Thick as a Brick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Thick as a Brick
Artista Jethro Tull
Tipo album Studio
Pubblicazione 3 marzo 1972
Durata 43:50
Dischi 1
Tracce 2
Genere Rock
Rock progressivo
Etichetta Chrysalis
Island Records Regno Unito
Reprise Records Stati Uniti
Produttore Ian Anderson, Terry Ellis
Registrazione dicembre 1971 ai Morgan Studios di Londra
Note Ristampato nel 1997 con 2 bonus tracks
Certificazioni
Dischi d'oro 1
Jethro Tull - cronologia
Album precedente
(1971)
Album successivo
(1972)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle
Rolling Stone 5/5 stelle
Progarchives 4.5/5 stelle
George Starostin 13/15 stelle[1]

« So you ride yourselves over the fields-- and you make all your animal deals-- and your wise men don't know how it feels to be thick as a brick[2] »

(da "Thick as a Brick")

Thick as a brick è il quinto album dei Jethro Tull, pubblicato nel 1972.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Thick as a Brick è generalmente considerato il primo album strettamente progressive dei Jethro Tull, pur mantenendo, secondo lo stile del gruppo, forti connotazioni rock, blues e folk. La struttura delle tracce è inedita: il disco presenta infatti un unico brano, suddiviso in due parti (senza una reale soluzione di continuità) solo per le esigenze tecniche del vinile. Lo stesso schema verrà adottato successivamente dai Jethro Tull per l'album A Passion Play.

Non sorprende che Thick as a Brick sia un concept album; i testi sono stati inizialmente presentati come opera di un bambino prodigio, il poeta Gerald Bostock che vinse un concorso di poesia presentando appunto il testo di Thick as a Brick, salvo poi venire squalificato per aver detto una parolaccia in diretta; In realtà Gerald Bostock non è altro che un personaggio inventato dallo stesso Ian Anderson.

Pare che l'idea di realizzare un concept album sia venuta a Ian Anderson in reazione ai critici che avevano etichettato come tale il precedente album del gruppo, Aqualung. Con Thick as a Brick Anderson volle prendere ironicamente le distanze dalla "moda" stessa dei concept album tipica del rock progressivo, portando l'idea al suo eccesso (un singolo, monolitico brano). Gli ascoltatori che padroneggiano la lingua inglese potranno anche apprezzare i numerosi elementi di sarcasmo e umorismo che caratterizzano i testi di quest'opera.

Nonostante l'intento ironico della band il risultato fu un disco elaborato e innovativo. Per questo Thick as a Brick viene generalmente considerato uno dei momenti più alti della carriera dei Jethro Tull e una pietra miliare nella storia del rock. Il disco è un perfetto esempio del particolarissimo approccio del gruppo al rock progressivo. Una versione ridotta di questa lunghissima suite costituisce uno degli appuntamenti fissi delle esibizioni dal vivo del gruppo (celebre in particolare la versione live sul doppio Bursting Out).

In occasione del quarantennale di Thick as a Brick, il 5 novembre 2012 il disco dei Jethro Tull venne ristampato in vinile. Accanto al classico disco del 1972 vi fu anche la versione in vinile di Thick as a Brick 2 di Ian Anderson del 2012. Inoltre, lo stesso anno, venne pubblicato anche un nuovo remixaggio chiamato Thick as a Brick 40th Anniversary Special Collector's Edition, ad opera di Steven Wilson, esso venne pubblicato in versione CD e DVD.[3]

L'album raggiunse la prima posizione nella Billboard 200 per due settimane ed in Australia per undici settimane, la terza nei Paesi Bassi e Norvegia e la quinta nel Regno Unito.

Copertina[modifica | modifica wikitesto]

Nell'edizione originale, la copertina era caratterizzata da un packaging molto insolito: il fronte era un intero quotidiano ripiegato e sfogliabile, l'ipotetico St. Cleve Chronicle del 7 gennaio 1972. In prima pagina la notizia della premiazione dell'immaginario Bostock e, all'interno, i testi dell'opera, confusi tra numerose notizie e articoli fittizi e ironici. In proposito la band dichiarò che ci volle più tempo a inventare le notizie da inserire nel giornale che a comporre le musiche del disco.

Ad oggi risulta molto difficile reperire questo LP in buone condizioni, poiché la copertina-quotidiano conteneva anche dei cruciverba e dei giochi che molti hanno compilato.

Live[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Thick as a Brick - Live in Iceland.

Nel 1972 l'album venne completamente eseguito dal vivo, risultando molto complesso nel portare in scena la sequenza musicale originariamente concepita nel disco in studio. Nel corso degli anni i Jethro Tull eseguirono nei loro concerti dal vivo una versione ridotta del brano, inizialmente di circa 15 minuti negli anni settanta, per poi essere ridotto a circa 10 minuti dagli anni ottanta in poi.

Il 22 giugno 2012 Ian Anderson tenne un concerto solista a Reykjavík (Islanda). Il tour mondiale del leader della band a supporto di TAAB2 prevedeva l'esecuzione integrale di Thick as a Brick dei Jethro Tull e Thick as a Brick 2 di Ian Anderson. Il concerto tenuto in Islanda venne pubblicato nell'album/video Thick as a Brick - Live in Iceland del 2014[4].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Ian Anderson e Gerald Bostock.

  1. Thick as a Brick Part 1 – 22:45
    • "Really Don't Mind / See There a Son Is Born"
    • "The Poet and the Painter"
    • "What Do You Do When the Old Man's Gone? / From The Upper Class"
    • "You Curl Your Toes In Fun / Childhood Heroes"
  2. Thick as a Brick Part 2 – 21:05
    • "See There a Man Is Born / Clear White Circles"
    • "Believe In the Day"
    • "Tales of Your Life"
    • "Childhood Heroes Reprise / Thick as a Brick

Bonus track presenti nella versione del 1997 (XXV anniversario)

  1. Thick as a Brick (live al Madison Square Garden, 1978) - 11:48
  2. Interview with Jethro Tull's Ian Anderson, Martin Barre, and Jeffrey Hammond - 16:28

Thick as a Brick 40th Anniversary Special Collector's Edition[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, a quarant'anni dalla sua pubblicazione, Thick as a Brick venne celebrato con l'uscita delle 40th Anniversary Special Collector's Edition.

Thick as a Brick 40th Anniversary Special Collector's Edition CD & AUDIO DVD[modifica | modifica wikitesto]

Questa edizione ripropose i brani di Thick as a Brick rimasterizzati e remixati da Steven Wilson su CD e su DVD in formato 5.1 DTS e Dolby Digital, accompagnati da un cofanetto contenente la versione rimontata in 40 pagine del giornale originale St. Cleve Chronicle & Linwell Advertiser del 1972, con in aggiunta un supplemento a colori di 60 pagine con la storia del disco, interviste ai protagonisti, foto e rarità. Nel cd vi è presente solo il remix del 2012 al quale, nella seconda parte, mancano 10 secondi rispetto all'originale[5].

Tracce CD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Thick As A Brick (Part 1) (2012 Remix)
  2. Thick As A Brick (Part 2) (2012 Remix)

Tracce DVD[modifica | modifica wikitesto]

  1. Thick As A Brick (Part 1) (5.1 Mix DTS & Dolby Digital)
  2. Thick As A Brick (Part 2) (5.1 Mix DTS & Dolby Digital)
  3. Thick As A Brick (Part 1) (2012 Remix)
  4. Thick As A Brick (Part 2) (2012 Remix)
  5. Thick As A Brick (Part 1)
  6. Thick As A Brick (Part 2)
  7. Radio Spot

Thick as a Brick 40th Anniversary Special Collector's Edition 2 LP[modifica | modifica wikitesto]

Questa edizione presentò Thick as a Brick in vinile con il nuovo mixaggio ad opera di Steven Wilson. Il secondo LP del boxset presentò la proposta in vinile di Thick as a Brick 2 di Ian Anderson del 2012.[6]

Disco 1[modifica | modifica wikitesto]

Thick As A Brick
Lato A

  1. Thick As A Brick (Part 1) (2012 Remix)

Lato B

  1. Thick As A Brick (Part 2) (2012 Remix)

Disco 2[modifica | modifica wikitesto]

Thick As A Brick 2
Lato A

  1. From a Pebble Thrown
  2. Pebbles Instrumental
  3. Might Have Beens
  4. Upper Sixth Loan Shark
  5. Banker Bets, Banker Wins
  6. Swing It Far
  7. Adrift and Dumfounded
  8. Old School Song
  9. Wootton Bassett Town

Lato B

  1. Power and Spirit
  2. Give Till It Hurts
  3. Cosy Corner
  4. Shunt and Shuffle
  5. A Change Of Horses
  6. Confessional
  7. Kismet in Suburbia
  8. What-ifs, Maybes and Might-have-beens

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione di George Starostin
  2. ^ E così cavalcate per i campi/e fate i vostri bestiali affari/ed i vostri saggi non sanno come ci si senta ad essere ottusi come un mattone.
  3. ^ Thick as a Brick 40th Anniversary Special Collector's Edition Official website
  4. ^ Thick As A Brick Live in Iceland, j-tull.com, 2014. URL consultato il 28-06-2014.
  5. ^ Nel remix del 2012 la seconda parte dura 20:55 minuti, mentre nell'originale la seconda parte dura 21:05 minuti.
  6. ^ Thick as a Brick 2 in vinile

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock progressivo