Jeffrey Hammond

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jeffrey Hammond
Jethro-Tull-9-73(4).jpg
Jeffrey Hammond in una foto del 1973
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereRock progressivo
Progressive folk
Periodo di attività musicale1967 – 1975
StrumentoBasso
GruppiJethro Tull

Jeffrey Hammond, talvolta accreditato come Jeffrey Hammond-Hammond[1][2] (Blackpool, 30 luglio 1946), è un bassista britannico, componente del gruppo storico progressive dei Jethro Tull dal 1971 al 1975: ha partecipato alla realizzazione di 6 album. Del quarto di essi, A Passion Play, ha anche contribuito come co-autore e voce narrante della parte centrale dell'album: The Story of The Hare Who Lost His Spectacles.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Amico di Ian Anderson fin dal periodo scolastico, all'età di 17 anni formò una band giovanile insieme allo stesso Anderson e ad altri due futuri membri dei Jethro Tull, John Evan e Barriemore Barlow. La band si chiamava The Blades e provava nello scantinato messo a disposizione di Evan[3]. Ben presto il nome cambiò in The John Evan Band[4][5], ma di li a poco Hammond decise di lasciare la musica per dedicarsi alla pittura.

Dopo che Ian Anderson gli ebbe dedicato tre canzoni nei primi tre album dei Jethro Tull (Song for Jeffrey in This Was, Jeffrey Goes to Leicester Square in Stand Up e For Michael Collins, Jeffrey And Me in Benefit[6]), nel 1971 fu convinto ad entrare a far parte del gruppo per sostituire Glenn Cornick, suonando il basso nell'album Aqualung che rese la band celebre in tutto il mondo[3].

Durante i concerti, spesso indossava un caratteristico abito a strisce bianche e nere, intonato col suo basso che aveva gli stessi colori.[7]

Nell'album A Passion Play è accreditato come co-autore ed è la voce narrante (con un accento esagerato del Lancashire) della parte centrale dell'opera: The Story of The Hare Who Lost His Spectacles.[8]

A lui è attribuita l'invenzione del claghorn, uno strumento ibrido ottenuto da un sassofono e da un flauto, suonato da Ian Anderson in Dharma for one.[3]

Nel 1975, dopo la registrazione di Minstrel in the Gallery, Hammond abbandonò la musica per tornare a dedicarsi alla pittura e fu sostituito da John Glascock. Come pittore è sempre stato molto riservato e, fino al 2017, solo amici intimi e parenti potevano osservare le sue opere[9].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Con i Jethro Tull[modifica | modifica wikitesto]

LP[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il padre e la madre avevano infatti lo stesso cognome, Hammond.
  2. ^ (EN) Biografia di Hammond sul sito ufficiale dei Jethro Tull, su jethrotull.com.
  3. ^ a b c Scott Allen Nollen, 2002
  4. ^ All Music Net, pag. 8, 18
  5. ^ The John Evan Band su Discogs
  6. ^ Jeffrey Hammond è menzionato anche nella canzone Inside di Benefit
  7. ^ Brian Rabey, pag. 95
  8. ^ All Music Net, pag. 53
  9. ^ (EN) Jethro Tull guitarist Jeffrey Hammond, in Lancashire Life, 17 Ottobre 2017. URL consultato il 4 maggio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN166758067 · ISNI (EN0000 0001 1401 8568