Emilio Portes Gil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emilio Portes Gil
Emilio Portes, portrait.jpg

41º Presidente del Messico
Durata mandato 1º dicembre 1928 –
4 febbraio 1930
Predecessore Plutarco Elías Calles
Successore Pascual Ortiz Rubio

Dati generali
Partito politico Partito Rivoluzionario Istituzionale

Emilio Portes Gil (Ciudad Victoria, 3 ottobre 1890Città del Messico, 10 dicembre 1978) è stato un politico messicano.

È stato il 41º presidente del Messico dal 30 novembre 1928 al 5 febbraio 1930.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Uomo di legge e magistrato, nel 1916 divenne deputato al Congresso dell'Unione, dal 1925 al 1928 fu governatore dello Stato di Tamaulipas.

Dopo l'assassinio, il 17 luglio 1928, del presidente del Messico Álvaro Obregón, appena rieletto, Emilio Portes Gil venne nominato dal Congresso come presidente provvisorio, carica che mantenne fino al 4 febbraio 1930. Durante la sua presidenza, il presidente messicano portò avanti la riforma agraria iniziata dai predecessori e pubblicò il nuovo Codice del lavoro. Dopo la scadenza del mandato, fu tra i fondatori del Partito Nazionale Rivoluzionario, in cui confluirono tutte le anime della rivoluzione, ormai dominata dalla borghesia e dai ceti medi; ne fu presidente per un quinquennio (1930-1935). Successivamente, Portes Gil fu il delegato messicano alla Società delle Nazioni e ministro degli Esteri tra il 1934 e il 1935 nel gabinetto del presidente Lázaro Cárdenas del Río.

Morì a Città del Messico il 10 dicembre 1978.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8571249 · ISNI (EN0000 0001 0952 5581 · LCCN (ENn83157636 · GND (DE133283275 · WorldCat Identities (ENn83-157636