Vicente Fox

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vicente Fox
Vicente Fox en 2016 (cropped).jpg

55º Presidente del Messico
Durata mandato 1º dicembre 2000 –
30 novembre 2006
Predecessore Ernesto Zedillo
Successore Felipe Calderón

Governatore del Guanajuato
Durata mandato 25 settembre 1995 –
25 settembre 1999
Predecessore Carlos Medina Plascencia
Successore Ramón Martín Huerta

Dati generali
Partito politico Indipendente (dal 2013)
Partito Azione Nazionale (1987-2013)
Università Harvard Business School
Firma Firma di Vicente Fox

Vicente Fox Quesada (Città del Messico, 2 luglio 1942) è un politico messicano, ex presidente del Messico.

Come vincitore delle elezioni presidenziali del 2000, come candidato del Partito Azione Nazionale (PAN), è stato il primo presidente del Messico proveniente da un partito politico di opposizione dai tempi di Francisco Madero nel 1910.

Come presidente, seguì principalmente le politiche economiche neoliberiste che i suoi predecessori del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) avevano adottato dalla fine degli anni '80.[1] La prima metà della sua amministrazione vide un nuovo cambiamento del governo federale a destra, forti relazioni con gli Stati Uniti d'America e George W. Bush,[2] il fallimento dei tentativi di applicare un'imposta sul valore aggiunto sui farmaci,[3] di costruire un aeroporto a Texcoco,[4] e un grave conflitto diplomatico con il leader cubano Fidel Castro.[5]

La seconda metà della sua amministrazione fu segnata dal suo conflitto con Andrés Manuel López Obrador, allora capo del governo di Città del Messico. L'amministrazione PAN e l'amministrazione Fox hanno tentato senza successo di rimuovere López Obrador dall'incarico e di impedirgli di partecipare alle elezioni presidenziali del 2006. L'amministrazione Fox ha avuto anche conflitti diplomatici con Venezuela e Bolivia dopo aver sostenuto la creazione della Zona di libero scambio delle Americhe, a cui si sono opposti questi due paesi. Il suo ultimo anno in carica ha supervisionato le controverse elezioni del 2006, in cui il candidato del PAN Felipe Calderón è stato dichiarato vincitore con un margine molto stretto sul suo avversario López Obrador, che ha sostenuto che le elezioni sono state manipolate e ha rifiutato di riconoscere i risultati, facendo proteste in tutto il paese. Nello stesso anno, lo stato meridionale di Oaxaca è stato teatro di uno sciopero degli insegnanti che è culminato in proteste e violenti scontri in cui chiedevano le dimissioni del governatore Ulises Ruiz Ortiz.[6]

D'altra parte, a Fox è stato riconosciuto il merito di aver mantenuto la crescita economica durante la sua amministrazione e di aver ridotto il tasso di povertà dal 43,7% nel 2000 al 35,6% nel 2006.[7] Ha creato il Procuratore speciale per i movimenti sociali e politici del passato (FEMOSPP) con il compito di indagare su crimini e violazioni dei diritti umani commessi dai governi precedenti, in particolare la guerra sporca in Messico tra gli anni '60 e '80 del secolo scorso.

Dopo essere stato presidente del Messico per sei anni, Fox è tornato nel suo Stato di origine: Guanajuato, dove ora risiede con la moglie e la famiglia. Da quando ha lasciato la presidenza, Fox è stato coinvolto in discorsi pubblici e nello sviluppo del Centro Studi, Biblioteca e Museo Vicente Fox.[8]

Nel 2013, Fox ha finalmente deciso di lasciare il Partito Azione Nazionale, dopo aver sostenuto il candidato presidenziale del PRI, Enrique Peña Nieto, l'anno precedente.[9] Ha fatto lo stesso con il suo rispettivo candidato, José Antonio Meade Kuribreña, nel 2018.[10] Lo stesso anno, Fox si unì al consiglio degli High Times.[11]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Città del Messico nel 1942, secondo di nove figli. Il padre era il messicano José Luis Fox Pont mentre la madre era Mercedes Quesada Etxaide, immigrata basca, Spagna. Il nonno paterno era Louis Fuchs, nato a Cincinnati, Ohio, e figlio di due immigrati tedeschi cattolici, Louis Fuchs e Catherina Elisabetha Flach, di Strasburgo oggi in Francia. Il cognome "Fuchs" venne anglicizzato in "Fox" attorno al 1870.

Fox ha trascorso la sua infanzia e adolescenza nel ranch di famiglia a San Francisco del Rincón, a Guanajuato. Ha trascorso un anno al Campion High School di Prairie du Chien, Wisconsin, dove ha imparato l'inglese.[12] Una volta raggiunta l'età del college, Fox si è trasferito a Città del Messico per frequentare l'Università Iberoamericana e nel 1964 si è laureato in economia aziendale. Successivamente, nel 1974, Fox si è specializzato in competenze manageriali alla Harvard Business School.[13][14][15]

Attività professionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964 Fox è stato assunto dalla Coca-Cola Company come supervisore del percorso per le consegne, guidando anche un camion. Ha fatto carriera e dopo nove anni è diventato presidente e amministratore delegato della Coca-Cola in Messico. Dopo sei anni in questo ruolo, gli è stato offerto l'incarico di guidare tutte le operazioni della Coca-Cola in America Latina, ma Fox ha declinato e successivamente si dimesso dalla Coca-Cola nel 1979.[16] Durante la guida di Fox della Coca-Cola Mexico, la bibita è diventata la più venduta nel paese con un aumento delle vendite di quasi il 50%.[17]

Dopo essersi ritirato dalla Coca-Cola, Fox ha iniziato a partecipare a varie attività pubbliche a Guanajuato, dove ha creato il "Patronato de la Casa Cuna Amigo Daniel", un orfanotrofio. Era anche presidente del Patronato Loyola, sponsor del campus di León dell'Universidad Iberoamericana e del Lux Institute.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Con il sostegno di Manuel Clouthier, Vicente Fox entra nel Partito Azione Nazionale il 1º marzo 1988. Nello stesso anno è eletto alla Camera dei deputati federale, in rappresentanza del Terzo Distretto Federale di León, Guanajuato.

Nel 1991 Fox ha tentato di essere eletto governatore di Guanajuato, ma ha perso le elezioni con Ramón Aguirre Velázquez del Partito Rivoluzionario Istituzionale. In seguito alle elezioni, il malcontento locale è stato così grande da indurre il congresso statale a nominare Carlos Medina Plascencia del PAN nel ruolo di governatore ad interim.[18] Quattro anni più tardi Fox ha provato di nuovo, questa volta vincendo con un voto da 2 a 1. Come governatore, Fox ha promosso l'efficienza e la trasparenza del governo, uno dei primi governatori statali del Messico a fornire un resoconto chiaro, pubblico e tempestivo delle finanze dello stato.[19] Fox ha anche aiutato il consolidamento delle piccole imprese, promuovendo le vendite all'estero di beni prodotti a Guanajuato e creando un ampio sistema di piccoli prestiti per consentire ai poveri di aprire un "changaro" (un piccolo negozio) e acquistare un'auto e una televisione.[20] Sotto Fox, Guanajuato è diventata la quinta economia statale messicana più importante.[19]

Presidente del Messico[modifica | modifica wikitesto]

Vincente Fox con il presidente degli Stati Uniti George W. Bush e il primo ministro del Canada Paul Martin il 23 marzo 2005, presso il Bill Daniels Activity Centre presso la Baylor University di Waco, in Texas.

È stato eletto Presidente del Messico il 1º dicembre 2000 dopo più di sessant'anni di Governo del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) ed è stato in carica fino al 1º dicembre 2006. Esponente del Partito Azione Nazionale (PAN), è stato presidente della divisione latino-americana della Coca-Cola.

Post-presidenza[modifica | modifica wikitesto]

L'ex presidente del Messico, Vicente Fox, parla con i partecipanti alla terza conferenza ed esposizione annuale sulla cannabis del sud-ovest al Phoenix Convention Center di Phoenix, in Arizona nel 2017.

Dopo aver lasciato la presidenza, Fox promise di istituire un centro studi, una biblioteca e un museo vicino al suo ranch a San Cristobal, Guanajuato. Prometteva anche di combattere in tutta l'America per la democrazia e la fine del populismo.

Nelle interviste con le reti statunitensi CNN e FOX, ha difeso il suo governo, anche se ha ricevuto critiche dai conservatori statunitensi sul problema della migrazione messicana e ha anche confrontato Donald Trump con Hitler nel 2017.[21]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1969 Fox si è sposato con Lilian de la Concha, receptionist della Coca-Cola.[22] Hanno avuto quattro figli: Ana Cristina, Vicente, Paulina e Rodrigo.[23] Nel 1990, dopo 20 anni di matrimonio, Lilian ha chiesto e ottenuto il divorzio.

Fox si è risposato il 2 luglio 2001, quando già da sei mesi era Presidente del Messico, con Marta María Sahagún Jiménez, fino ad allora suo portavoce ed anche lei al secondo matrimonio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze messicane[modifica | modifica wikitesto]

Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine dell'Aquila Azteca
— 1º dicembre 2000

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce Onorario dell'Ordine di San Michele e San Giorgio (Regno Unito)
— 2002
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 8 novembre 2002[24]
Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Serafini (Svezia)
— 22 ottobre 2002
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica di Polonia (Polonia)
— 2004
Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Stella dell'Ordine al Merito della Repubblica Austriaca (Austria)
— 2005
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Vytautas il Grande (Lituania)
— 14 gennaio 2002

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Manuel Pastor Jr., The Lost Sexenio: Vicente Fox and the New Politics of Economic Reform in Mexico, p. 136.
  2. ^ Marcela Sanchez, Con Estados Unidos a una sana distancia, washingtonpost.com, 3 marzo 2006. URL consultato il 6 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Vicente Fox's rocky first year as president of Mexico, su San Diego Union-Tribune, 13 dicembre 2001. URL consultato il 20 agosto 2019.
  4. ^ (ES) La Jornada Virtu@l, su www.jornada.com.mx. URL consultato il 20 agosto 2019.
  5. ^ (EN) Cuba - Castaneda - Mexico - Castro - Worldpress.org, su www.worldpress.org. URL consultato il 20 agosto 2019.
  6. ^ Teaching Rebellion: Stories from the Grassroots Mobilization in Oaxaca, Diana Denham and the C.A.S.A. Collective.
  7. ^ (ES) Solidaridad, Oportunidades y Prospera no disminuyeron la pobreza, su www.milenio.com. URL consultato il 20 agosto 2019.
  8. ^ (ES) Centro Fox, Centro Fox - Promoviendo liderazgo, despertando vocaciones, su contenidos.centrofox.org.mx. URL consultato il 20 agosto 2019.
  9. ^ (ES) PAN da carpetazo a expulsión de Fox, su El Universal. URL consultato il 20 agosto 2019.
  10. ^ (ES) Fox reitera su apoyo a Meade y afirma que no respaldará a Anaya - Proceso, su proceso.com.mx, 8 aprile 2018. URL consultato il 20 agosto 2019.
  11. ^ (ES) AP, Vicente Fox se une a la directiva de la revista High Times, su El Economista. URL consultato il 20 agosto 2019.
  12. ^ (EN) Vicente Fox Quesada e Rob Allyn, Revolution of Hope: The Life, Faith, and Dreams of a Mexican President, in Viking, 2007, p. 47, ISBN 978-0-670-01839-0.
  13. ^ (EN) Vicente Fox, su clubmadrid.org. URL consultato il 27 giugno 2010 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2010).
  14. ^ (EN) Several articles about Mexican President Vicente..., in chicagotribune.com. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  15. ^ (EN) Fox a self-made man known for tart tongue, su bostonherald.com, 8 gennaio 2017. URL consultato il 4 febbraio 2019.
  16. ^ (EN) Andrew Reding, The Next Mexican Revolution, in World Policy Journal, vol. 13, 1996, p. 63.
  17. ^ (EN) Kate Milner, Profile: Vicente Fox, in BBC, 3 giugno 2000. URL consultato il 4 giugno 2007.
  18. ^ (EN) Vicente Fox: President Elect of Mexico, su elbalero.gob.mx, 2000. URL consultato il 4 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2007).
  19. ^ a b (EN) Biography of Vicente Fox, in United Nations, 18 settembre 2012. URL consultato il 20 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2012).
  20. ^ (EN) John Ross, Fox, Inc., takes over Mexico, in globalpolicy.org, marzo 2001. URL consultato l'8 luglio 2017.
  21. ^ (EN) Two former Mexican presidents compare Donald Trump to Hitler
  22. ^ (ES) 5 cosas que debes saber sobre Lilián de la Concha, ex esposa de Fox y vinculada al Cártel del Milenio, su sdpnoticias.com, 23 ottobre 2013. URL consultato il 6 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2016).
  23. ^ (EN) Barbara BeleJack, Live, from Guanjuato: It's President VICENTE FOX!, in Texas Observer, 16 febbraio 2001. URL consultato il 4 giugno 2007.
  24. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN32904117 · ISNI (EN0000 0001 1565 2528 · LCCN (ENn97097022 · GND (DE123436427 · BNF (FRcb15125470x (data) · WorldCat Identities (ENn97-097022