notizie relative alle sue condizioni di salute vengono accolte a Siena con freddezza: le chiese espongono reliquie e icone sacre davanti cui raccogliersi in preghiera, ma i sudditi restano indifferenti. Alle 6 del mattino del 30 maggio 1731, Violante muore a Firenze. Il popolo senese le concede un formale cordoglio, occupato da altri eventi quali l'inaugurazione della nuova sala del Teatro dei Rozzi, il passaggio da Siena del Cardinale Aldobrandini e quello dell'ambasciatore veneto spodestato. La città che l'aveva osannata al suo arrivo, stufa del suo lungo assenteismo, la congeda con freddezza e indifferenza.

Per sua stessa volontà testamentaria, la sua salma non viene seppellita nel pantheon della famiglia Medici in San Lorenzo, ma tumulata nella cripta della chiesa di Santa Teresa nel convento delle Carmelitane Scalze, dove era solita recarsi per i suoi ritiri spirituali. Sempre per sua volontà, il cuore invece viene estratto e deposto ai piedi del defunto marito Ferdinando.[9] In epoca napoleonica, la salma verrà ricomposta in San Lorenzo, ma solo per un breve periodo: il 26 febbraio 1858, riformatosi in Toscana il Granducato, il corpo verrà nuovamente spostato in Santa Teresa e il cuore rimesso nella tomba del marito, rispettando così le sue volontà testamentarie.[1]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Rosa d'Oro - nastrino per uniforme ordinaria Rosa d'Oro
— 1726

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k Balestracci Duccio, VIOLANTE BEATRICE GRAN PRINCIPESSA DI BAVIERA, Siena, Protagon Editori, 2010.
  2. ^ a b Calvi Giulia - Spinelli Riccardo, Le donne Medici nel sistema europeo delle corti, Tomo I, Firenze, Polistampa, 2008, pp. 433 - 451.
  3. ^ Acton Harold, Gli ultimi Medici, Torino, Einaudi, 1962, pp. 166 - 175.
  4. ^ Savelli Aurora, Le donne Medici nel sistema europeo delle corti, Tomo I, Firenze, Polistampa, 2008, pp. 327 - 341.
  5. ^ a b Ranuccio Bianchi Bandinelli, Siena e la Principessa Violante nel tramonto dei Medici, Ristampa de Veridico Ragguaglio, Roma, Elefante, 1973.
  6. ^ a b Martinelli Roberto, Palio e disposizioni normative (PDF), in Sunto.
  7. ^ www.ilpalio.siena.it, ilpalio.siena.it.
  8. ^ Nunzio Di Paola, relatore Mario Ascheri, Il Comune di Siena a il governo mediceo al tempo di Violante di Baviera (1717 - 1731), Siena, 2001.
  9. ^ Gaetano Cambiagi, printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_ge_summary_r&cad=0#v=onepage&q&f=false L'antiquario fiorentino: osia, Guida per osservar con metodo le cose notabili della città di Firenze , G. Cambiagi, 1781. URL consultato il 16 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran principessa di Toscana Successore Bandiera del granducato di Toscana (1562-1737 ).png
Margherita Luisa d'Orleans 16891713 Anna Maria Francesca di Sassonia-Lauenburg
Predecessore Governatrice di Siena Successore Siena-Stemma.png
Francesco Maria de' Medici 17171731 Incarico abolito
Controllo di autorità VIAF: (EN40216872 · LCCN: (ENno2011013801 · GND: (DE120734435 · BNF: (FRcb16523646z (data) · BAV: ADV12423313 · CERL: cnp00561765
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie